Caserta, rischia di morire avvelenata per uno scherzo dei compagni di classe

Un’alunna della scuola media di Alvignano ha raccontato ai medici dell’ospedale e ai genitori che gli amici le avevano dato da bere una sostanza chimica utilizzata in laboratorio

È stata costretta a ricorrere alle cure dei medici in ospedale dopo aver ingerito una sostanza chimica che stava utilizzando per alcuni esperimenti in classe. Una giovane alunna della scuola media di Alvignano, in provincia di Caserta, ha rischiato di morire avvelenata per uno scherzo di cattivo gusto dei compagni.

La ragazza, a cui è stata effettuata una lavanda gastrica, ha raccontato ai medici e ai genitori che alcuni amici di classe le avevano messo la sostanza velenosa nel bicchiere per gioco. La studentessa dopo aver bevuto ha cominciato immediatamente a sentirsi male ed è stata trasportata nel vicino ospedale, dove gli operatori sanitari hanno fatto in tempo a salvarla.

I genitori della minorenne hanno denunciato l’episodio ai carabinieri, i quali stanno indagando per risalire agli autori della bravata, che stava costando caro alla studentessa. La dirigente scolastica, intanto, ha assicurato che prenderà seri provvedimenti per stigmatizzare un comportamento intollerante e pericoloso.

Poche settimane fa un episodio simile è accaduto in Puglia, a Lecce, dove uno studente ha subito uno scherzo pesante ed è stato ferito gravemente. Una compagna di classe del ragazzino avrebbe posizionato sulla sedia di quest'ultimo una matita appena temperata e molto appuntita che gli ha provocato serie lesioni all'ano.