Bruxelles, domestiche come schiave: a processo principesse degli Emirati

Le lavoratrici hanno raccontato di essere state costrette a dormire sul pavimento e di essere state lasciate tre giorni senza cibo

Domestiche trattate come schiave. Con questa accusa otto principesse della famiglia reale emiratina Al-Nahyan sono sotto processo a Bruxelles.

Si è svolta ieri la prima udienza davanti a un tribunale della capitale belga. Alla principessa Sheikha Hambda al-Nahyan e alle sue sette figlie è stato contestato il trattamento disumano nei confronti di 23 domestiche che le avevano accompagnate. In pratica di aver trattato le donne come schiave. Come riporta l'Independent, l'epidosio risale al 2008 quando le principesse degli Emirati Arabi soggiornarono alcuni giorni in un lussuoso hotel di Bruxelles, il Conrad. Secondo l'accusa le reali avrebbero costretto le loro cameriere a dormire sul pavimento, a mangiare gli avanzi e a rimanere nella suite dell'hotel tutto il giorno, sorvegliate da guardie private della famiglia. Una delle domestiche ha denunciato addirittura di essere stata lasciata senza cibo e acqua per tre giorni. Le principesse saranno processate in contumacia (ovvero senza la presenza degli accusati al processo) e, se colpevoli, rischiano di essere condannate a versare un risarcimento di centinaia di migliaia di euro ma non è da escludere la possibilità del carcere.

Le indagini iniziarono quando una delle domestiche riuscì a scappare dall'hotel, denunciando le disumane condizioni di trattamento. Il caso sarebbe dovuto arrivare in tribunale già nel 2012, ma i legali delle principesse hanno presentato numerosi ricorsi, rallentando così l'iter giudiziario. Le principesse, che hanno respinto ogni addebito, sono inoltre accusate di non aver richiesto per le domestiche i visti giusti ed i necessari permessi di lavoro e di non aver pagato loro gli stipendi.

Commenti

Anonimo (non verificato)

Ritratto di Anna 17

Anna 17

Sab, 13/05/2017 - 13:04

Questa è la civiltà di questi miserabili tanto amati dalla sinistra da alfano, boldrina e franceschiello. Civiltà condivisa da questi italiani di serie C. Mi meraviglia che i buonisti facciano i buoni solo con chi gli rende mai conte persone veramente vessate. Solo ipocriti e dementi chi li vota.

lorenzovan

Sab, 13/05/2017 - 14:11

@anna17...a dir la verita' i Sauditi sono gli alleati degli USA..di Trump e di Israele... quel trump tanto amato dalla destra italiana!!!! devi essere una brava cuoca da come sai rigirare bene la frittata !!!! forse hai confuso i sauditi con i palestinesi...ma si sa ...mica tutti a scuola erano bravi in geografia...lolololol

gcf48

Sab, 13/05/2017 - 16:20

lorenzovan ne dica una giusta. I sauditi sono anche amici di clinton e obama tanto amati dalla sinistra italiana

maisy2000

Sab, 13/05/2017 - 16:21

Gli Emirati Arabi non sono l'Arabia Saudita.

lorenzovan

Sab, 13/05/2017 - 16:44

@maisy2000..certo formalmente verissimo e mi scuso col lapsus...sono pero' il braccio sinistro e l'arabia saudita il busto..del wahabismo e dell'integralismo peggiore

lorenzovan

Sab, 13/05/2017 - 16:48

@gcf...beh provaci anche tu a rigirare la frittata di anna...lolol...sai benissimo cosa voglio dire col mio post...non fare l'autolesionista facendoti passare per fesso...

roberto.morici

Sab, 13/05/2017 - 16:54

Il fatto che i "sauditi" siano amici più o meno sfegatati di Trump o di Obama non giustifica il trattamento da schiaviste delle "nobili", si fa per dire, principesse di qualche Emirato Arabo.

Ritratto di bandog

bandog

Sab, 13/05/2017 - 17:10

Quando,tra poco, comanderanno in itaglia,ne edrò delle belle..uuaaahhuaahhuahhh

Ritratto di bandog

Anonimo (non verificato)

rasna

Sab, 13/05/2017 - 17:26

Ah....non vedo l'ora che vi sia una vera integrazione....loro padroni e noi schiavi

restinga84

Sab, 13/05/2017 - 23:33

Che bello,le principesse,si fa per dire,delle KABILE dei beduini degli emirati arabi uniti,altro che nobili,si fanno sentire anche in Europa.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Dom, 14/05/2017 - 09:08

Femministe, guardate cosa vi aspetta, continuate a difenderli.