Cadono massi in Costiera Amalfitana, strada chiusa

Disposte limitazioni al traffico e turni di chiusura a Cetara, in provincia di Salerno. I percorsi alternativi e i precedenti sulla strada statale 163

Cadono massi sulla carreggiata, disposte chiusure e limitazioni al traffico sulla strada che unisce i centri della costiera amalfitana.

Nelle scorse ore la caduta di un albero che ha trascinato con sé alcuni pesanti sassi sul pavimento della strada ha indotto il Comune di Cetara a chiedere all’Anas di chiudere un tratto dell’arteria al traffico, in modo da consentire i lavori per la rimozione dei massi e il ripristino delle condizioni minime per la fruizione della strada.

In particolare, a essere interessato dal provvedimento è stato il tratto che si estende tra il chilometro 44 e il 45 della strada statale 163, “Amalfitana”. È stato istituito il senso unico alternato della circolazione, che sarà regolato da un semaforo appositamente istallato sul posto. Il senso unico sarà in vigore, a partire dalla giornata di oggi, fino alle 17,30 del 20 dicembre prossimo. In concomitanza dei lavori, però, la circolazione sarà chiusa al traffico proprio per agevolare le operazioni di rimozione e ripristino della sede stradale. Come fa sapere l’Anas, il divieto sarà operativo tra le 9 e le 13 e poi, nel pomeriggio, dalle 14,30 e fino alle 17,30 tranne per i giorni festivi e prefestivi. I lavori saranno finalizzati a rimettere in sicurezza il costone roccioso, la vegetazione e verificare se sarà necessario allestire reti paramassi.

Il consiglio che dall’Anas arriva ai cittadini è quello di percorrere un itinerario alternativo che, nel caso specifico, risulta essere quello della strada provinciale 2 del Valico di Chiunzi. Intanto sono state annunciate anche modifiche nelle corse dei mezzi, alcune sospese per le fasce orarie interessate dallo stop al traffico, che si occupano di assicurare il servizio di trasporto pubblico nell’area della costiera amalfitana.

Non si tratta del primo episodio del genere che costringe le amministrazioni locali a chiudere, temporaneamente, il traffico sull'arteria che attraversa i centri della Costiera Amalfitana. A settembre scorso, nell'area di Tordigliano a Vico Equense, una frana invase la carreggiata della strada statale 163. Le pietre si staccarono dal costone roccioso e lo smottamento, avvenuto di notte, per fortuna non coinvolse automobilisti né provocò danni alle persone in transito ma causò la paralisi della circolazione stradale. In quell'occasione fu necessario l'intervento delle squadre di manutenzione dell'Anas che dovettero occuparsi di liberare la carreggiata.

Pochi giorni prima, a ridosso di Ferragosto, a causa di un incendio a Maiori si registrò un'altra frana all'altezza di Capodorso. Anche in quel caso, per di più in piena estate quando la statale 163 è presa letteralmente d'assalto da tantissimi turisti e vacanzieri, fu necessario chiudere l'arteria al traffico per ristabilire le condizioni minime di fruibilità della strada.

Segui già la pagina di Napoli de ilGiornale.it?