Botti di Capodanno: due morti in Campania 361 feriti: 53 bambini

A Benevento e Caserta due persone decedute a causa di incidenti con i razzi. Molti i feriti: 53 sono bambini. Il più piccolo ha cinque anni. A Milano un ragazzo di 11 anni ha perso tre dita

Due morti e 361 feriti. È questo, secondo i dati ufficiali forniti dalla Polizia, il bilancio della notte dell'ultimo dell'anno. Due le vittime, ma un numero di feriti che diminuisce sensibilmente rispetto all'anno scorso, quando erano stati duecento in più. In calo anche i feriti con lesioni particolarmente gravi (da 35 a 29).

Sono due le morti causate dai botti nella notte di Capodanno. Antonio Serino, imprenditore edile 49enne di Montefusco (Avellino) e Pasquale Zarchia, 51enne sono rimasti vittime di incidenti con i razzi.

Serino si trovava a San Martino Sannito (Benevento) insieme alla famiglia. È stato colpito al volto da un razzo partito all'improvviso. Zarchia è invece morto per l'esplosione di un botto che gli ha provocato delle gravi ferite al cranio. L'incidente è avvenuto intorno all'ora di cena a Pontelatone, nel Casertano. Stava testando un fuoco professionale con l'aiuto della figlia.

Sono 82 le persone che sono rimaste ferite dai botti tra Napoli e la provincia partenopea. Nessuno è a rischio di vita. Tra di essi ci sono però dodici minorenni. Una bimba di Napoli, di soli sei anni, è stata dimessa dall'ospedale con venticinque giorni di prognosi. Ha ferite da scoppio e ustioni multiple, anche agli occhi. Il più piccolo tra i feriti ha solo cinque anni. Un petardo gli ha provocato ustioni al volto.

Dodici i feriti nel Salernitano. Nel numero anche due minorenni. Un bimbo di due anni ha riportato una lieve ustione a una mano per una girandola di Natale. Si trovava a Eboli. Un ragazzo di nove anni si è ferito leggermente a Mercato San Severino. Cinque feriti nell'Agro sarnese nocerino. Due persone hanno chiesto cure mediche a Salerno. Due feriti all'ospedale di Sarno.

Tre feriti a causa dei botti anche a Roma. Un romeno è stato portato in ospedale con ferite molto gravi a una mano, provocate dall'esplosione di un petardo. A Bagni di Tivoli due persone, padre e figlio (di 12 anni), sono state portate in ospedale con ferite a mani e volto.

A Milano un bambino di undici anni ha perso tre dita, ferendosene altre due, dopo avere raccolto un petardo inesploso. Un uomo è stato ferito al volto da un petardo a Paderno Dugnano. A Cinisello Balsamo un'altra persona è stata colpito da una fucilata a una gamba. Un incidente in tangenziale Est ha provocato un morto. Una seconda vittima in un incidente tra un auto e un tram, nei pressi della Stazione Centrale.

Commenti

sale.nero

Mar, 01/01/2013 - 09:39

Napoli e i napoletani sempre in testa nel negativo.

Copernico2

Mar, 01/01/2013 - 09:43

Ma perchè queste cose succedono sempre al sud?

Luigi Fassone

Mar, 01/01/2013 - 09:47

Qui,come a Capodanno di tutti gli anni,c'è poco da commentare,purtroppo.Bisogna iniziare a fare gli scongiuri già oggi,per il 31 Dicembre 2013,sperando servano a qualcosa. Gli alti lai che in Italia si sono levati dopo la strage di Newtown,con i "nostrani" giù a criticare gli americani per le loro abitudini di eccessiva protezione,meglio ridirezionarli qui,in casa nostra,ove non siamo neppure capaci di divertirci...

Ritratto di Falco1952

Falco1952

Mar, 01/01/2013 - 10:04

solo quelli non contraffatti eh giggino?Come sindaco di una città nota per le trasgressioni di fine anno,come minimo doveva vietarli,ma si sa vietare è un verbo sconosciuto per certe parti del sud.Condoglianze per per le vittime,ma serve una legge che li renda vietati a qualsiasi livello,poi bisogna pensare a trovare delle alternative per quei soggetti che vivono di questo "lavoro".

Ritratto di VT52na

VT52na

Mar, 01/01/2013 - 10:09

... i soliti «IMBECILLI» !!! ...

terminverpier

Mar, 01/01/2013 - 10:15

speriamo non chiedano l'invalidità civile ! siamo stufi di pagare per dei cretini che ogni anno perdono dita e si ustionano , una prece di compassione per quei due che se ne sono andati con il 2012, ma niente di più

Ritratto di scriba

scriba

Mar, 01/01/2013 - 10:29

FERITI E MORTI ARTIFICIALI. Sembra che la morte non sia vera per quei folli che annualmente ambiscono a divenire personaggi maneggiando bombe, bombette e petardi. Sembra che morire sia uno scherzo, la fine solo un pò cruenta di un fuoco artificiale. Sembra una recita da reparto psichiatrico senza pareti, con corsa al pronto soccorso, lacrime e dita mozzate. Sembra ma invece è la realtà dell' ignoranza.

guidode.zolt

Mar, 01/01/2013 - 10:38

Soliti imbecilli, il più grande settore produttivo del sud guadagna a spese nostre ... il S.S.N....!

mrkrouge

Mar, 01/01/2013 - 10:39

La Campania si conferma capitale del terzo mondo.

Robertin

Mar, 01/01/2013 - 10:59

barbarismi. che almeno l'ospedale se lo paghino loro.

Mimmo125677

Mar, 01/01/2013 - 11:00

Ma questo giornale non criticava Pisapia di aver vietato i botti a Milano? bah...

Ritratto di Reinhard

Reinhard

Mar, 01/01/2013 - 11:03

2 morti in Campania e 82 feriti a Napoli... Sicuramente è colpa di Garibaldi, dei Savoia e della Lega Nord. Buon Anno!

flashpaul

Mar, 01/01/2013 - 11:11

Finchè i petardi e fuochi d'artificio non verranno equiparati per legge, come pericolosità, alle bombe a mano, ci saranno sempre vittime. Solo agli artificieri professionisti dovrebbe essere consentito l'accesso a simile materiale.

Ritratto di scandalo

scandalo

Mar, 01/01/2013 - 11:18

Inoltre dobbiamo anche sopportare un presidente che si chiama NAPOLITANO !!

Ritratto di rapax

rapax

Mar, 01/01/2013 - 11:27

l'elezione di un magistrato a sindaco de napule..poteva stranamente prospettare qualcosa di positivo..avevamo pero' dimenticato che o magistrato era di quel "sottobosco"..jamme..nulla cambia e cambiera' avete notato che spettacoli nelle citta' importanti estere? qui la fanno da padroni solo i coglioni..qui (vista la passione..) non si riesce ad organizzare un vero bello spettacolo pirotecnico degno di queste "passioni" siamo un paese grigio, ma quale gioiosita' latina..ce li sognamo gli addobbi natalizi, i capodanni delle citta' del nord, solo qualche cretino con poche dita

Amedeo Nazzari

Mar, 01/01/2013 - 11:30

quanti incidenti sono accaduti dove si erano proibiti i botti? torino e bologna?

Ritratto di WjnnEx

WjnnEx

Mar, 01/01/2013 - 11:39

Falco1952 Prima di commentare, Lei legge anche il contenuto, oltre il titolo? ,cosa c'entra DEMAGISTRIS con Caserta Benevento e il Napoletano lo sa solo Lei. Auguri

Bozzola Paola

Mar, 01/01/2013 - 11:42

Nel momento in cui hanno cominciato a sparare sti cacchio di petardi, a parte gli accidenti che ho tirato a chi sparava, mi sono detta:- ma sta gente non si rende conto che ne va della loro vita o quella degli altri che si trovano per caso (come è successo a mio figlio quando aveva 13 anni e che ci ha rimesso un occhio per la stupidità di suoi compagni davanti a scuola?-: nello stesso tempo mi chiedo che gusto ci sia a sentire quel rumore assordante che mia madre asseriva essere uguale a quello dei bombardamenti? Finchè ci rimettono loro che li fanno o che li sparano, cxxi loro ma quando ci va di mezzo qualcun altro, non mi sembra proprio giusto e soprattutto furbo.

LudovicoDedominicis

Mar, 01/01/2013 - 11:47

voi avete bossi

Daniele Benetton

Mar, 01/01/2013 - 11:56

Bisogna cominciare a far pagare ricoveri e pronto soccorso a chi vende o a chi aqcuista botti cosi'pericolosi, La Finanza chiuda immediatamente i negozi dove scoprono botti pericolosi vedtrete che qualcosa cambiera'.

Giorgio Rubiu

Mar, 01/01/2013 - 12:17

I "botti" debbono essere proibiti e puniti dalla legge. Sia quelli fatti industrialmente che(a maggior ragione) quelli fatti illegalmente. I giochi pirotecnici, allestiti ed eseguiti da ditte autorizzate e da personale esperto del settore, sono bellissimi. Ma, fino a quando non si potranno proibire "botti", si deve educare la gente a non usarli. Raccomandazioni ad usarli con prudenza hanno dato pochi frutti perché i cretini credono sempre di essere più bravi e credono che le disgrazie accadano solo ad altri. La stessa cosa accade con gli incidenti stradali, incidenti di caccia e gli annegamenti di persone inesperte ed imprudenti. Le vere disgrazie sono tutt'altra cosa.

giottin

Mar, 01/01/2013 - 12:46

Poche balle, uno che muore per i botti è un bene che sia morto, anzi, invece che due dovevano essere 82 cioè tutti i feriti che costano alla società per le cure e/o alle indennità per menomazioni future e.....nessuno abbia il coraggio di rompoere i maroni con il cinismo ecc. ecc.

giottin

Mar, 01/01/2013 - 12:49

...e maneggiare i petardi nella notte per vedere, come non è difficile morire... tu chiamale se vuoi emozioni ... ha ha ha ha

Ritratto di afrikakorps

afrikakorps

Mar, 01/01/2013 - 12:54

In attesa del Festival di Sanremo ecco qui servito il "Festival dei cogli@ni" a cui partecipano tutti adulti e ragazzini soprattutto dal nostro caro Sud. I più bravi e coraggiosi con dita e mani amputate si meriteranno cure mediche gratuite ed anche una bella pensione di invalidità: per tutta la vita

papik40

Mar, 01/01/2013 - 13:20

La mamme degli imbecilli è sempre incinta!

Ritratto di limick

limick

Mar, 01/01/2013 - 13:43

Sempre pochi, con questi numeri non si cambia l'italia... e io devo guidare con le cnture... uhauha..

plaunad

Mar, 01/01/2013 - 14:36

La Campania non si smentisce mai.

giottin

Mar, 01/01/2013 - 14:56

...e giocare coi petardi nella notte per vedere/ che non è poi tanto difficile morire/ tu chiamale se vuoi emozioni... Solo 2 morti? Poche balle, chi muore di petardo muore giustamente e chi invece si ferisce solamente, creando spese sanitarie non richieste, dovrebbe fare la stessa fine e non mi si venga a parlare di cinismo e bla bla bla !!!!

Ritratto di Adriano Attinà

Adriano Attinà

Mar, 01/01/2013 - 14:58

E bravo il Giornale, ogni giorno da l'occasione a questi troll delle valli del nord di vomitare un pò di sano razzismo. Gente come: scandalo, Reinhard, mrkrouge non vedecano l'ora!!! Comunque Buon Anno da Napoli!! Ricordatevi che a noi le considerazioni di quattro idioti di qualche paesello del nord non fanno ne caldo ne freddo!!!

Ritratto di tomari

tomari

Mar, 01/01/2013 - 16:40

Vietarli sempre! Su tutto il territorio nazionale, e se i cretini vogliono fare i botti, vadano in Afganistan o in Siria...lì c'è ne per tutti.

cespugliando

Mar, 01/01/2013 - 17:22

I botti, il piacere e lo sciupio dei poveri. I ricchi non sparano, peccato. Pensate un pò al costo dei botti e riflettete! Come fa un capo famiglia a spendere decine di euro per i petardi di capodanno non si è mai capito. Non era meglio andare a mangiare tutti al ristorante con quei soldi? Non bastava il botto delle bottiglie dello spumante? Un suggerimento per l'anno prossimo: ridurre gli stipendi dei politici e col risparmio accumulato, organizzare fuochi pirotecnici pubblici in ogni città! Risparmieremmo tutti, niente morti e feriti e in più: tutti contenti.

pedrosa

Mar, 01/01/2013 - 17:42

Se si incominciasse a far pagare le cure mediche quando arrivano al pronto soccorso, almeno questi imbecilli non peserebbero sulla collettività.

Gensca

Mar, 01/01/2013 - 18:46

Siamo un paese dove la mamma dei cretini e degli incivili è sempre incinta! Chi ha visto le immagini provenienti da tutto il mondo ha avuto modo di osservare che i fuochi artificiali erano tutti concentrati ed a cura delle istituzioni. In Italia, invece, c'è gente che continua a morire e a ferirsi e che probabilmente, in un modo o nell'altro, vivrà alle spalle dei contribuenti con l'assegno di invalidità che molti riusciranno senza dubbio a spillare all'Inps, compiacenti anche medici e commissioni varie. Non solo: molti di detti cretini si autonominano fuochisti e hanno fatto esplodere veri e propri ordigni anche a ridosso di tubature del gas, mettendo così a repentaglio intere comunità. A quando il divieto assoluto di vendere e utilizzare privatamente gli armamentari oggi in circolazione? Mastrapasqua vigili affinché non vi siano altre truffe!

blues188

Mar, 01/01/2013 - 19:00

Sono così poveri al Sud che possono solo permettersi grosse spese per i fuochi d'artificio prodotti localmente in barba alle leggi. E del buon senso.

Ritratto di odoiporos

odoiporos

Mar, 01/01/2013 - 21:40

Urgente un provvedimento. tutti coloro che si rivolgeranno alle strutture sanitarie pubbliche per lesioni cagionate nella notte di capodanno e legate all'utilizzo di materiale pirotecnico dovranno pagare per INTERO e non il semplice ticket per l'intervento in questione. Questa mi sembra una norma di CIVILTA' affinche le persone NORMALI come me che non rischiano la pelle per festeggiare un anno di merda che se ne va ed uno nuovo ancora più di merda che arriva non debbano pagare con i propri soldi l'intervento a favore di IMBECILLI patentati.

leo_polemico

Mar, 01/01/2013 - 21:52

E le cure mediche per questi artificieri dilettanti ma "deficienti", (senza offesa, nel senso che "mancano" di intelligenza,) chi le paga? Tutti gli altri cittadini. Forse, forse, se le costoro fossero "obbligati" a pagare di tasca propria, e non cercare poi di avere l'invalidità, (con relativa pensione a spese della comunità), le cose cambierebbero.. La cosa triste è che, con questi comportamenti da veri incoscienti, ci sono vittime, spesso, completamente innocenti, essendo coinvolte loro malgrado negli incidenti.

Ritratto di Riky65

Riky65

Mer, 02/01/2013 - 08:14

Perchè la gente aveva meno soldi da buttare in petardoni!

rokko

Mer, 02/01/2013 - 09:44

odoiporos e leo_polemico, non scrivete sciocchezze. Con quello che si paga di tasse, non solo anche chi si ferisce a capodanno va curato gratuitamente, ma dovrebbe essere pure alloggiato in una suite da cento metri quadri.

mauro1953

Mer, 02/01/2013 - 11:57

per quelli del sud,non si tratta di razzismo,si tratta di fatti ,incontrovertibili,numero di incidenti maggiori= maggiore ignoranza o inciviltà,per conto mio tra botti e Bossi,preferisco quest'ultimo,senzaltro molto meno pericoloso

Luigi Fassone

Mer, 02/01/2013 - 14:37

Chi maneggia personalmente queste "chiaviche" e la chiavica hli scoppia in mano e in volto e lui defunge,festeggi pure nell'aldilà. ma chi se ne sta con la finestra aperta e gli buttano una chiavica nella stanza e lui muore,oppure si ferisce,oppure,peggio,un bimbo che sta giocando con l'albero di Natale o il Presepe subisce danni fisici,oltre al terrore,non ha colpa. E chi butta la chiavica,immediatamente "DENTRO" !Magari con la finestra APERTA...

rokko

Mer, 02/01/2013 - 14:52

mauro1953, io sono piemontese, ma mi creda: preferirei avere maggiori incidenti a capodanno piuttosto che un Bossi in casa.

Ritratto di limick

limick

Mer, 02/01/2013 - 17:14

rokko Mer, 02/01/2013 - 14:52 mauro1953, io sono piemontese, ma mi creda: preferirei avere maggiori incidenti a capodanno piuttosto che un Bossi in casa. IO PREFERIREI BOSSI A CASA MIA PIUTTOSTO CHE MANTENERE TUTTO IL SUD! :)

rokko

Mer, 02/01/2013 - 18:34

limick, il fatto che noi manteniamo il sud è esagerato. È certamente vero che c'è una sperequazione, basti leggere il libro "il sacco del nord" per rendersene conto, ma la frase "mantenere tutto il sud" è francamente eccessiva. In ogni caso, anche io preferirei che la sperequazione di cui sopra non ci fosse, e Bossi non lo voglio mantenere di sicuro.

rokko

Mer, 02/01/2013 - 18:36

limick, il fatto che noi manteniamo il sud è esagerato. È certamente vero che c'è una sperequazione, basti leggere il libro "il sacco del nord" per rendersene conto, ma la frase "mantenere tutto il sud" è francamente eccessiva. In ogni caso, anche io preferirei che la sperequazione di cui sopra non ci fosse, e Bossi non lo voglio mantenere di sicuro.