Brunetta su "Politics": "Zero risposte dalla Rai"

Il capogruppo azzurro attende una risposta dalla Rai dopo aver segnalato lo spot di "Politics" a favore del "Sì"

"Nei giorni scorsi ho denunciato la vergognosa faziosità dello spot di Politics, la nuova trasmissione di Rai3 condotta da Gianluca Semprini. Un promo tutto schierato in maniera subliminale e quindi ancora più scorretta sulle posizioni filogovernative del referendum costituzionale del prossimo autunno. La Rai avrebbe dovuto scusarsi e ritirare lo spot. Non lo ha ancora fatto e si è guardata bene dall’emettere un comunicato ufficiale". Lo afferma, in una nota, Renato Brunetta, presidente dei deputati di Forza Italia. "Quel che successo poi - continua - ha dell’incredibile: ieri pomeriggio non ben precisate fonti dell’azienda hanno dichiarato che il promo di Politics dedicato all’argomento referendum è solo il primo di una serie di spot multi-soggetto e multi-tema. Parole al vento visto che non è mai pervenuto alcun documento e programma ufficiale sull’argomento. La Rai non risponde nel merito della questione da me sollevata confermando implicitamente che lo spot che stanno mandando in onda è di parte".

"Dopo il buco - sottolinea Brunetta - ecco però la toppa, come sempre peggiore. Gianluca Semprini mi invita a mezzo stampa alla prima puntata, anche se da parte del servizio pubblico invitare a una trasmissione televisiva esponenti del ’si e del ’no al referendum costituzionale è un atto dovuto, non una scelta giornalistica a compensare una brutta figura. Peggio la toppa del buco. Oggi - prosegue - la stragrande maggioranza dei giornali riprendono questa vicenda e dalle parti di Viale Mazzini continua imperterrito un imbarazzante silenzio assordante. Il problema resta: la Rai deve chiedere scusa e ritirare lo spot, Bignardi e Semprini devono chiedere scusa e applicare le regole della corretta ed equilibrata informazione, anche fuori i periodi di par condicio". "Basta dilettantismi, basta ideologia pregiudiziale e servo encomio nei confronti del governo. I cittadini hanno il diritto a un’informazione imparziale (a cominciare dai promo, visti da tantissimi italiani) come si addice al servizio pubblico e al buon giornalismo. La Rai si scusi e ritiri lo spot. Mi aspetto una risposta immediata da Maggioni e Campo Dall’Orto, in ogni caso ci rivedremo in Commissione parlamentare di vigilanza", conclude Brunetta.

Commenti

BiBi39

Lun, 15/08/2016 - 01:02

Ma come fanno a scusarsi se stanno con le braghe calate pro Renzi??

Ritratto di lettore57

lettore57

Lun, 15/08/2016 - 06:57

Consideravo la Bignardi, anche in tempi non sospetti ovvero quando lavorava per Mediaset, una piccola rossa scribacchina il cui fine era quello di fare la prima della classe ad ogni costo; ecco ci sarebbe da capire che prezzo ha pagato per voler essere la prima a tutti i costi; chissa

PAOLINA2

Lun, 15/08/2016 - 08:10

Sua altezza deputato Brunetta non si arrabbi, non continui a prendere Malox, di che cosa si preoccupa, basta leggere quelli che scrivono i suoi amici del giornale, ormai e' fatta, anche i sondaggi di ferragosto fatti sulle spiaggie danno la vittoria x il no, quindi stia tranquillo, se proprio non e'tranquillo vada a fare un giro in moto con Di Battista.

Ritratto di Roberto53

Roberto53

Lun, 15/08/2016 - 11:22

Bisogna capire. Occorre sempre dimostrare ai sinistrati di essere all'altezza del compito assegnato... Ovviamente se fosse accaduto a parti contrapposte i TG e i giornaloni avrebbero tuonato allo scandalo per molte settimane, con servizi e paginate colmi di indignazione.

linoalo1

Lun, 15/08/2016 - 12:02

Povero Illuso!!!Ormai,siamo in un SINISTRO REGIME che si è impadronito dell'Italia,RAI compresa!!!

MOSTARDELLIS

Lun, 15/08/2016 - 16:01

Vedrete che tra poco cominceranno ad arrestare i giornalisti contrari al No, come in Turchia. Comunque non è il problema di Semprini, ma di tutta la rai, che fa da scendiletto a Renzi, una cosa veramente squallida...

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Lun, 15/08/2016 - 20:43

@Paolina, se lei è convinta che vinca il NO, dica a Renzi di lasciar perdere il referendum, il senato rimane così come è, risparmiamo mezzo miliardo di €, non noccioline. Se dovesse vincere il si allora dovremmo pensare che abbiate usato metodi poco ortodossi (come sempre), visto che pensate di perdere. Chissà che dopo il referendum non sia lei a prendere il...guttalax