Cagliari, fermato corriere della droga: 31 ovuli nell’intestino

Lo straniero, di nazionalità afghana, è stato fermato dalla guardia di finanza dopo essere sceso all’aereoporto di Cagliari-Elmas: in valigia nascondeva due ovuli termosaldati, mentre nell’intestino ne aveva celati altri 31, per un totale di 314 grammi di eroina

È finito in manette nella giornata di ieri, ad Elmas (Cagliari), un cittadino straniero trovato in possesso di sostanze stupefacenti.

Si tratta di un afghano di 29 anni, fermato dalla guardia di finanza dopo essere sceso all’aereoporto di Cagliari-Elmas. Le fiamme gialle si trovavano impegnate in un’ordinaria operazione di controllo degli spazi doganali e dei locali presenti all’interno dell’aereostazione, quando hanno notato l’extracomunitario.

Il 29enne, proveniente da Roma, ha subito mostrato evidenti segni di nervosismo alla vista degli uomini in divisa, tanto che questi si sono affrettati a raggiungerlo per poter effettuare un controllo. A tradire l’afghano due ovuli contenenti eroina, nascosti all’interno di un paio di calzini, trovati all’interno della sua valigia.

Decisi ad eseguire un’ulteriore verifica, i finanzieri hanno chiesto ed ottenuto dal pubblico ministero di turno di poter trasportare lo straniero al policlinico di Monserrato, dove il personale medico si è occupato di eseguire gli esami radiodiagnostici di routine.

Le indagini cliniche hanno confermato i sospetti degli uomini della finanza. Lo straniero trasportava ben 31 ovuli termosaldati nel suo intestino. Una volta espulsi, gli involucri sono risultati contentere 314 grammi di eroina. La droga è stata sequestrata, così come un cellulare e la scheda sim in esso contenuta, che sarà utile per le indagini.

L’afghano, residente nel nostro Paese, è stato arrestato con l’accusa di traffico di sostanze stupefacenti. Si trova ora chiuso dietro le sbarre della casa circondariale di Uta, in attesa di processo.