Caputo nega tutto: "Non ho ucciso io Fortuna"

Davanti ai magistrati, Raimondo Caputo ha respinto tutte le accuse: "Nessun abuso". Ma la piccola testimone lo accusa

"Non ho ucciso Fortuna, non ero lì quando lei è caduta, né ho mai commesso abusi sessuali": si è difeso così, stamani, nell'interrogatorio di garanzia davanti al gip, Raimondo Caputo, 43 anni, accusato di aver violentato e ucciso la piccola Fortuna Loffredo, di 6 anni, buttandola giù dall'ottavo piano nel Parco Verde di Caivano (Napoli) il 24 giugno 2014. L'interrogatorio - si apprende a palazzo di giustizia - è stato condotto dal Gip Alessandro Buccino Grimaldi; presente il pm di Napoli Nord Claudia Maone. Caputo, che ieri aveva dato segni di cedimento al momento della notifica dell'ordinanza, in carcere, dove era già detenuto per violenza sui figli della sua convivente, oggi - si apprende sempre da fonti giudiziarie - ha ribadito la linea tenuta in questi due anni di indagini, ed è tornato a essere la persona che il gip descrive nell'ordinanza come "caparbio" nell'ostacolare l'attività investigativa. Nell'interrogatorio, che si è svolto nel carcere di Poggioreale e non si è protratto a lungo, Caputo ha respinto tutte le accuse e ha ribadito le posizioni tenute nel corso delle indagini, coordinate dal Procuratore aggiunto Domenico Airoma. In particolare ha detto di non trovarsi nel luogo dove è morta Fortuna, di essere "un buon padre" e di "non aver commesso mai niente".

Le dichiarazioni di Caputo contrastano però con quelle della piccola testimone. Intanto due vicine di casa della famiglia della bambina sono indagate per l'ipotesi di reato di false dichiarazioni rese all'autorità giudiziaria. Fra le persone indagate - si apprende da fonti vicine all'inchiesta - vi è la donna che gli investigatori ritengono abbia raccolto la scarpa persa da Fortuna al momento della morte.

Commenti

polonio210

Sab, 30/04/2016 - 14:47

I reati,che vengono addebitati al Sig. Caputo,sono gravissimi e meritano una condanna durissima ed esemplare:sempre che il Sig. Caputo sia veramente colpevole.Da quello che si legge il Sig. Caputo è accusato solo da dei bambini.Finora pare che ci siano solo le versioni dei bambini ma nessuna prova a suo carico.Abbiamo già avuto dei casi in cui,dei bambini,accusavano degli adulti di turpi reati e poi il tutto si è rivelato una subornazione dei bimbi da parte dei loro genitori.Il Sig. Caputo non è certamente uno stinco di santo,anzi,ma etichettarlo come mostro,ancora prima di avere prove provate,mi sembra una gravissima forzatura.Che poi il Sig. Caputo venga definito "caparbio",nel negare le accuse,fa considerare il Gip più un inquisitore che un magistrato che deve appurare la verità.

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Sab, 30/04/2016 - 14:51

Che ambiente!!!"Vergogna" dove sei??

Ritratto di wilegio

wilegio

Sab, 30/04/2016 - 15:47

...e se c'ero dormivo. Poi, se credi questa, te ne racconto un'altra.

rossini

Sab, 30/04/2016 - 16:17

Ma come si permette di non confessare! Eppure le prove sono schiaccianti. C'è la "testimonianza" di una bambina di 6 anni, cacchio! Allora ha ragione il GIP quando lo definisce "caparbio". Peccato non poter utilizzare un po' di tenaglie e di ferri arroventati. Mi sa che questa storia finirà come quella dell'infermiera dell'ospedale di Piombino accusata di 13 omicidi.

Dordolio

Sab, 30/04/2016 - 16:26

Non so se ci siano reati peggiori della pedofilia.... Ma ogni tanto qui cito quel nostro amico di famiglia - anziano alto magistrato - che talvolta mi intratteneva coi suoi racconti sulla sua trascorsa attività. Un giorno mi raccontò di un'accusa infamante rivolta da un ragazzino ad un imputato. Lui era poco convinto, e una volta interrogato separatamente il ragazzo, alla fine questo se ne uscì con un " E vabbè....mi sono inventato tutto..." Forse era un modo di procedere di UN'ALTRA magistratura... Per dire: lui assisteva di persona alle autopsie. E in una si accorse che il medico legale stava tirando via il lavoro: non un proiettile aveva colpito la vittima, ma due e di pistole diverse...

Felice48

Sab, 30/04/2016 - 16:55

Me l'aspettavo da gente vigliacca come quello. Purtroppo sembra che non ci siano prove regine. Staremo a vedere. Intanto la povera ragazzina non c'è più.

Ritratto di elkid

elkid

Sab, 30/04/2016 - 18:12

----calma e gesso ragà----basta un nanosecondo per creare un mostro--occorrono anni per verificarne l'attendibilità----i magistrati lavorino alacremente e trovino delle prove inoppugnabili---la testimonianza di una bambina di 6 anni---ma oserei dire una testimonianza qualsiasi non supportata da evidenze di altro genere non può avere un enorme valore probatorio in casi di siffatta delicatezza---hasta siempre

larabbiael'orgoglio

Sab, 30/04/2016 - 18:27

POESIA PER CHICCA (FORTUNA) Chicca bambina sfortunata, Che l'ombra della morte che ti ha avvolta, come la copertina di quando eri piccina piccina, ti sia stata lieve, figlia nostra, anche mia. Riccioli belli Che dolore per i tuoi fratelli. La tua piccola vita, oltraggiata da quando hai aperto gl'occhi martire gentile, creaturina femminile. Al tuo carnefice auguriamo ogni malasorte. Orco maledetto, sporco, reietto. L'umanità condanna l'orrore che rappresenti. Che una muta di cani affamati, ti riducano a brani. Non avrai più un'istante di pace, y per quello che hai inflitto a quella creatura, vigliacco, mostro, contro natura.

larabbiael'orgoglio

Sab, 30/04/2016 - 18:38

POESIA PER CHICCA (FORTUNA) Chicca bambina sfortunata, Che l'ombra della morte che ti ha avvolta, come la copertina di quando eri piccina piccina, ti sia stata lieve, figlia nostra, anche mia. Riccioli belli Che dolore per i tuoi fratelli. La tua piccola vita, oltraggiata da quando hai aperto gl'occhi martire gentile, creaturina femminile. Al tuo carnefice auguriamo ogni malasorte. Orco maledetto, sporco, reietto. L'umanità condanna l'orrore che rappresenti. Che una muta di cani affamati, ti riducano a brani.y Non avrai più un'istante di pace, per quello che hai inflitto a quella creatura, vigliacco, mostro, contro natura.

tuttoilmondo

Sab, 30/04/2016 - 19:26

Un palazzo da cui piovono bambini. Violenze sessuali ripetute e accertate su una bambina di sei anni. Un mostro in carcere per reati sessuali su altri minori. E... non ci sono prove? Oppure non si vuole trovarle?

Ritratto di bracco

bracco

Sab, 30/04/2016 - 20:03

CHE SCHIIFO E QUANTI SCIFOSI IN QUEL POSTO, OMERTOSI VIGLIACCHI !!!!