Baby gang, De Luca: "A Napoli il problema è dieci volte peggio"

L'affondo del governatore della Campania: "Il problema esiste anche in altre città ma sbagliato assumere atteggiamenti consolatori. Dobbiamo reagire all'emergenza educativa"

Baby gang, arriva il nuovo affondo di Vincenzo De Luca: "Sarebbe sbagliato non dire che il problema c'è anche in altre città ma è ancora più sbagliato assumere atteggiamenti autoconsolatori e alibi, perché a Napoli il fatto è dieci volte più grave".

Dalla tribuna televisiva di Liratv, il governatore della Campania torna sul tema della violenza e della microcriminalità giovanile. E afferma: "Quello delle baby gang è diventato un grande problema sociale che a Napoli è diventato un problema doppio. Anche qui dobbiamo parlare un linguaggio di verità: le baby gang le troviamo anche a Roma, anche in altre città. E sarebbe sbagliato non dirlo. Ma è ancora più sbagliato assumere atteggiamenti autoconsolatori o alibi perché a Napoli il problema è dieci volte più grave e dobbiamo avere il coraggio di dirlo".

Per De Luca è tempo di reagire: "Si deve avere il coraggio di fare delle scelte. A cominciare da una di carattere generale: contrastare su tutti i piani, comportamenti che sono al limiti dell’illegalità, del caos, dell’intimidazione. Non solo da parte delle baby gang. Avere, intanto, un impegno generale a far crescere un clima di ordine e di responsabilità mettendo ai margini tutti quegli spezzoni di società napoletana che pensano di continuare come nei decenni passati, con l’ammuina, con l’intimidazione, con la prepotenza. Anche quando ci sono problemi veri. Ma questi vanno affrontati con rispetto per tutti sembre nel rifiuto della logica della prevaricazione".

Il governatore della Campania accusa un certo lassismo nel dibattito pubblico: "C'è un'emergenza educativa, che comincia dalle famiglie e prosegue nelle scuole. Da quanti anni non ci diciamo la verità su quello che accade nelle scuole? Sui ragazzini che minacciano gli insegnanti, su quelli che tirano le borse in faccia ai docenti. E ci sono genitori più farabutti dei figli che di fronte a ciò vanno a difendere i figli. I ragazzi fanno quello che gli pare, i docenti devono aver paura anche a fare un richiamo".

E quindi esprime la sua proposta sul tema sulla responsabilizzazione delle famiglie e sull'ipotesi dell'abbassamento della soglia di punibilità, al di sotto dei sedici anni: "Poi rimane un tema a cui non si deve sfuggire, la repressione. Perché le famiglie hanno bisogno di sicurezza oggi, non fra dieci anni. oggi un ragazzo di 16 anni è in grado di distinguere tra bene e male. Se non ci arriva da solo, ci arriverà con la repressione. Responsabilizzare le famiglie, i genitori devono pagare, rimborsare tutto. E poi credo che sia arrivato il momento anche per ragionare sulla soglia di punibilità. Apriamo un dibattito per abbassare la soglia, adeguare l’età per la punibilità".

In coda, non manca una stoccata alla tv "cattiva maestra". Senza mai nominarla, sembra proprio che De Luca ce l'abbia con Gomorra: "Bisogna che certe trasmissioni affermino all'inizio e alla fine che l'unico destino per chi imbocca la strada delinquenza organizzata è quello del carcere o della morte. E se non è troppo faticoso che ci si impegni a dare un’immagine vera di Napoli, a dare spazio alle persone per bene che hanno il coraggio di fare il loro dovere. Proponiamo queste immagini positive come esempi ai giovani".

Commenti
Ritratto di stufo

stufo

Sab, 20/01/2018 - 14:38

giovinap, giovinap, cosa combinate laggiù....

Ritratto di giovinap

giovinap

Mar, 13/02/2018 - 11:16

non tutti i baby hanno un padre "capo popolo"che lo candida in parlamento e lo fa eleggere con la sua "benedizione politica",alcuni baby hanno i padri capoclan e vanno nelle baby gang i primi vanno in parlamento e i secondi in "parlatorio". detto questo, tu cosa hai fatto a 3 anni circa dalla tua elezione, per questo problema ?i campani hanno capito che tra te e il precedente, cambiano solo le dinamica del "aum aum" mentre i napoletani hanno capito che a te interessa solo l'area del salernitano dove hai il pozzo di san patrizio dei tuoi voti; hai prodotto solo fiumi di parole.

Ritratto di giovinap

giovinap

Mar, 13/02/2018 - 11:19

stufo, uguale a quello che combinate lassù !