Banche venete, Intesa disponibile all’acquisto per prezzo simbolico di 1 euro

Via libera del cda per comprare a un prezzo simbolico l'attività commerciale e la rete di Pop Vicenza e Veneto banca. Ma per chiudere l'operazione chiede "una cornice legislativa"

Il cda di Intesa Sanpaolo ha deliberato con voto unanime la disponibilità all'acquisto di "certe attività e passività e certi rapporti giuridici" di Banca Popolare di Vicenza e Veneto Banca.

L'acquisto, però, si legge in una nota di Cà de Sass, avverrebbe solo "a condizioni e termini che garantiscano, anche sul piano normativo e regolamentare, la totale neutralità dell'operazione rispetto al Common Equity Tier 1 ratio e alla dividend policy" del gruppo.

La disponibilità di Intesa Sanpaolo ad acquistare alcune attività di Popolare di Vicenza e Veneto Banca "esclude" aumenti di capitale. "La disponibilità di Intesa Sanpaolo riguarda l'acquisizione di un perimetro segregato che esclude i crediti deteriorati (sofferenze, inadempienze probabili e esposizioni scadute), i crediti in bonis ad alto rischio e le obbligazioni subordinate emesse, nonché partecipazioni e altri rapporti giuridici considerati non funzionali all'acquisizione", precisa ancora la nota del gruppo bancario.

In particolare, Intesa Sanpaolo considera "necessaria per la conclusione e l'efficacia dell'operazione una cornice legislativa, approvata e definitiva, che, fra l'altro, assicuri le misure necessarie per raggiungere gli obiettivi della totale neutralità dell'operazione rispetto al Common Equity Tier 1 ratio e alla dividend policy del Gruppo, la copertura degli oneri di integrazione e razionalizzazione connessi all'acquisizione e la sterilizzazione di rischi, obblighi e impegni comunque avanzati nei confronti di Intesa Sanpaolo per fatti antecedenti la cessione o relativi a cespiti e rapporti non compresi nelle attività e passività trasferite".

L'operazione, precisa ancora la banca, "è subordinata all'incondizionato placet di ogni Autorità competente anche con riferimento alla relativa cornice legislativa e regolamentare" e "il trasferimento delle attività e passività, ove perfezionato, avverrà a fronte di un corrispettivo simbolico" che sarà probabilmente di un euro.

Dopo l'ufficializzazione del via libera del cda per l'acquisto, Intesa Sanpaolo è scattata a Piazza Affari dove, dopo aver condotto gran parte della seduta in territorio negativo, si avvia nell'ultima fase con un robusto rialzo: +2,8% a quota 2,6040 euro per azione. In scia ne stanno beneficiando anche gli altri istituti quotati: Unicredit +2,75%, Mediobanca +1,01%, Banco Bpm +2,49%, Bper +3,08%.

Commenti

Mizar00

Mer, 21/06/2017 - 17:23

Non so perchè, ma sento forte puzza di bruciato..

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Mer, 21/06/2017 - 17:27

mi puzza di bruciato questa operazione. non l'acquisto in se, ma il modo con cui si fanno accordi per acquistarli: temono forse di finire come banca etruria? allora sono pieni di denaro sporco? :-)

Ritratto di Cardanus

Cardanus

Mer, 21/06/2017 - 17:31

2 gioielli veneti distrutti. A. dalla BCE che ha imposto nuove regole. B. Direttori generali cafoni, incapaci e ignoranti, come Francesco Iorio, che ha seppellito la Popolare di Vicenza (Zonin a dispetto di quanto si sente dire e' innocente). C. Da una campagna di stampa basata sui pettegolezzi e sul sentito dire, di una virulenza e bassezza mai viste prima.

Libertà75

Mer, 21/06/2017 - 17:33

Va bene tutto, ma comprarlo con garanzie di sterilizzazione dei rischi è facile. A queste condizioni, teoricamente, dovrebbe esserci la fila per acquistare queste banche.

accanove

Mer, 21/06/2017 - 17:37

ah! Valgono di più? Mi pareva siano fallite ma che non lo vengano dichiarate altrimenti cade il governo, crolla il sistema bancario, sono membri acidi per bankit, gli italiani truffati cambiano il voto e citano per danni un sacco di persone importanti. Non è così?

Ritratto di stenos

stenos

Mer, 21/06/2017 - 17:39

Il fantasma di mortadella aleggia sempre sull'economia italiota. Dopo la Buitoni ora le banche.....

mauro.t

Mer, 21/06/2017 - 17:49

fermi tutti! le prendo io!! decuplico l'offerta! 10euro. Pero' con lo stesso accordo: i debiti li paga lo stato, le grane che dovessero uscire dall'amministrazione precedente se le ciuccia il governo. Io mi prendo beni mobili e immobili, licenze , know how. Ma che schifo

Fjr

Mer, 21/06/2017 - 17:50

Come la pubblicità,ti piace vincere facile!

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Gio, 22/06/2017 - 00:40

Se le compri per 1 euro, significa che sono già fallite con una montagna di debiti. Aspettano solo i polli che le comprano.

Ernestinho

Gio, 22/06/2017 - 07:45

Io offro 2 euro per l'acquisto!