Cara sinistra, il vero Nobel lo ha vinto Caprotti

Tutti pazzi per Dario Fo. Il sindaco pd di Milano Giuseppe Sala al quale il giullare aveva negato, schifato, il suo voto proclama una giornata di lutto cittadino. Il cardinale Scola nulla ha da eccepire sul fatto che oggi i funerali laici del giullare più anticlericale della storia si celebrino sul sagrato del Duomo. Alla cerimonia parteciperanno, accomunati nel dolore, i leader della sinistra freschi di insulti del defunto e Beppe Grillo, ultimo approdo del re dei voltagabbana, già rastrellatore di partigiani quando da giovane portava la camicia nera, e cantore ufficiale dell'omicidio del commissario Calabresi. Potenza del Nobel, potenza dell'ipocrisia o, forse, solo potenza della morte che tutto cancella.

A Milano ieri più d'uno ha invocato Fo «santo subito», fioccano proposte di intitolargli strade, piazze, non si esclude il monumento. E pensare che solo pochi giorni fa in consiglio comunale la sinistra si è spaccata sulla mozione che chiedeva che Milano ricordasse in qualche modo Bernardo Caprotti, mister Esselunga, morto anche lui a 90 anni a cui il Nobel l'aveva assegnato il libero mercato: sette miliardi di fatturato all'anno, ventiduemila dipendenti in servizio, prestigio internazionale. Ma aveva un difetto imperdonabile: non era mai stato di sinistra, non aveva mai fatto un girotondo contro Berlusconi né contro la casta della politica. Non solo, immagino, per convinzione, ma perché, lavorando più di dodici ore al giorno, non ne avrebbe avuto il tempo. La sua missione era creare sviluppo e benessere, due concetti sui quali Milano ha costruito la sua storia e la sua fortuna. Certo, Milano è stata anche la città di Verdi, che ha adottato Arturo Toscanini. Anche loro uomini d'arte, come Fo. Ma il primo è un cofondatore della patria, il secondo preferì l'esilio al mischiarsi con il padrone di allora, tale Benito Mussolini. Più di recente, a Milano, tale Giorgio Strehler il teatro lo rifondò stupendo il mondo intero.

Non sta a me dare pagelle a geni e premi Nobel, ma vedere Dario Fo entrare in questo pantheon mi fa un certo effetto. Per quello che è stato e per chi ce lo porta: quella sinistra che solo pochi giorni fa non ha voluto dare gli onori dovuti a Bernardo Caprotti che l'arte della libertà l'ha messa in pratica, non calpestata, insultata e derisa come se tutto fosse, a prescindere, «Mistero buffo».

Commenti

DIAPASON

Sab, 15/10/2016 - 23:31

E nel DNA della sinistra avere più attenzione verso i vagabondi, cialtroni e pseudo artisti.

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Sab, 15/10/2016 - 23:45

I comunisti travestiti da democratici hanno perso la testa per un fascista repubblichino che partecipava ai rastrellamenti contro i partigiani. L'ipocrisia ha sostituito l'ideologia marxista, già di per sé inadeguata all'attuale capitalcomunismo.

Ritratto di vraie55

vraie55

Sab, 15/10/2016 - 23:52

NOBEL a Fo (autore di teatro) ?? meglio i volantini dell'Esselunga !!

CarloColombo

Dom, 16/10/2016 - 00:12

Il Sig. Caprotti è stato veramente un grande personaggio della migliore Italia. Qualcuno è rimasto ancora, ma sono in via di estinzione.

Ritratto di ottimoabbondante

ottimoabbondante

Dom, 16/10/2016 - 00:17

Lutto cittadino. Ettepareva!!! E chi era per meritarsi il lutto cittadino? Ridicoli!

Ritratto di nero60

nero60

Dom, 16/10/2016 - 00:42

le solite zecche

pascoll1

Dom, 16/10/2016 - 00:45

La Rai renziana ha mostrato il rito funebre in diretta su Rai1. Ma perché debbo pagare il canone per una porcata ormai di regime.

Linucs

Dom, 16/10/2016 - 00:54

Non è molto chiari il motivo per cui gli unici "Nobel" o "geni" di cui si parla sono in genere inutili parolai comunisti. C'è gente che si rompe il culo a fare ricerca vera e si becca un trafiletto.

patriziabellini

Dom, 16/10/2016 - 00:57

Caro Sallusti, conosce qualche persona più ignorante, più meschina e più perfida di uno di sinistra? Eppure questi, con "la repubblica" sotto il braccio come segno di riconoscimento, sono convinti di essere grandi intellettuali e moralmente superiori al resto del mondo

Ritratto di elkid

elkid

Dom, 16/10/2016 - 01:04

----avete rotto co sto caprotti---in fondo che faceva? vendeva scatolette di tonno?---passerà alla storia per questo? poveri illusi---mentre fra mezzo secolo--un qualsiasi studente di ogni ordine e grado prima o poi si imbatterà in qualche opera di fo--statene pur certi--hasta

Silvio B Parodi

Dom, 16/10/2016 - 01:16

anche Berlusconi dava lavoro a 30/30 mila persone come Caprotti, ma quello non conta, conta la demagogia di deficenti di sinistra, loro il lavoro non lo danno, LO DISTRUGGONO.

manfredog

Dom, 16/10/2016 - 01:57

Signori, Caprotti si è permesso di dire la verità sulle coop, e quindi sui comunisti, come Berlusconi ha fatto sulla sinistra; è peccato MORTALE, non lo sapete !? Queste cose vanno punite con l'eliminazione storica, politica, economica, culturale e morale della persona che ha commesso il crimine, per i compagni questa è l'unica verità che esiste (la loro) e l'unica giustizia possibile di conseguenza. Il loro 'codice a Sbarre' è questo, gli è stato così impostato (non se ne sono ancora resi conto), da li vi guardano ma da li è impossibile passare; la chiave ce l'aveva, forse, quel visionario di marx, forse eh, ma, dopo che è diventato famoso, si è ben guardato dal mostrarla e se l'è tenuta ben nascosta, insieme al sorrisino nascosto sotto la barba.. mg.

Ritratto di pravda99

pravda99

Dom, 16/10/2016 - 02:21

Sallusti...ma che pizza...Accanimento da sfinimento. Vada a prendere un po' d'aria fresca, che Il Giornale sta in piedi lo stesso.

contractor

Dom, 16/10/2016 - 03:11

si potrebbe affermare che ognuno ha i suoi idoli; la sinistra un Fascistissimo Paracadutista Volontario del mitico Battaglione Azzurro della RSI. Noi...quelli del Battaglione Azzurro.

contractor

Dom, 16/10/2016 - 03:20

apprendo che è stato intonato in piazza "BELLA CIAO" in Suo onore. Pensavo invece suonassero "Stornelli delle Brigate Nere" o la caustica "Le donne non ci vogliono più bene"..

marcothai

Dom, 16/10/2016 - 05:12

quella sinistra fa sempre piu' schifo, vomito.

un_infiltrato

Dom, 16/10/2016 - 05:54

Non mi pare che il dottor Bernardo Caprotti avesse titolo per meritare gli stessi onori, doverosamente tributati al grande Dario Fo, premio Nobel per la letteratura Ikea. Il Caprotti in vita fu semplicemente un Italiano che onorò il Paese con la genialità delle sue intraprese. Fu - pensate - da vivente - persona di specchiata onestà e profonda dirittura mrale. Non fu un pagliaccio, nè un giullare, e poi, diggiàmolo, non fu neppure autore di opere letterarie da far ombra perfino al Sommo, come Mistero Buffo. Il buon Caprotti, in letteratura, si limitò a spttanare i compagni con il romanzo di appendicite "Falce & Carrello". Egli fu, non fo.

Klotz1960

Dom, 16/10/2016 - 05:56

Di questo passo diventeremo un museo a cielo aperto con trattoria integrata. Tutto il resto verra' importato dagli Usa.

Angiolo5924

Dom, 16/10/2016 - 06:36

PRENDO IL PRIMO ARTICOLO CHE MI CAPITA PER DIRVI: BRAVI CONTINUATE A NON PUBBLICARE!

marcs

Dom, 16/10/2016 - 07:33

Assurdo. Dario Fo ha dato lustro all'Italia con le sue ohpere e la sua poesia, come ha ricordato il figlio Jacopo ha dato voce e dignita a chi non ha la possibilità di "combattere e battere il potere". Caprotti hai dato lavoro, ma tutto gli è tornato economicamente, si pensi Alessandro diatribe della famiglia riguardo al suo patrimonio. Uno, Dario e conosciuto a tutte le latitudini e riconosciuto a livello mondiale, l'altro è conosciuto solo in Italia e neanche in tutta la Nazione, i supermercati del signor. Caprotti arrivano solo fino alla Toscana. Ora chiedo se davvero la vostra ottusità non capisce la differenza fra i due.

Vincenzo122

Dom, 16/10/2016 - 07:42

Invece di osannare Caprotti che ha dato lavoro a migliaia di persone,si osanna un signore che ha lavorato per se stesso.

Ritratto di Anna 17

Anna 17

Dom, 16/10/2016 - 08:11

Gli italiani sono questi. Superficiali, stupidi, seguono il vento come tutti gli incapaci. Snobbano chi è migliore ma adorano gli imbecilli più di loro. Ed ha sfruttare queste persone, i sinistri sono veri maestri.

Mannik

Dom, 16/10/2016 - 08:29

Sallusti, è un po' tardivo questo riferimeno al premio nobel vinto da Fo. Risale al 1997... Quindi che senso ha scrivere ORA "ma vedere Dario Fo entrare in questo pantheon..."? Si sta confondendo con Bob Dylan magari?

Ritratto di orione1950

orione1950

Dom, 16/10/2016 - 08:32

La sinistra predilige gli intelluali agli imprenditori; i primi, fancazzisti, non producono ricchezza per il popolo ma solo per se stessi; i secondi, invece anche arricchendosi, lasciano materialmente qualcosa al popolo ed al paese. Come vedete, anche qui si rispecchia la differenza tra destra e sinistra.

01Claude45

Dom, 16/10/2016 - 08:32

Beh, in Italia la politica è così: Il Fo nonostante i riconoscimenti politici LASCIA TUTTO IL SUO ARCHIVIO (di cosa? delle use presunte opere che piacevano a lui e pochi altri come lui?) ALLA SVEZIA mentre BERNARDO CAPROTTI LASCIA ALL'ITALIA UN IMPERO DI 7 MLD DI FATTURATO E 22.000 FAMIGLIE COL LAVORO. Cosetta da niente per i SINISTRATI.

Ritratto di Ludovicus

Ludovicus

Dom, 16/10/2016 - 08:38

Io scommetto quello che volete che gia' fra tre mesi di Dario Fo nessuno sentira' mai piu' parlare. Fara' la fine dei tanti farlocchi idoli intelettuali della sinistra de noantri, appena muoiono se ne perde perfino il ricordo. Scommetto quello che volete.

giovanni PERINCIOLO

Dom, 16/10/2016 - 08:52

Tutto vero, verissimo, ma il povero Sallusti sarà coperto dagli insulti perché alla sinistra come a certa "intellighenzia" la verità va stretta e la trovano immancabilmente indigeribile quando non conferma le loro assurde e inqualificabili "certezze"!

Martinico

Dom, 16/10/2016 - 08:59

Ho cominciato a leggere l'articolo senza notare chi l'avesse scritto. Nel mentre lo leggevo si installava qualche sospetto ma andavo avanti. Nella frase virgolettata finale il sospetto svaniva. Sallusti grazie davvero di come fa vivere l'informe ma pericoloso inchiostro.

routier

Dom, 16/10/2016 - 09:23

Se tornasse in vita Albert Bernhard Nobel, sono sicuro che revocherebbe i premi dati a suo nome, a Obama, a Dario Fo, ed Arafat e li darebbe a Bernardo Caprotti, Ettore Maiorana ed Enrico Mattei

Ritratto di Beppe58

Beppe58

Dom, 16/10/2016 - 09:33

Un solo commento su questo gigante della cultura. Ha dipinto gli uomini del Medioevo come una massa di zotici, analfabeti, selvaggi incapaci di comunicare o di agire da uomini . Ora, basta camminare in una qualsiasi citttà italiana di origine medievale o leggere un'opera letteraria o osservare un dipinto coevo per rendersi conto di quanto falsa sia questa visione. Il grammelot l'aveva nelle sua testa, messer Fo, come I giurati della reale accademia svedese.

Giorgio Rubiu

Dom, 16/10/2016 - 09:38

# pravda99 - Lo pseudonimo scelto la dice lunga su di lei. Vada prendere aria che Il Giornale non solo starà in piedi lo stesso ma, senza il suo contributo, starà in piedi anche meglio!

mariolino50

Dom, 16/10/2016 - 10:02

Il Caprotti, era il più grosso bottegaio d'Italia, anche se si lamentava delle coop, mentre il quasi monopolista era lui in certe zone. Fo, che non mi è mai piaciuto granchè, qualcosa avrà fatto per prendere il Nobel, non credo che l'accademia svedese sia in mano ai comunisti, che lì non esistono nemmeno. Poi ha trattato i figli in modo abbastanza schifoso, ha lasciato il malloppo all'ultima figlia, e agli altri due le briciole, perchè non erano d'accordo con lui, queste cose non si dovrebbero fare, i figli sono tutti uguali.

paolonardi

Dom, 16/10/2016 - 10:07

Fo non ha vinto il Nobel; e' stato un manifesto preelettorale del PCI che l'ha comprato per regalarglielo.

Ritratto di ellebor0

ellebor0

Dom, 16/10/2016 - 10:13

Onore a Caprotti e spallucce a Fo, il primo anche da morto continua a dare circa 33 milioni di euro in stipendi netti ogni mese, il secondo farà solo incassare agli eredi maoisti (anima rossa e portafoglio nero) i diritti d'autore. La differenza tra dare e avere è abissale a vantaggio di Caprotti, che è entrato sicuramente in Paradiso, mentre San Pietro avrà chiuso, ridendo misteriosamente e buffamente, la porta davanti al giullare ateo e incredulo. Anche il cardinale Scola starà ridendo sotto i baffi.

Ritratto di Azo

Azo

Dom, 16/10/2016 - 10:21

Caprotti, è la vera persona che dovrebbe aver avuto un funerale di stato """PER AVER COSTRUITO UN IMPERO E DATO LAVORO A MIGLIAIA DI PERSONE"""!!! NON A QUEL GIULLARE RACCOMANDATO DAI FASCIO-CATTO- COMUNISTI, MANGRADO NEL SUO FARE FOSSE UN MAESTRO"""!!! Dobbiamo augurarci che al più presto I RAPRESENTANTI DI QUESTO ILLECITO GOVERNO VENGANO MESSI IN GALERA E CHE AL LORO POSTO SI ISTALLI GENTE CON POCHE CHIACCHERE E PIÙ FATTI E CHE SAPPIA LODARE CHI VALE, NON IL PRIMO IDIOTA TESSERATO AL "PCI" CHE SI FÀ PASSARE PER DEMOCRATICO!!!

uberalles

Dom, 16/10/2016 - 10:24

COERENZA: qualità difficile da trovare nel DNA della sinistra odierna: basti pensare a quanti hanno sfilato con la camicia nera ed il gagliardetto, poi riciclatisi con il fazzoletto rosso legato al collo, gente senza pudore; purtroppo parecchi sono finiti in parlamento...

uberalles

Dom, 16/10/2016 - 10:29

x elkid: fra mezzo secolo le "opere" di Fo ammuffiranno in qualche archivio dei partiti di sinistra, come i film di nanni moretti: il brutto è che sono stati finanziati con le tasse degli Italiani. Ci sarà, ovviamente, qualche insegnante con il pallino della falce & martello S.p.A. che proverà a rievocarli, ma dubito che passeranno alla storia...

antonioball73

Dom, 16/10/2016 - 10:29

niente contro caprotti,anzi in 10 anni di vita bolognese ho fatto la spesa sempre ad esselunga. ma la cosa bella e' che secondo sallusti dovrei idolatrarlo perche' ha guadagnato fior di miliardi. sono contento x lui,visto che li ha guadagnati onestamente. ma e' il ragionamento in se che e' pericoloso,dato che potrebbe essere esteso a gente come de benedetti,briatore,farinetti e berlusconi,trump e compagnia cantante. meglio giudicare le persone x le loro azioni e non x i loro patrimoni,visto il modo in cui ,solitamente,i vostri idoli diventano gli stramiliardari di fronte a cui vi inginocchiate prontamente.

Ritratto di pravda99

pravda99

Dom, 16/10/2016 - 10:30

Giorgio Rubiu - Sciocchino vala`, il mio nick dovrebbe ricordarle quell'organo sovietico di disinformazione e propaganda a senso unico per il bene del Partito, che a sua volta dovrebbe ricordarle quell'organo italiano di disinformazione e propaganda a senso unico per il bene di un uomo solo che sta leggendo. Fa luce? Dubito...

ziobeppe1951

Dom, 16/10/2016 - 10:41

Elkid....01.04.....sei appena rientrato dal centro a-sociale e con il cervello pieno di cuba libre ti accingi a scrivere le solite minkiate di kkkompagno fallito e depresso....che ne dici se Caprotti avesse lasciato a casa 22.000 lavoratori, sicuramente i poveretti si sarebbero sollazzati con la giullarata del mistero buffo .....Asta sempre ...sai dove

Ritratto di pravda99

pravda99

Dom, 16/10/2016 - 10:50

Insomma, si capisce perche' i berlusconiani adorino Caprotti. Era un berlusconiano fino al midollo, anche nel modo di fare business: patteggio` persino una condanna per mazzette alla Guardia di Finanza...Ovviamente il Giornale non cita cio` ma puramente per motivi di ordine pubblico: il suo popolino di evasori farebbe una Ola in stile Tsunami...

Tarantasio.1111

Dom, 16/10/2016 - 10:59

DIAPASON.... il DNA della sinistra non è avere più attenzione verso i vagabondi, di questi loro ne vogliono creare tanti perché la sinistra è, e resterà sempre malvagia.

Ritratto di il navigante

il navigante

Dom, 16/10/2016 - 11:02

Questi sono i tempi....Lodi agli ignavi e silenzio sui Prodi.

Giorgio Colomba

Dom, 16/10/2016 - 11:10

Per debellare la sinistra italiana, cancro ideologico le cui metastasi stanno infiltrandosi in ogni recesso della vita quotidiana dei cittadini,la chemio non basta più: serve il bisturi.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Dom, 16/10/2016 - 11:29

Non potete pretendere che i parassiti sinistri capiscano e rendano omaggio a uno dei maghi dell' imprenditoria, che diede lavoro a decine di migliaia di persone, molte di più con l'indotto. Loro sono contrari a questo stile di vita, loro adorano la Corea del Nord, dove loro comandano e gli altri obbediscono nella più vergognosa povertà. Tutti uguali, tutti molto più poveri. Sempre per loro Caprotti è Satana, è il diavolo da combattere. Per i parassiti, la parola lavoro suona male, e come dice il nome, vogliono vivere alle spalle degli altri, dei veri maestri. Invece loro adorano coloro che non producono niente, i loro simili.

Ritratto di andrea626390

andrea626390

Dom, 16/10/2016 - 11:36

E daje con questo Caprotti. Grande imprenditore, verissimo, ma ora basta farne un paladino della destra. Forse perché sono così pochi???????

Ritratto di stenos

stenos

Dom, 16/10/2016 - 11:48

Ma si, alla fine ce lo siamo tolti dalle palle. Uno in meno che reglia per i comunisti. Tra non molto di questo guitto traditore voltagabbana non freghera' nulla a nessuno. Ovvio che a loro Caprotti fa schifo perche' malgrado facesse vivere 22000 famiglie non era un portaborracce rosso.

giovanni PERINCIOLO

Dom, 16/10/2016 - 11:54

antonioball73. I soldi li ha fatti onestamente, come graziosamente ammetti, con prezzi inferiori a quelli delle coop i cui risultati, anche considerando il ben diverso trattamento fiscale, sono, a dir poco catastrofici. Ma evidentemente per voi va bene il magna magna delle coop che da decenni i soldi li sprecano a tutto spiano tanto che in un paese normale sarebbero già state obbligate a deporre il bilancio!

Ritratto di Ludovicus

Ludovicus

Dom, 16/10/2016 - 11:57

pravda99 lei e' il classico statalista fancazzista che pretende che gli altri lavorino per lui mentre lui gioca a fare il rivoluzionario e si diverte agli spettacoli di gente insulsa come Dario Fo. Come tutti i parassiti che vivono alle spalle di chi crea il lavoro che permette ai qualunquisti come lei di non morire di fame. Per questo odia quelli come Caprotti, perche' secondo lei questi devono essere depredati dal demenziale fisco italiano per poter mantenere a gratis i parassiti fancazzisti come lei.

Ritratto di gianky53

gianky53

Dom, 16/10/2016 - 11:59

La sinistra potrebbe promuovere una ristampa in edizione lusso di tutte le GRANDI OPERE LETTERARIE lasciate ai posteri da FO, andrebbero a ruba...

Ritratto di Agrippina

Agrippina

Dom, 16/10/2016 - 12:08

La differenza tra i due è che Fo è conosciuto, piaccia o meno, a livello internazionale ed ha ricevuto un Nobel alla letteratura, sarà studiato nel mondo per questo, invece l'altro è stato un brillante imprenditore come ce ne sono a migliaia nel mondo.Usare i morti per aizzare una polemica politica è mediocre e dimostra tutto il rancore e l'invidia di chi la mette in piedi.

Ritratto di mauriziogiuntoli

mauriziogiuntoli

Dom, 16/10/2016 - 12:38

Paragonare un signore come Caprotti ad un fascista, nero e poi rosso, non è elegante. Lo capirebbero anche "pravda99", Maradona e GrilloBeppe.

routier

Dom, 16/10/2016 - 12:57

Caprotti non è ben visto dalla sinistra per il semplice motivo che con il suo libro "Falce e carrello" ha scoperchiato il pentolone delle malefatte delle Coop.

pasquinomaicontento

Dom, 16/10/2016 - 13:01

Riporto quel che dissi sabato 01/10/2016 ore 14:09. Leggo nei "tanti"commenti,"tante" condoglianze alla famiglia,che l'ha sempre avversato(causa pecunia)e che,se non sbaglio ha ancora qualche contenzioso in fase di galleggiamento,causa "Lo sterco del Demonio"così bene riassunto da Martin Lutero,fondatore di quella dissagrante religione senza Sacramenti.Il denaro,sempre e comunque il denaro,figli degeneri che, per quello sterco aprono contenziosi a gò gò post mortem,cercando di arraffare pure l'impossibile da quell'impero messo su da un uomo che in tempi lontani si sarebbe potuto chiamare...chessò, Bartolomeo Colleoni?... Forse me sò allargato troppo?

ziobeppe1951

Dom, 16/10/2016 - 13:12

Pravda99...10.50 ...come patteggiamenti ne è piena la porcilaia pidiota fino all'omicida stradale cinque stalle

soldellavvenire

Dom, 16/10/2016 - 13:26

peccato che gli svedesi l'abbiano dato all'Ikea... voi dovete solo rosicare

ziobeppe1951

Dom, 16/10/2016 - 13:47

Marcs....07.33....a Caprotti, tutto è ritornato economicamente, altrimenti non avrebbe fatto l'imprenditore dando comunque da mangiare a 22.000 lavoratori con famiglia....al giullare grullokkkomunista con i suoi sproloqui gli è tornato tutto econimicamente...lavoratori a becco asciutto

Ritratto di Beppe58

Beppe58

Dom, 16/10/2016 - 14:13

Agrippina,Fo sarà studiato nel mondo? Lei vuole scherzare o non sa quali sono I veri,grandi libri che restano. Fo,giustamente,sarà dimenticato in quanto autore non mediocre ma inesistente. Il tempo lo spazzerà via,come Biagi.

Ritratto di il navigante

il navigante

Dom, 16/10/2016 - 14:21

@Agrippina- Lei giustamente dice: "Usare i morti per aizzare una polemica politica è mediocre..." Però questa critica la dovrebbe rivolgere a chi ha voluto dare tutto questo esagerato spazio informatico (RAI) alla morte di Dario Fo, provocando per questo cosi tante reazioni contrarie. Dario Fo non era un Presidente di uno Stato, Un Re, un Papa, era un comune mortale che faceva il...comico.

mrdarker10

Dom, 16/10/2016 - 14:25

Bisogna mettersi in testa che esiste una grossa differenza tra i comunisti e la destra. Il comunismo in Italia è una presa in giro e non aiuterà mai nessuno!!!! Poi è pazzesco pensare che esista ancora dato che non c'è più in Russia o in altre nazioni democratiche, bisogna che una volta per tutte votate destra destra destra!

lavieenrose

Dom, 16/10/2016 - 14:35

caro elkid 22.000 dipendenti sono almeno quarantamila persone che per lungo tempo si ricorderanno del signor Esselunga per aver dato loro da mangiare, altro che scatolette di tonno. Di Dario Fo fra un mese sarà già tanto se si ricorderanno 400 persone e non credo proprio che le sue opere passeranno alla storia. Attorno agli anni ottanta nelle antologie in uso nelle scuole superiori italiane vennero inseriti testi di Franca Rame con gran grancassa mediatica e nessun insegnante ragionevole fece studiare la Rame al posto di Pascoli o Ungaretti e ora tali testi sono del utto spariti dalle antologie. A me tutto sommato l'ultimo Fo non dispiaceva, ma basta, riposi in pace e stop.

marcs

Dom, 16/10/2016 - 14:36

Leggo lodi per Caprotti e insulti per Fo , leggo di chi dice che è meschino usare i morti a fini politici. Tutti e due alla fine della loro vita hanno deciso per il loro addio al mondo. Caprotti chiedendo l'oblio e nessuna cerimonia pubblica. Fo con una cerimonia laica ma aperta. Caprotti, da padrone, era solo al comando, Dario amava la gente è stare con il popolo. Tutti e due penso fossero "colti". La polemica, cara Agrippa, la montano quelli che hanno pochi argomenti per sostenere un a posizione è da chi non sa che insultare il "nemico".

diwa130

Dom, 16/10/2016 - 16:41

Forse sara' una voce isolata della sinistra la mia, ma concordo con il suo articolo. Tuttavia a me Fo piaceva come artista, molto meno come politico sia nei momenti della sinistra extraparlamentare quando denigrava il PCI e meno che mai oggi con la sua posizione M5S. Intitolargli una via ? Perché' no, ma non mischiamo oro e piombo. Verdi e Toscanini sono stati grandiosi artisti cui Fo non può' essere neppure lontanamente accostato.

PEPPINO255

Dom, 16/10/2016 - 17:34

Quando un uomo non riesce a sostenere le proprie idee, o le sue idee non valgono niente oppure è lui che non vale niente. Dario Fo ha sostenuto le sue idee fino alla morte... I partiti, gli imprenditori di successo hanno forse delle IDEE ?!?! E TU ?!??!

PEPPINO255

Dom, 16/10/2016 - 17:42

SINISTRA ?!??! Dov'è la sinistra in Italia ?!?! Dove sono gli ideali... Ho già citato una frase celebre di Ezra Pound.... rimango del mio avviso che nessuno, in Italia, ha più un ideale. Dario Fo era di sinistra... ma poi, vedendo la piega che hanno preso le cose, li ha "schifati" (qualcuno avrebbe scritto "rinnegati" ma perché essere ipocriti?)... Oggi l'Italia è più che mai bipolare: Il M5S contro il partito unico con venti false etichette... Unico ideale "il denaro"...

Ritratto di pravda99

pravda99

Dom, 16/10/2016 - 18:18

@Ludovicus: Vede, la sua tara mentale farcita di pregiudizi senza sostanza la acceca nelle sue esternazioni vane. Le assicuro che sono ben distante dal suo ritratto di "statalista fancazzista che pretende che gli altri lavorino per lui mentre lui gioca a fare il rivoluzionario". Risulta invece che io la pensi diversamente da lei, ma lei, ligio servo sciocco del Giornale-Pravda (ecco perche' ho scelto questo nick, scio.cchino...), lei allineato acriticamente al Berlusconi-pensiero, si dimostra povero di spirito e quando un poveretto cosi` non ha argomenti di sostanza, usa le etichette e l'insulto per diminuire l'avversario, e giustificare il vuoto del proprio pensiero. Triste, no? P.S.: Io non odio Caprotti, ne so poco, ho solo detto che la tipologia del personaggio si addice all'audience berlusconiana. Le affinita` elettive, ricorda? P.P.S. Invece l'odio e` prerogativa di voi poveri di spirito berlusconiani. Vedi Fo.

Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Dom, 16/10/2016 - 19:30

Egregio Direttore: secondo me non lo vogliono ammettere ... troppo infamante ridursi alla copia pedissequa di Tafazzi. Ossequi.

mcm3

Dom, 16/10/2016 - 19:34

Direttore, non mi riferisco a quest'articolo..le dico di far ragionare chi scrive stupidagini

conviene

Dom, 16/10/2016 - 20:20

Caro Sallusti lei è il direttore di un giornale dell'odio puro.Per giorni avete fatto una campagna scandalosa contro Begnini per il suo si, attaccano poi spudoratamente Renzi e Begnini per il viaggio in America. Vi siete ben guardati di dire che Obama ha voluto onorare il nostro paese intitolandogli l'ultima cena ufficiale: Avete taciuto che in America ci va anche Sorrentino , ma la vostra infamia odiosa è che avete taciuto la presenza di quella splendida ragazza di nome Beatrice Vio. Sallusti lei è peggio di una iena sanguinaria. Si dimetta no né degno di fare il giornalista. Le auguro di cuore ogni male inimmaginabile. Lurido schifoso porco terrorista dell'informazione e non solo

conviene

Dom, 16/10/2016 - 20:26

lei ha vinto il premio dell'infamia. Per giorni polemiche contro Begnini in America. E ha avuto il coraggi odi tacere la presenza di Beatrice Vio? lei non è un uomo è una belva feroce. le auguro di cuore ogni male possibile e tutte le sofferenze inimmaginabili. Ma è ancora poco. Una cloaca nei confronti del suo ghigno feroce è acqua distillata. Lurido porco infame mafioso terrorista assassino dell'informazione.

apostata

Dom, 16/10/2016 - 22:06

non è tanto fo a stupire, quanto l'eccitazione popolare per il nulla

Ritratto di manasse

manasse

Lun, 17/10/2016 - 08:48

ma quando i sinistri hanno festeggiato le persone giuste MAI

Lugar

Lun, 17/10/2016 - 09:11

Il concetto di destra e sinistra è ormai superato da parecchio tempo. Quello che invece trovo valido è questo personaggio che ha saputo dare quel diverso intelligente a un teatro classico. Lo ricorderò sempre come un grande ma non in ottica politica.

LucaRA

Lun, 17/10/2016 - 10:16

Simpatica questa vostra usanza di darvi i Nobel tra di voi. Da cosa deriverà questa iniziativa? mancanza di attenzione? mancanza di affetto? mancanza di voti? Boh. Detto ciò grande Caprotti, uno che lavorava invece che parlare (a vuoto)

ex d.c.

Lun, 17/10/2016 - 11:31

Meravigliati non tanto dall'ipocrisia dei politici quanto dal comportamento della Chiesa ci aspettiamo che il prossimo Nobel venga assegnato a Benigni

Rossana Rossi

Lun, 17/10/2016 - 12:13

Purtroppo caro Sallusti questa è la sinistra che usurpa il potere e ineggia i cialtroni purchè siano lecchini e sbeffeggia e ostacola chi lavora sul serio senza ricerca di vanagloria, e c'è chi ancora ha il coraggio di seguirli e votarli....e lo schifo continua........

edo1969

Lun, 17/10/2016 - 12:17

Sì e mo' ci manca solo il Nobel a Caprotti. Sallusti scriva all'accademia di Stoccolma e poi ci riferisca la risposta.

Ritratto di dlux

dlux

Lun, 17/10/2016 - 15:01

elkid - Se proprio fra un po' di tempo qualcuno dovesse imbattersi in un'opera (?) di tal Dario Fo, spero tanto che sia un tuo figlio o un tuo nipote, perché ai miei figli ed ai miei nipoti spiegherò come riconoscere la vera arte da quella che la sinistra ci propina come tale. Biskero!

Ritratto di FRANZ58

FRANZ58

Lun, 17/10/2016 - 16:16

Dario Fo faceva ridere quelli 'co la panza piena' il sig. Caparotti faceva ridere quelli 'co la panza vota'.

Pinozzo

Lun, 17/10/2016 - 17:20

Non mettiamo sullo stesso piano un bravo bottegaio italiano e un artista riconosciuto mondialmente, per cortesia.

Pinozzo

Lun, 17/10/2016 - 17:32

dlux, "di tal dario fo"? stai parlando di un premio nobel, sciacquati la bocca,bifolco.

settemillo

Lun, 17/10/2016 - 17:53

Volevo semplicemente congratularmi con il sig.(?) KONVIENE: lei ha dato il suo grande contributo da vero CAFONE e per giunta Ignorante, ma sarebbe stato abbastanza dire che è un vero KOMUNISTA senza cultura. SI VERGOGNI!