"Babbo Natale non esiste". Bufera per lo spot di PayPal

In Inghilterra è andato in onda uno spot sul Natale che ha fatto infuriare i genitori. E l'azienda si è dovuta scusare

"Babbo Natale non esiste". Anche senza sentire questa frase, tutti prima o poi abbiamo dovuto affrontare la questione. Ma se a svelare la verità è uno spot tv e non l'arrivo di una consapevolezza che mette fine all'infanzia il rischio è che con la verità sparisca anche la magia del Natale.

Ecco perché in Inghilterra si è sollevato un polverone per la pubblicità di PayPal che ha come protagonista due bambini che, già disillusi, si chiedono perché i genitori non escano a fare acquisti. Lo spot voleva dimostrare come fosse possibile far arrivare i regali "magicamente" comprando tutto online, ma l'effetto ottenuto è stato un boomerang per l'azienda.

La clip è infatti andata in onda intorno alle 21 durante una pausa pubblicitaria di XFactor. Quando cioè molti bambini erano davanti alla tv. In molti si sono lamentati per lo spot con la ASA (Advertising Standards Authority), l'autorità inglese che vigila sulle pubblicità. Al punto che il portavoce dei PayPal ha dichiarato: "Ci dispiace che alcune persone siano rimaste male per la nostra nuova pubblicità. Lo scopo dello spot era di guardare con occhio divertito a quei regali che i bambini sanno arrivare dai genitori. E non diciamo mai che non è vero che anche Babbo Natale porta i regali". La società ha comunque deciso di mandare in onda lo spot solo a orari più tardi.

Commenti
Ritratto di faustopaolo

faustopaolo

Ven, 06/11/2015 - 20:44

Non capisco perché questi si siano infuriati. Forse che Babbo Natale esiste veramente? Invece Gesù bambino o santa Lucia o san Nicola, che sono esistiti veramente, è meglio non dirlo ai bambini.

Ritratto di pravda99

pravda99

Ven, 06/11/2015 - 22:40

faustopaolo - Perche' a lei invece i regali li porta gesubambino vero? Beh allora spero abbia fatto il bravo anche quest'anno...Ha gia` scritto la letterina? E cosa ha chiesto?

claudioarmc

Sab, 07/11/2015 - 08:58

Esiste uno sfrenato desiderio di questi nuovi intelligentoni che tutto sanno e capiscono di stupire, sconvolgere e provocare ed è un vero prodigio che andrebbe studiato dalla Istopatologia, perché fare tutto questo con un solo neurone è un vero MIRACOLO DIVINO. BUON NATALE e fate i bravi altrimenti solo carbone

linoalo1

Sab, 07/11/2015 - 09:04

Siamo nel Duemila ed ancora si vuole fare credere ai Maghi ed alle Streghe!!!Quando cresceremo???E,quel che è peggio,è che lo vogliono i Genitori!!!Poveri bambini!!!!!

Cacciamo i Padani

Sab, 07/11/2015 - 11:54

Babbo Natale è una BUFFONATA AMERICANA che parte da un libro statunitense. Una delle tante AMERICANIZZAZIONI che ha DISTORTO il vero e profondo SENSO del NATALE e lo ha trasformato in una festa CONSUMISTICA. Ad es. in POLONIA (come in Olanda e in tanti altri paesi europei) si parla ai bambini di S.NICOLA, SANTO REALMENTE ESISTITO in TURCHIA e che ha dato la sua vita per i POVERI. Sarebbe opportuno far riscoprire ai bambini le NOSTRE RADICI e TRADIZIONI, invece di farci COLONIZZARE dal PENSIERO UNICO AMERICANO. Preparatevi a giocare a football americano, a baseball e a tagliere il tacchino per la festa del ringraziamento.

Antonio43

Lun, 28/12/2015 - 14:30

E perchè la "cagata pazzesca" del 31 ottobre, halloween, dove la mettiamo? Negli asili non fanno le feste di natale, ma quella di halloween sì! E' inutile, siamo una colonia, perfino nei paesi sperduti del sud trovi insegne tipo "hair stylist" invece che di barbiere. Se poi hai perfino il governo che titola le sue leggi in inglese, che pretendi che te lo rispettano? Provaci in Francia, là perfino il computer chiamano ordinateur e alla nato è obbligatorio l'uso del francese, oltre che dell'inglese, anche se loro se ne tengono alla larga.