L'Agenzia del territorio cambia i confini delle Alpi italiane: ecco le novità

L'Agenzia ha così messo la parola fine alla disputa tra Veneto e Trentino. Zaia: "Giù le mani dalla Marmolada, la difenderemo con le nostre unghie"

L'Agenzia del territorio di Roma ha tracciato i nuovi confini delle Alpi italiane: la Marmolada ora è tutta trentina. L'Agenzia ha così messo la parola fine alla disputa tra Veneto e Trentino che va avanti da oltre 30 anni.

Si conferma il questo modo il decreto presidenziale firmato nel 1982 dal presidente Sandro Pertini, come da tempo chiedeva il Comune di Canazei. La decisione annulla quindi l'accordo stipulato nel 2002 dai governatori del Veneto, Galan, e del Trentino, Dellai.

Le reazioni

Le prime proteste arrivano dal Bellunese, territorio già ferito dal passaggio di Sappada al Friuli Venzia Giulia avvenuto lo scorso novembre. L'Agenzia del territorio non cambia così solo i confini da un punto di vista geografico. La decisione presa a Roma ha ripercussioni sull'economia: dagli impianti all'offerta turistica, passando per lo sfruttamento del ghiacciaio.

Il commento di Zaia

Il governatore del Veneto Luca Zaia ha espresso tutto il suo rancoro per la decisione romana. "Giù le mani dalla Marmolada, la difenderemo con le nostre unghie. Difenderemo quel confine, nel senso che riguarda gli impianti di risalita, attività economiche e identitarie che sono del Veneto. Si tratta di un dibattito che va avanti da decenni e vogliamo entrare nel vivo con la convinzione di avere una proposta alternativa. Questa è una partita che si potrebbe risolvere con il buon senso, ma mi sembra di capire che il buon senso è stato affidato ai legali, allora continueremo con i legali. Questa è una partita che eredito; se fosse iniziata con noi sarebbe già conclusa perché avremmo trovato un accordo".

Commenti

QuebecAlfa

Ven, 06/07/2018 - 15:48

Queste dispute giudiziarie sono assolutamente musica per i grandi studi legali. I quali confidano di poter continuare le loro istruttorie ancora per decenni e decenni. Magari per secoli e secoli !

schiacciarayban

Ven, 06/07/2018 - 16:10

In Italia ci sono 250.000 avvocati, un numero assolutamente spropositato, dovranno pur trovarsi un'occupazione...

pier50

Ven, 06/07/2018 - 16:14

peccato che le montagne illustrate nulla abbiano a vedere con la Marmolada di cui si parla nell'articolo

Epietro

Ven, 06/07/2018 - 16:24

Credo che ormai ai Trentini sia stato dato troppo poco. Con tutti i fastidi e le rotture di ..... che ci hanno inflitto, durante e dopo la prima guerra mondiale, avreste dovuto dar loro un bel pezzo di pianura padana.

VittorioMar

Ven, 06/07/2018 - 16:37

...IMPORTANTE CHE RIMANGANO ITALIANE !!

schiacciarayban

Ven, 06/07/2018 - 16:47

Molto semplice, chi li ha pagati gli impianti? Il trentino o il veneto?

Altoviti

Ven, 06/07/2018 - 17:38

La Marmolada è sempre stata veneta.

Ritratto di wilegio

wilegio

Ven, 06/07/2018 - 17:44

E' un altro capitolo della lotta contro il veneto Leghista. Si sostiene chiunque, Austria compresa, pur di dar contro a Salvini.

citano39

Ven, 06/07/2018 - 19:31

I soliti interessi che dividono veneto e trentino. Per fortuna che siamo sempre in Italia.

carlottacharlie

Ven, 06/07/2018 - 20:30

Il buonsenso lo si perse già con Pertini.

Ritratto di ottimoabbondante

ottimoabbondante

Ven, 06/07/2018 - 20:32

La Marmolada mai e´stata italiana, da tempo immemore. Entró a far parte del territorio nazionale dopo il trattato di Saint Germain. Giusto che resti in Trentino Welschtirol. Zaia che si rassegni. Lo stesso dicasi per Sappada Ploden. E' sempre stata friulana da tempo immemore.

Raoul Pontalti

Ven, 06/07/2018 - 20:46

Nessun tracciamento di nuovi confini, bensì accertamento dei confini tra Veneto e Trentino-Alto Adige in conformità con quelli tracciati nel 1911 dalla specifica commissione italo-austriaca e ratificati allora dai rispettivi governi. I ricorsi del Comune di Rocca Pietore che perdurano da oltre 70 anni sono definitivamente respinti con plurime sentenze del Consiglio di Stato e della Corte costituzionale e pertanto i confini sono sulla cresta della Marmolada e gli abusivi veneti devono arretrare e pagare i danni. le dichiarazioni di zaia sono peti per inebriare i bananas: il caso è chiuso per sempre.

Popi46

Sab, 07/07/2018 - 05:45

Ma cosa significa, Trentino e Veneto non sono ambedue italiane? W la barzelletta dell’Unita’ d’Italia!

Ritratto di Contenextus

Contenextus

Sab, 07/07/2018 - 09:46

Ma perchè non la vendono agli austriaci questa marmolada? Si fanno pagare un paio di miliardi e tappano qualche buco di bilancio.