Chi comanda davvero negli Usa non è Trump

I trenta big dell'industria Usa, detti anche "gorilla", detengono tutti insieme 1.200 miliardi di dollari investiti in passività pubbliche e private

I trenta big dell'industria Usa, detti anche «gorilla», detengono tutti insieme 1.200 miliardi di dollari investiti in passività pubbliche e private. In altri termini sono possessori di una montagna di debiti altrui. E sono quindi in grado di influenzare, più o meno direttamente, il comportamento dei loro debitori. Per avere un'idea più precisa, l'ordine di grandezza è quello del 50% del nostro debito pubblico, o non molto meno del Pil della Spagna, piuttosto che il doppio del Pil della Svizzera.

Il conto lo ha fatto il Financial Times, facendo anche qualche nome: tra i gorilla ci sono naturalmente Apple (che da sola ha riserve liquidabili per 150 miliardi) Amazon, Microsoft; ma anche nostre conoscenze più vecchie quali Ford o General Electric.

Il fenomeno merita attenzione perché queste non sono banche e nemmeno gestori o fondi pensione, che comprano debito per mestiere, per dare un rendimento ai propri clienti o sottoscrittori. Bensì società private che operano sul mercato di beni e servizi; la cui salute, in ultima analisi, dipende dalla capacità di vendere i loro prodotti ai consumatori finali.

In questi ultimi anni hanno accumulato tali enormi risorse in due modi: sia tramite i profitti macinati, sia attraverso l'emissione di analogo debito, favorita dai bassi tassi d'interesse e reinvestita con ritorni maggiori, che in parte hanno ricomprato loro stesse. Secondo il Financial Times i 1.200 miliardi di dollari sono così ripartiti: cash per 300 miliardi, obbligazioni societarie per 420, debito pubblico Usa per 370, e il resto in cartolarizzazioni. Molte di queste società si sono ormai dotate di vere e proprie sale operative di stampo bancario per gestire la liquidità: un secondo lavoro. In ogni caso il risultato finale è che queste 30 multinazionali americane si trovano ad avere nei loro bilanci un potere enorme, forse mai avuto prima nella storia del capitalismo. Il debito, infatti, è potere: prima di tutto il potere di influenzare le scelte del debitore. E che a poterlo fare siano giganti del consumer non è proprio tranquillizzante, perché si crea un rapporto tra Stato e mercato che può facilmente diventare incestuoso. Facciamo qualche esempio.

Se una di queste aziende dovesse andare in crisi, come si comporterebbe il governo Usa? Come per qualunque altra impresa, oppure con un occhio di riguardo, nel timore di veder crollare le quotazioni del proprio debito? Allo stesso modo, se il governo decidesse di introdurre riforme fiscali o industriali non gradite ai gorilla, come potrebbero reagire questi? Avrebbero forse il modo di incidere sulle scelte di politica economica della Casa Bianca? Inoltre, avendo investito largamente anche in bond societari, dalla salute dei 30 big può dipendere la stabilità dell'intero sistema economico: e se i tassi d'interesse cominciassero a salire? Potrebbero influenzare anche la politica monetaria? E se qualcuno pensa che il tema sia solo americano, si sbaglia di grosso, perché la globalizzazione dei mercati delle multinazionali rende inesistente ogni barriera territoriale. In altre parole, il problema di cui sopra è anche un nostro problema.

Certo, di qui a dire che siamo alla soglia di una nuova schiavitù, quella delle multinazionali, ce ne passa. Ma forse è il caso di cominciare a pensare (come sta correttamente facendo l'Unione europea con la web tax) che le dinamiche dell'economia globalizzata e le dimensioni dei gorilla comportano effetti principali e collaterali che è bene tenere in sempre maggiore considerazione. E, magari, cominciare a capire che Donald Trump non è l'unico problema che abbiamo negli Usa noi europei.

Commenti

Michele Calò

Lun, 18/09/2017 - 10:11

Bullshits! Solo la Cina, Giappone e SudCorea, governi, imprese e comunità, detengono insieme più di 2000 mld USD di titoli pubblici e privati!

SiDai

Lun, 18/09/2017 - 23:00

Questo articolo.. un po' scopre l'acqua calda.. un po getta fumo negli occhi... con Obama incece chi comandava... Michelle?

REX5000

Lun, 18/09/2017 - 23:10

Perchè , quando c'era l'abbronzato chi comandava ??? Almeno questo lavora per il suo popolo è mille volte meglio dei nostri usurpatori .Non è lui il problema ma la nostra classe dirigente che pensa solo alla cadrèga e a mettercelo su quel posto.

Ritratto di adonf

adonf

Lun, 18/09/2017 - 23:29

Dove sarebbe la novità ? Lo sapevano anche i sassi. Dicasi lo stesso per praticamente tutte le nazioni del Mondo.

Ritratto di jasper

jasper

Lun, 18/09/2017 - 23:32

Lo sapevamo. E' più che evidente.

alox

Mar, 19/09/2017 - 00:08

Trump e' il comandante in capo delle forze armate: se vuole puo' ordinare (senza consultare NESSUNO) un attacco nucleare a chi ritiene opportuno... guardate poi voi!

alox

Mar, 19/09/2017 - 00:14

Trump, si presuppone sia un miliardario, ma anche senza conoscere il suo tax return (che continua a nascondere) non e' fra le 30 persone piu' ricche in USA...

alox

Mar, 19/09/2017 - 00:17

La WH di Trump e' in mano a 3 o 4 ex-generali che lo bacchettano ogni volta che va' fuori dalle righe...prima era una volta al giorno adesso una volta alla settimana.

alox

Mar, 19/09/2017 - 00:19

Ma siete un giornale di centro-destra o che cosa? E' cosi' difficile capire che da sempre chi ha il grano ha poteri che influenzano le scelte politiche?

alox

Mar, 19/09/2017 - 00:24

E chi e'? La Clinton, Obama...Forse meglio dire che Trump non sa' comandare!

hornblower

Mar, 19/09/2017 - 00:29

Uno Stato che possiede la sua moneta sovrana che può emettere creandola dal nulla è sempre in grado di stoppare qualsiasi manovra speculativa sui suoi titoli di Stato.

roberto zanella

Mar, 19/09/2017 - 00:50

secondo voi sapeva che l'USAirforce avaeva preleavato 20 capi dell'ISIS e rispettive famiglie portandoli in salvo non si sa dove invece di lasciarli in mano siriane e russe ....ahhhh..paura che dicessero chi li ha creati e chi andò a trovarli ( Sen McCain?)...ma penso che Trump sia stato tagliato fuori li è il Pentagono e la CIA che comandano....chissà cosa diranno i familiari di James Foley il freelance USA decapitato dall'ISIS ??

Marcello.508

Mar, 19/09/2017 - 00:51

Poco ma sicuro. Anche suoi predecessori non hanno mai comandato se non "fittiziamente - per conto di". Al 29 aprile u.s. famiglie e risparmiatori americani avevano in portafoglio titoli di Stato Usa per 13.800 miliardi di dollari (76% del Pil) e quasi la metà di questa cifra (6.200 mld di dollari) appartiene a investitori esteri. Tra l'altro i rischi di un effetto a catena provocato dalle manovre della FED sui tassi o da quelle della Cina (primo acquirente di T-bond con oltre 1.250 mld. di dollari in portafoglio) per sostenere lo yuan, quello che appare oggi come un investimento sicuro per tutti potrebbe diventare una Caporetto finanziaria per molti. Buonanotte

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Mar, 19/09/2017 - 02:57

i presidenti e in generale i politici USA sono solo burattini. Il potere è altrove, in chi controlla media, finanza, banche, economia.

giomag42

Mar, 19/09/2017 - 03:08

Michel Calo' ha perfettamente ragione: BULLSHIT !!! Ma dove li trova questi "giornalisti" Il Giornale?

Ritratto di Azo

Azo

Mar, 19/09/2017 - 07:20

Che i poteri forti, comandino il mondo, è risaputo e che le alte cariche degli stati, siano dei pagliacci ai loro servizi anche se milionari. Ma anche tra questi multi-miliardari, c`è qualcuno che ha buonsenso, """CI

Sasi

Mar, 19/09/2017 - 07:55

credo sia cosi un po in tutti i paesi industrializzati, compresi noi...

Ritratto di marmolada

marmolada

Mar, 19/09/2017 - 08:24

Obama andandosene disse:" ma cosa crede Donald, di comandare?". Obama sapeva bene che il presidente degli USA è una marionetta pilotata e guidata dai "poteri forti". Infatti questi ultimi volevano mettere un'altra marionetta ai loro ordini, tale Hillary Clinton che si era distinta per un altissimo numero di omicidi e assassinii in tutto il mondo!! Trump ha rotto le uova nel paniere...e faranno di tutto per buttarlo giù dal "trone" dove lo ha messo il popolo americano!!