Australia, picchia la figlia di otto mesi: non andrà in carcere

I vicini hanno sentito la giovane mamma minacciare di gettare la bambina dalla finestra

Ha picchiato la sua bambina con un cucchiaio, procurandole lividi ed escoriazioni. Ma il giudice ha stabilito che non farà un giorno di carcere.

Lorien Norman, una mamma di 26 anni, ha ammesso di aver picchiato la figlia di otto mesi con un cucchiaio, causandole diverse ferite su tutto il corpo. Ma, come riporta il Daily Mail, se la caverà con un paio d'anni di libertà vigilata e una multa di 500 dollari. L'allarme è stato dato lo scorso primo ottobre da alcuni vicini di casa che hanno sentito la donna urlare contro la piccola e minacciarla di gettarla dalla finestra della sua casa di Adelaide, in Australia.

Nonostante la confessione, il giudice del tribunale distrettuale Jack Costello ha stabilito che la 26enne non andrà in prigione perché "la bambina ha recuperato dalle ferite rapidamente". Decisione che sta facendo discutere, anche in considerazione del fatto che la pediatra che per prima visitò la bambina stabilì che era stata colpita almeno almeno otto volte al viso e al corpo e che, per questo, aveva lividi sulla fronte, sulle guance, sulle orecchie, sul collo e sul braccio.

Commenti

rodolfoc

Gio, 07/09/2017 - 15:06

Prove tecniche di adozione mondiale della sharia

titina

Gio, 07/09/2017 - 18:07

Povera bambina: avere una madre che scarica tutta la cattiveria su di lei

Happy1937

Gio, 07/09/2017 - 19:44

Costello? Un nome che e' tutto un programma!

Renee59

Gio, 07/09/2017 - 19:52

Sono colleghi dei magistrati italiani.

Renee59

Gio, 07/09/2017 - 19:53

Questa madre è pericolosa, la bimba gli va tolta.

TonyGiampy

Ven, 08/09/2017 - 00:36

Fra poco la fara' franca anche chi fa fuoco con un revolver su una altra persona. L'importante e' che non miri agli organi vitali!!! Nel mondo stanno accadendo troppe cose inpiegabili!!

Silvio B Parodi

Ven, 08/09/2017 - 00:42

ma i giudici sono tutti cosi' deficenti?????