Bossetti e quelle parole sulle "ospitate" in tv

Nelle motivazioni della sentenza di condanna emergono alcune considerazioni su Bossetti da parte dei giudici che fanno riflettere

Il caso di Massimo Bossetti continua a far discutere. Di fatto nelle motivazioni della sentenza di condanna emergono alcune considerazioni sul muratore di Mapello da parte dei giudici che fanno riflettere. Come riporta ilFatto Quotidiano, un'intercettazione ambientale tra lo stesso Bossetti e la moglie, marita Comi. I due discutono delle ospitate in tv da parte della donna che spiega così quanto hanno guadagnato con le interviste al marito. "La nostra quota è sempre sui 25 mila a Matrix () Se viene fuori un'altra occasione io farei di tutto Marita, () loro stanno tentando di farti fare le interviste. C'ho litigato io con Claudio che poi è anche uno pieno di soldi tra parentesi", spiega la Comi a Bossetti. Poi il marito la ferma: "Gliel'ho detto, quelli che mi arrivano di Matrix, glieli giro a loro. Sai quanti vorrebbero assumersi il mio caso? Mi conoscono in tutta Italia. È il caso più pagato fuori dalla Elena Ceste. Il primo mese non si preoccupi lavoro gratis, il secondo devo pagare". Poi risate. A questo punto i giudici commentano nelle 367 pagine depositate le parole dei due coniugi: "Stanno parlando del vantaggio economicoche possono trarre dal processo con memoriali e ospitate poi effettivamente avvenute. L'atteggiamento psicologico di Bossetti non è certo quello di colui che è disperato e che proclama la sua innocenza () ma quello di chi cerca di gestire a suo vantaggio il clamore mediatico sorto dalla vicenda".

Commenti

Alessio2012

Ven, 27/10/2017 - 11:26

Vabbè, che sia colpevole non c'è dubbio. Ma il cinismo non è reato, altrimenti i magistrati dovrebbero essere arrestati tutti.

Mizar00

Ven, 27/10/2017 - 11:43

Mi spiegate che cosa c'entra ?? Non devono avere proprio NULLA in mano (e si era ben capito) per attaccarsi a queste xxxxate .

Ritratto di stock47

stock47

Ven, 27/10/2017 - 11:56

Vedo che è RINIZIATA la campagna di diffamazione contro Bossetti a cui i media si prestano a fare da megafono per far salire le loro vendite o audience. L'hanno fatto per un anno e mezzo prima dell'Assise per farlo condannare senza prove, l'hanno fatto prima dell'Appello mettendo un giro un filmato con la stessa procuratrice mentre era ancora in gestione il processo in Appello. Adesso lo rifanno prima della Cassazione per convincere i giudici come hanno già fatto in Assise e in Appello. Mi chiedo cosa vogliano nascondere così fortemente per volerlo condannato a tutti i costi!

il corsaro nero

Ven, 27/10/2017 - 12:43

stock47: Poverino, facciamogli un monumento equestre! Non basta il DNA per condannarlo?

Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Ven, 27/10/2017 - 12:55

vabbè un po di galera gli farà bene.

Attillione

Ven, 27/10/2017 - 12:55

Fatto sta che questo é stato condannato senza alcuna prova, l'unica infatti che lo inchioderebbe é quella del DNA che é stata condotta in modo non scientifico, utilizzando Kit scaduti ed in ambiente contaminato, il che la rende una prova NON scientifica ed inaccettabile. poi che uno che guadagna 25 mila euro l' anno, si ecciti nel pensare che ne puó fare altrettanti in una intervista, mi pare piú che normale, e il citare questa cosa come una mancanza di coscienza della propria eventuale innocenza é demenziale, ma la magistratura ci ha abituato a tutto, anche a cose piú insensate di questa.

Libertà75

Ven, 27/10/2017 - 13:26

solo gente come il nostro Pontalti può prendere questo comportamento come sintomatico della colpevolezza dell'imputato...

Ritratto di comunistialmuro

comunistialmuro

Ven, 27/10/2017 - 13:35

Questo individuo e' chiaramente un malato di mente:come si fa a ridere sapendo che ti stanno per dare l'ergastolo?

Libero 38

Ven, 27/10/2017 - 14:04

Ogni giorno gli incompetenti investicatori e giudici ne inventano una nuova per fa credere che Bossetti sia il olpevole.Ma non dicono come mai questo e' l'unico caso che non si puo' ripetere l'analisi del DNA.

puntopresa10

Ven, 27/10/2017 - 14:04

La storia del DNA non mi convincerà mai,se lo sono inventato gli addetti ai lavori,per giustificare i loro insuccessi,lo paragonerei alla stessa stregua del caso Contrada e dell’Utri,la famosa “associazione esterna mafiosa”,una cosa veramente ridicola.Ai nostri emeriti studiosi e ricercatori:non avete ancora capito determinate funzioni delle cellule umane e del mitocondrio. Lasciate libero il Sig.Bossetti o perlomeno lasciate che guadagni da questa storia,perché gli avvocati costano e da persona innocente mi sembra il minimo di risarcimento.

Ritratto di stock47

stock47

Ven, 27/10/2017 - 14:26

a il corsaro nero: il DNA è come una carta d'identità indica l'IDENTITA' e NON il REATO. Su Yara hanno trovato 11 diversi DNA, come lo spieghi che gli altri 10 non sono stati arrestati e processati? NON BASTA IL DNA per condannare, un DNA, tra l'altro, molto discutibile e pieno di anomalie scientifiche inspiegabili che la difesa non ha potuto analizzare, come la costituzione (art.111) gli da diritto di fare. Un DNA fresco di giornata mentre quello della vittima è NON IDENTIFICABILE, come è giusto che sia, dopo tre mesi. Quel DNA non può essere di chi l'ha uccisa altrimenti sarebbe come quello di Yara, NON LEGGIBILE.

Ritratto di stock47

stock47

Ven, 27/10/2017 - 14:32

a comunistialmuro: il tuo umore è sempre lo steso per 3 anni di seguito? Ti batti il petto tre volte al giorno stando in ginocchio per tre anni, anche ammesso che sei colpevole o innocente, e non ti concedi un umore diverso o una risata anche stupida? La notizia riportata non ha niente a che fare con colpa o innocenza sul reato di cui l'accusano.

Ritratto di ateius

ateius

Ven, 27/10/2017 - 14:37

certo che oggi i media interferiscono nel profondo delle persone tanto da modellarne i comportamenti se non i convincimenti.. parrebbe di capire che questi due arrivino a sottendere la di lui Colpevolezza.. pur di guadagnare qualche soldo.

Ritratto di stock47

stock47

Ven, 27/10/2017 - 14:47

Ecco la nuova campagna di diffamazione pronta per Bossetti in vista della Cassazione, dopo quelle che hanno fatto prima dell'Assise e dell'Appello con cui sono riusciti a influenzare il giudizio dei giudici. Stanno provando a fare lo stesso con i giudici di Cassazione e, guarda caso, le cose partono sempre dalla Procura di Bergamo e dalla prigione di Bossetti diretta da quel direttore che andavano alle feste dei narcotrafficanti locali. Il Ministro di giustizia che fa, non controlla? Dorme?

Ritratto di karmine56

karmine56

Ven, 27/10/2017 - 15:09

Corsaro nero, non basta il DNA, scientificamente provato, il DNA libero non dura tre mesi. È tutta una montatura.

Dordolio

Ven, 27/10/2017 - 15:22

Credevo che con la toga ci dovesse essere un giudice e non uno psicologo. Mi sono sbagliato, evidentemente. Oltretutto, realizzo che qualsiasi altra cosa si fossero detti Bossetti e la moglie si sarebbe trovato il modo di darle un tono, un taglio ed una interpretazione comunque malevola e finalizzata al discredito dell'imputato. Perchè la giustizia si amministra così, pare. Sono certo che esiste un ragionamento tale da poter collegare un eventuale terremoto in Perù con eventuali responsabilità del Bossetti. Se il processo d'appello prendesse una piega sfavorevole all'accusa, verrà certo prodotto in aula.

Libertà75

Ven, 27/10/2017 - 16:28

@il corsaro, la ricostruzione è così riassumibile: "Yara esce dalla palestra (non ripresa dalle telecamere poste sul tragitto) alle 18.30 circa, sale sul furgone del Bossetti di sua spontanea volontà (pur non avendo loro 2 avuto modo di conoscersi precedentemente e pur avendo noto che Yara fosse stata educata nel non dare confidenze agli sconosciuti), dopo 15 minuti manda un messaggio alla sua amica Martina. Alle 19 il Bossetti tenta un approccio sessuale e viene respinto, a quel punto gli nasce una cattiveria inaspettata e la punisce alzandole i vestiti e infliggendole coltellate parallele (che senso ha?), ma non effettua violenza sessuale (ma non era un approccio sessuale?). Infine, la riveste e l'abbandona, lasciando accuratamente un lembo del suo intimo fuori i pantaloni dove deposita il suo DNA nucleare, stando molto attendo a non depositare il più resistente mitocondriale da nessuna parte (e non poteva avere tanta premura anche per il nucleare, mistero non spiegato).

MOSTARDELLIS

Ven, 27/10/2017 - 16:55

Ecco, i giudici consapevoli della fragilità delle loro prove, ora si attaccano a cavolate che non stanno né in cielo e né in terra.

venco

Ven, 27/10/2017 - 17:11

stok47, beviti uno stok84 che qua non convinci nessuno.

Ritratto di manasse

manasse

Ven, 27/10/2017 - 18:07

e come i costruttori in occasione del terremoto al telefono cosa dovevano fare PIANGERE il rispetto per i morti ce l'hanno anche i più bischeri ma gli affari sono affari o no

Mizar00

Ven, 27/10/2017 - 18:11

@venco: vivi in un mondo parallelo ? Quello dove sono tutti colpevoli SENZA prove?