Borseggi e rapine: Roma nella morsa della criminalità

La giunta Raggi festeggia il suo primo compleanno con l'arresto da parte dei carabinieri di una decina di malviventi, tra cui la "banda dei finti poliziotti". Ma non basta

È stato un weekend di super lavoro per le forze dell'ordine di Roma, che stanno arginando come possono l'emergenza criminalità che dilaga nella Capitale. I carabinieri hanno arrestato tre romeni tra i 37 e i 53 anni accusati di derubare i turisti travestendosi da poliziotti, mentre il comando provinciale di polizia ha fermato due borseggiatrici bosniache. Nelle stesse ore, i carabinieri sono intervenuti per bloccare altri piccoli malviventi specializzati nel derubare i tanti turisti che in questi giorni affollano le strade e i mezzi pubblici.

"La banda dei falsi poliziotti". Questo il soprannome che gli inquirenti avevano dato a tre cittadini di nazionalità romena, specializzati nel mettere in scena finte perquisizioni per approfittare della buona fede dei turisti e scipparli del portafoglio e ogni altro oggetto di valore.

La dinamica era sempre la stessa. I tre, disoccupati, senza fissa dimora e con con numerosi precedenti alle spalle, si dividevano il "lavoro": uno dei tre abbordava i turisti spacciandosi per un loro "collega" e li fermava con la scusa di chiedere delle indicazioni. A quel punto intervenivano gli altri due complici travestiti da poliziotti.

Mostrando un finto tesserino simulavano un controllo, chiedendo i documenti alle vittime e perquisendole. Poi, in un batter d'occhio, s'impadronivano di soldi e gioielli e scappavano via. Ma domenica, al termine dell'ennesima rapina, i tre malviventi sono stati arrestati dai carabinieri della stazione di Roma San Lorenzo. I militari hanno restituito 1200 euro all'ultima vittima della banda, un turista brasiliano di 73 anni. I tre delinquenti sono stati portati al carcere di Regina Coeli: saranno processati per rapina in concorso.

Giornata movimentata anche nella metropolitana romana, sede frequenti di rapine e borseggi. Due cittadine bosniache di 22 e 38 anni, domiciliate a Pomezia e con precedenti, sono state fermate dai carabinieri della stazione San Pietro all'interno del sottopasso del "Terminal Gianicolo", mentre stavano tentando di rubare il portafoglio dalla borsa di una turista cinese.

Nelle stesse ore, le forze dell'ordine hanno bloccato due romeni senza fissa dimora all'altezza di Piazza Venezia: avevano appena sottratto cellulare e portafogli a un ignaro turista italiano.

Infine due donne nomadi minorenni, entrambe domiciliate presso l'insediamento nomadi di Castel Romano e con precedenti specifici, a bordo di un convoglio metropolitano diretto alla stazione Termini hanno scippato il portafoglio ad un turista statunitense, ma sono state arrestate dai carabinieri della stazione di Roma Nomentana.

Storie di ordinaria quotidianità nella città governata dal sindaco Virginia Raggi che la settimana scorsa, insieme a Beppe Grillo, ha annunciato una stretta sull'accoglienza ai migranti.

Commenti
Ritratto di stenos

stenos

Lun, 19/06/2017 - 13:22

Risorse........tra un po con cittadinanza.

swiller

Lun, 19/06/2017 - 13:45

Risultati delle sinistre buoniste e criminali.

Ritratto di gzorzi

gzorzi

Lun, 19/06/2017 - 14:02

Tutto parte dai politicanti e chi puo' prova ad imitarli. Chi ruba di piu'?

Angelo664

Lun, 19/06/2017 - 14:33

Strano, saranno sicuramente ladri Italiani visto che la stragrande maggioranza delle risorse sono al telefono o sedute su qualche muretto oltre che ben pagate.

Ritratto di aresfin

aresfin

Lun, 19/06/2017 - 14:37

Fra diversamente colorati e rom siamo diventati un paese bellissimo.

Rainulfo

Lun, 19/06/2017 - 14:52

Se ne possono arrestare 4/5 al giorno, venite a termini linea B e ve le faccio prendere io...

Angelo664

Lun, 19/06/2017 - 14:52

Non è colpa di Virginia Raggi se Roma è così. E' passato troppo poco tempo dal suo insediamento, e l'Italia che ha delle leggi che di fatto rendono inutile l'arresto.

rebella123

Lun, 19/06/2017 - 15:01

Anni fa il sistema dei finti polizziotti per rubare ai turisti in Romania era chiamato metodo maradona ma quando venivano arrestati erano anni di galera seduta stante e finito l'interrogatorio in caserma questi si ritrovavano con la mobilita' articolare fortemente ridotta.Ora grazie agli imbecilli della U.E.che li an fatti cittadini comunitari si son trasferiti dove altri imbecilli di governanti li trattano con i guanti.Ed essendo soddisfatti delle performans di tutta questa feccia dell'est Europa vogliono fare la stessa cosa con i moldavi,i serbi gli ucraini ecc.

Ritratto di aresfin

aresfin

Lun, 19/06/2017 - 15:37

@Angelo664: "Non è colpa di Virginia Raggi se Roma è così. E' passato troppo poco tempo dal suo insediamento..." E di chi è colpa? Dopo un anno da sindaca sta sciacquetta NON ha mosso un dito.

Ritratto di direttoreemilio

direttoreemilio

Lun, 19/06/2017 - 15:40

Gianni Carotenuto, ma quando al comando di roma c´éra la mafia capitolina con alemanno e poi il pd, non si rubava a Roma? pagavate i rom/sinti un mensile?Le risorse capitoline con ville e maserati for dá porta sono un residuo di dirigenza rutelliana, veltronica con exploit durante le cene di Alemanno con i boss Buzzi Carminati e casamonica, perché ora un problema della Raggi? se lei li caccia gli date della fascista li lascia é una incompetente pari a FI, PD e tutto il branco giornalaio.

Ritratto di hardcock

hardcock

Lun, 19/06/2017 - 16:35

Italia? Roma? No grazie resto qua. Molice Linyi Shandong China

Ritratto di zanzaratigre

zanzaratigre

Lun, 19/06/2017 - 16:50

Domani già liberi di delinquere nuovamente! W le Leggi Italiane e W che le applica!

giancristi

Lun, 19/06/2017 - 17:33

Ai piccoli malviventi daremo presto la cittadinanza. Bisogna non dare più il voto al PD e non dare più l'otto per mille alla Chiesa!

panzer@57

Lun, 19/06/2017 - 17:37

Basta fare una sola legge che qualsiasi persona di non nazionalità italiana nel momento che viene dichiarata colpevole di qualsiasi truffa borseggio, furto, sia rispedito nel suo paese con diffida a rientrare in italia.