Biloslavo ancora contestato: urla e violenza all'università

Il reporter è stato preso di mira dai collettivi di sinistra dell'Università di Trento. Scontri con chi difendeva il giornalista

Trento, 30 ottobre 2019. Anche se la lancetta potrebbe tornare tranquillamente indietro di almeno 40 anni, perché il clima è quello teso degli anni Settanta. In via Verdi, di fronte alla Facoltà di Sociologia, si sono raggruppati già dal pomeriggio gli studenti del collettivo di estrema sinistra ReFresh, che nei giorni scorsi aveva minacciato di interrompere la conferenza sulla Libia della firma de il Giornale Fausto Biloslavo. Dall’altra parte di via Verdi, un gruppo di studenti che ha organizzato un sit in in difesa del giornalista, distribuendo un volantino in cui campeggia la scritta “Fuori i brigatisti dall’Università, basta con le minacce”. A favore quindi della libertà di parola e della democrazia.

I due gruppi, poco prima della conferenza, si sono scontrati e sono volati ombrelli, schiaffoni e pugni. Un momento tesissimo, che ha costretto la polizia a intervenire e sedare gli animi. La conferenza di Biloslavo inizia con mezz’ora di ritardo, vista la grande tensione. Tuttavia, il collettivo non demorde e fuori dall’aula Kessler di Sociologia divampa con la protesta. L’obiettivo è quello di disturbare e interrompere i relatori battendo i pugni sulle porte e grida di ogni tipo e insulti. E in parte ci riescono perché i relatori, Biloslavo compreso, fanno fatica a parlare e la conferenza prosegue con grande difficoltà per via dei disturbatori. “Merde, fuori i fascisti dalle università” i loro slogan.

Uno slogan vecchio e che dimostra come la tolleranza e il rispetto della libertà di parola non siano mai stati appanaggio di una certa ideologia politica che preferisce sempre far tacere il dissenso. Anche quando queste parole in realtà dovrebbero rispecchiare quello che la sinistra predica da anni, ad esempio le durissime condizioni dei migranti nei centri di detenzione libici.

Commenti

venco

Mer, 30/10/2019 - 19:07

Tutti i depravati, delinquenti e porcherie varie sono contro la gente giusta e corretta.

cecco61

Mer, 30/10/2019 - 19:18

Si era già visto al Salone del Libro di Torino. Comunisti, indipendentemente dal nome sia esso LEU, PD o simili.

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Mer, 30/10/2019 - 19:21

Una legge che imponga di non disturbare il prossimo si può o non si può fare, che chi va contro viene arrestato e messo in gattabuia per anni? Solo la sx partorisce leggi alla loro bisogna?

mozzafiato

Mer, 30/10/2019 - 19:26

Esilaranti le zecche rosse no global a Trento! Esilaranti e comiche... del tutto accomunabili all'ANPI, alla BOLDRY a SAVIANO a LERNER e a FIANO (praticamente la feccia della nostra società). E NON CAMBIANO! Non mi risulta esista su questa terra una simile malattia mentale che si reitera da generazioni simile a questa! Potenza dell'indottrinamento coatto il cui squallido capostipite fu tale delinquente di nome giuseppe stalin ed introdotto furtivamente in italia dal suo degno kompare palmiro togliatti.L'istruzione in Italia (così come la magistratura pure di staliniana memoria) permane saldamente nelle mani dei komunisti... e nessuno che sia capace capace di far cessare questo ignobile rigurgito di metodologia bolscevica!

Maura S.

Mer, 30/10/2019 - 19:35

Questi scalmanati che si dicono universitari, non capiscono che così facendo sono loro i veri fascisti? A quello che ho letto era durante il periodo fascista che le opinioni personale era bandite. Quello è il fascismo!!!

steacanessa

Mer, 30/10/2019 - 19:37

Curcio sarà felice. Maledetti comunisti, immonde creature contro natura.

VittorioMar

Mer, 30/10/2019 - 19:38

...altro ERRORE di gioventù,facevamo Sciopero per TRIESTE e TRENTO Italiane...dovevamo farlo solo per TRIESTE e/o per Gorizia...stupida Innocenza Politica...!!!

Ritratto di Contenextus

Contenextus

Mer, 30/10/2019 - 19:39

I veri fascisti sono proprio quegli studenti che impediscono al giornalista di parlare. E' il fascismo dei sinistri, molto più pervasivo, pericoloso, marcio del fascismo originario.

Gianni11

Mer, 30/10/2019 - 19:52

I sinistroidi sono indottrinati di un'ideologia falsa che scaturisce sempre odio e violenza contro chiunque non sia malato come loro. Vanno curati, come si e' dovuto fare nel passato con successo. Nel frattempo andrebbero tutti espulsi insieme ai "professori" comunisti che gli hanno rovinato il cervello.

Caravaggio73

Mer, 30/10/2019 - 19:58

Sociologi? Futuri disoccupati o impiegati nei call center delle agenzie trovalavoro grilline.

edo1969

Mer, 30/10/2019 - 20:00

Ecco i veri fascisti

Guido123

Mer, 30/10/2019 - 20:02

Questi sono i VERI fascisti. Hanno ragione fuori i fascisti, nel frattempo non sarebbe meglio TAGLIARE i fondi all'università? Tagliare anche gli stipendi dei professori perchè hanno FALLITO nell'insegnamento!

Guido123

Mer, 30/10/2019 - 20:05

C'è anche Faustini il direttore dell'ADIGE con i suoi sostenitori. Forse è meglio NON COMPRARLO più!

ghorio

Mer, 30/10/2019 - 20:06

Tutta la mia solidarietà a Fausto Biloslavo, giornalista e reporter di vaglia sulla scia dei grandi inviati che hanno fatto la storia del giornalismo italiano. I collettivi di sinistra dell'Università di Trento dovrebbero fare un ripasso della storia del giornalismo per apprendere che chi scrive va sul posto e riferisce con obiettività. Poi non sarebbe male ripassare i maestri della sociologia, a partire da Vilfredo Pareto.

Ritratto di bracco

bracco

Mer, 30/10/2019 - 20:08

Che dire l'università di Trento andrebbe chiusa. Nulla è cambiato. Vengono da quella università culla di brigatisti rossi criminali terroristi come Curcio, la Cagol. Ad oggi poco è cambiato regno dei centri sociali mantenuti con denaro pubblico. Una schifezza !!!

VittorioMar

Mer, 30/10/2019 - 20:09

...tipico atteggiamento dei Picchiatori FASCISTI Anti Democratico e Anti Liberale...!!!...e il CRONISTA BILOSALVO RITENUTO UN PROVOCATORE= a LERNER & C. !!!

Ritratto di Friulano.doc

Friulano.doc

Mer, 30/10/2019 - 20:11

Questi sono film già visti negli anni ‘70 e ‘80. Prima che anche questo periodo venga ricordato tra gli “anni di piombo”, questi autentici delinquenti politici vanno fermati con la più dura fermezza e con la massima determinazione. I “compagni che sbagliano” vanno repressi senza pietà, espulsi dalle Università della Repubblica ed incarcerati.

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Mer, 30/10/2019 - 20:12

...Teste calde,nipoti di quelli che nel '68,si inebriavano di "utero è mio",di "collettivismo",adoravano(e partirono per)le "comuni cinesi"(tornando scornati e disadattati per sempre..),quelli del "voto di gruppo",del "voto politico",quelli i cui bisnonni sono stati "partigiani",che hanno liberato l'Italia dai "fascisti",che hanno spalancato le porte all'INVASIONE-ACCOLTA "Est-Afro-islamica",distruttori di identità,di valori,sballati di canne,di movide,il cui unico scopo è fare casino,con i neuroni azzerati!

Ritratto di giùalnord

giùalnord

Mer, 30/10/2019 - 20:13

Qui si stanno calpestando i diritti fondamentali di un individuo appartenente ad uno stato democratico:libertà di pensiero e libera espressione delle proprie idee! Spero che la polizia faccia chiarezza e la magistratura ,se neutra verso un cittadino,faccia il suo corso.

buonaparte

Mer, 30/10/2019 - 20:20

i comunisti non sanno cosa sia la democrazia basta vedere cosa hanno fatto dove sono andati al potere. chiedete ai tanti stranieri dell'est che sono qui per mangiare 3 volte al giorno finalmente .sono stato un anno nei giovani comunisti nel 70 e mi hanno insegnato solo ad odiare poi sentirli parlare che gli altri seminano l'odio mi fa ridere . hanno la faccia di bronzo .. diciamo..

nunavut

Mer, 30/10/2019 - 20:22

Pensare che Prodi insegnò in quella Università e leggendo le sue ultime dichiarazioni ad un Talk Show politico capisco perchè questi studenti siano un pò (molto) malati di "utopismo acuto"

Ritratto di etaducsum

etaducsum

Mer, 30/10/2019 - 20:23

Se in Italia esiste ancora e detta legge, foraggiata con le tasse dei cittadini, il fa falso storico che è l’ANPI, non fa meraviglia che nelle università imperversino i collettivi sinistrati, parenti stretti delle BR.

fergo01

Mer, 30/10/2019 - 20:27

bilo è unondei più grandi giornalisti di guerra oggi presenti nel panorama giornalistico mondiale. dei cerebrolesi sono fermi a 40 anni fa.... anzi : sono fermi a 70 anni fa

lisanna

Mer, 30/10/2019 - 20:47

solidarieta' al grande Biloslavo, questi smidollati non degni neanche di pulirgli le scarpe. cosa ne sanno di un giornalista che senza smentite e' uno dei migliori reporter di guerre, rapito in Afganistan (mi pare), ferito e sempre ritornato nei fronti piu' cruenti? il loro nome REFRESH sarebbe da applicarlo su loro stessi....

moichiodi

Mer, 30/10/2019 - 21:02

Biloslao martire. È accaduto a personalità e anche ministri di destra e di sinistra. Non dovrebbe accadere. Ma il giornale pare che viva viva nel paese dei balocchi.

Ritratto di Risorgeremo

Risorgeremo

Mer, 30/10/2019 - 21:47

Solidarietà a Biroslavo e a tutte le vittime della violenza e intolleranza rossa. Il vero fascismo da combattere oggi è l'antifascismo.

maxxena

Mer, 30/10/2019 - 22:05

La famosa visione "democratica" che l'attuale sinistra (che sinistra non è più), vuole riservare agli italiani. La prima cosa che fecero i nazisti prima di salire al potere, fu "Bücherverbrennungen" ossia il rogo dei libri "non in linea con il partito " la seconda "zittire" i dissidenti.Vedendo e sentendo queste cose, che personalmente vivo come una sopraffazione dittatoriale, viene veramente voglia , anche a chi non proviene da quel tipo di cultura, di votare a destra.Mi dispiace, per colore che,pur frequentando l'università non hanno imparato assolutamente niente sulla democrazia e sul fatto che la censura delle ideologie diverse, non sconfigge il nemico, ma lo rende martire e lo fortifica.Gentili studenti, non siate dittatori, siate democratici e lasciate ai vostri oppositori spazio per esporre le loro idee, e al prossimo la libertà di ascoltare e valutare ciò che è giusto e ciò che è sbagliato.Si chiama democrazia.

Ritratto di Risorgeremo

Risorgeremo

Mer, 30/10/2019 - 22:06

Facinorosi bamboccioni. Esistenze inutili e alienate, dal futuro nebbioso, destinate ad aggirarsi nelle paludi del fallimento e della frustrazione. Persone sconnesse dalla vita reale, dal lavoro, dalla fatica quotidiana, dall'impegno, dalle relazioni civili, in definitiva dal consorzio umano. Esseri infelici alla deriva, rinchiusi in una gabbia ideologica autoesclusa, autoreferente, rinnegante e soffocante. Prime vittime della loro stessa violenza e del loro stesso odio, dei loro limiti. Persone che pensano che il mondo non possa girare in modo diverso dalle loro piccole, parziali e soggettive visioni, che rifiutano e sopraffanno il prossimo scomodo, il prossimo diverso. Persone tristi.

CesareGiulio

Mer, 30/10/2019 - 22:15

Questa é l idea di democrazia che ha la sinistra.... A me sembra violenza e intolleranza per lo più...

Ritratto di Civis

Civis

Mer, 30/10/2019 - 23:43

Gli insofferenti per le idee altrui non dovrebbero avere alcuno spazio, specialmente in un luogo di ricerca e confronto di idee come l'Università. e questo dovrebbe garantirlo lo Stato. Chi pensa, invece, ad ogni livello, dallo studente al Rettore, che lo Stato non debba intervenire, non fa che appoggiare l'anarchia.

qualunquista?

Gio, 31/10/2019 - 00:42

Rettore....Se ci sei batti un colpo... o dimettiti

claudioarmc

Gio, 31/10/2019 - 06:44

Ecco chi sono i veri fascisti

timba

Gio, 31/10/2019 - 09:35

La cosa raccapricciante è che il rettore, il ministro dell'istruzione e compagnia cantante non abbiano niente da dire. Ed ancora più esilarante, non fosse invece puro liquame, è che per i vari Saviano % Co. i fascisti sono Salvini e Biloslavo. IN poche parole: se vinco io, se parlo io, se funziona come dico io.. va tutto bene. La società è retta, equo solidale, giusta. L'istruzione e la giustizia inappuntabili ed imparziali. Se vinci tu o devi parlare tu..eh..no. Non funziona. Non vale. Sei Fascista. Non mi risulta che Salvini/Meloni abbiano mai proibito ad alcuno di parlare, di scrivere. Ricevono tonnellate di insulti quotidiani cui hanno sempre risposto con un sorriso. Risultato: i liquami attuali figli di liquami 68ini sono ridotti al lumicino. Salvini/Meloni hanno il 50%. Ma, massimo dei minimi, si impongono i liquami di cui sopra. Solo in Italia...

perseveranza

Gio, 31/10/2019 - 09:57

I cosiddetti "collettivi di sinistra" hanno di fatto da decenni okkupato le Università e in generale la scuola italiana. E' l'imposizione (violenta) del pensiero unico di sinistra. O la pensi come loro o sei "fascista". E loro sarebbero i depositari della "democrazia"?

aswini

Gio, 31/10/2019 - 10:31

queti poiveri ragazzotti illeterati, infarciti di psuedo dottirine, mi fanno pena, il cervello è ormai al macero

Pinozzo

Gio, 31/10/2019 - 10:47

Bah. Che Biloslavo sia marcatamente di destra e' noto a tutti, ciononostante un dibattito sulla situazione in Libia sarebbe stato interessante, avrebbero dovuto ascoltare cosa aveva da raccontare (probabilmente cose interessanti).

dredd

Gio, 31/10/2019 - 11:02

Refresh? A me sembrano vecchi già da giovani

PassatorCorteseFVG

Gio, 31/10/2019 - 11:28

IL TERRORISMO ROSSO E NERO nel passato fu sconfitto da un parlamento unito sul caso,la lungimiranza ed unita democratica rese il tutto possibile,sono convinto che la maggioranza degli italiani di destra o sinistra non vuole il ritorno degli anni di piombo, pero quando qualche parlamentare evoca il possibile ritorno del fascismo e non si accorge dove sta il nuovo fascismo,visto il suo strabismo democratico, penso che a sua insaputa non fa che alimentare il nuovo fascismo, purtroppo rosso. ciao a tutti

Ritratto di abj14

abj14

Gio, 31/10/2019 - 14:29

Pinozzo 10:47 scrive : "Bah. Che Biloslavo sia marcatamente di destra e' noto a tutti, ciononostante . . . " - - - Ohibò, è riuscito a scrivere un commento quasi normale. - Scusi, ma il fatto che sia "marcatamente di destra" è necessariamente una pregiudizievole ?

Ritratto di abj14

abj14

Gio, 31/10/2019 - 15:02

PassatorCorteseFVG 11:28 - Concordo . . . salvo quando dice "e non si accorge dove sta il nuovo fascismo,visto il suo strabismo democratico, penso che a sua insaputa non fa che alimentare il nuovo fascismo"; ecco, io toglierei "penso che a sua insaputa".