Cgia: crolla la liquidità alle imprese. Più colpite quelle Venete

Negli ultimi tre anni stretta senza precedenti. La contrazione vale 62,4 miliardi

La liquidità alle imprese continua a diminuire e le aziende venete sono quelle più colpite dalla crisi. Negli ultimi tre anni, dall'aprile 2014 a quello di quest'anno, la contrazione ha raggiunto -62,4 miliardi di euro, secondo i dati raccolti dalla Cgia di Mestre.

Fatto salvo il Molise, il Veneto è la regione più colpita, per la crisi di Popolare di Vicenza, Veneto Banca, Monte dei Paschi e di alcune banche di Credito Cooperativo locali, che hanno innescato una stretta senza precedenti: -10,7; contro una media nazionale del -6,8 per cento. In termini assoluti, alle aziende venete sono stati "tagliati" 10,8 miliardi di prestiti (pari al 17,3 per cento del dato nazionale): solo la Lombardia ha registrato una diminuzione in valore assoluto superiore (-15,9 miliardi di euro), anche se va ricordato che in quest'ultima realtà territoriale è ubicato un numero di imprese attive pari al doppio di quello presente in Veneto.

"Sebbene in questi ultimi 3 anni i rubinetti del credito siano stati progressivamente chiusi - afferma il coordinatore dell'Ufficio studi della CGIA Paolo Zabeo - il sistema economico veneto ha comunque tenuto. Anzi, il manifatturiero e anche le costruzioni sono tornate a crescere, rimaniamo la prima regione turistica d'Italia, l'export vola, la disoccupazione, scesa sotto il 7 per cento, è tra le più basse d'Italia e nel 2016 abbiamo registrato un avanzo commerciale record pari a 16,5 miliardi di euro. Senza la crisi delle due banche popolari, ovviamente, le cose sarebbero andate ancora meglio, soprattutto per le piccole e piccolissime imprese che, tradizionalmente a corto di liquidità e poco capitalizzate, sono state le più colpite da questa stretta creditizia e, conseguentemente, le meno coinvolte dalla ripresa in atto".

Commenti

il veniero

Sab, 15/07/2017 - 11:50

lo stato spinge le imprese ad indebitarsi invece di spingerle verso sistemi SANI come il finanziamento diretto dei soci / titolare con SERI sgravi x chi rischia il proprio patrimoni credendo nell'impresa . Non c'è da stupirsi che lo stato faccia questo visto il debito che ci regala .

paolonardi

Sab, 15/07/2017 - 15:24

Una secca smentita al peana cantato a fini elettoralistici dell'ISTAT e della Banca d'Italia a favore dell'attuale falsa maggioranza.

Ritratto di stenos

stenos

Sab, 15/07/2017 - 17:24

I soldi sono tutti confluiti ai compari del pd, le casse sono vuote.