Il Centro Baobab attacca dopo lo sgombero: "Piccolo e misero è l'uomo che si esalta per una ruspa"

Sgomberato in mattinata l'accampamento di piazzale Maslax, dietro la stazione Tiburtina, che aiuta i profughi

"Piccolo e misero è l'uomo che si esalta davanti ad una ruspa che distrugge il letto di un povero. Nessuna percentuale elettorale e nessun palazzo istituzionale nobiliteranno mai personaggi così disumani. Gioite pure; così facendo qualificherete la vostra misera vita". Firmato Baobab Experience. Tra i destinatari del messaggio ci sarà sicuramente anche Matteo Salvini, nemico numero uno dell'associazione.

Arriva così su Twitter la replica del centro sociale allo sgombero ordinato questa mattina dal Viminale per volere, appunto, del ministro dell’Interno. Che ha così commentato il blitz: "L'avevamo promesso, lo stiamo facendo. E non è finita qui. Dalle parole ai fatti".

Nell’accampamento di piazzale Maslax, dietro la stazione Tiburtina, vivevano circa duecento persone: 136 sono state trasferite alla Questura di via Patini per l'identificazione. Si tratta di migranti in transito e al di fuori dai binari dell'accoglienza. Una tendopoli che nei mesi scorsi aveva ospitato anche i clandestini scappati dal centro di Rocca di Papa dopo essere sbarcati in Italia a bordo della nave Diciotti.