Chi è Guido Montanari, "il signor no" di Torino

Ambientalista convinto e No Tav, il 61enne vicesindaco è docente di Storia dell'architettura. Le sue parole sul Salone dell'auto hanno fatto infuriare la Appendino

Dopo 5 anni il Salone dell'Auto lascia Torino. E la decisione degli organizzatori ha fatto infuriare il sindaco del capoluogo piemontese Chiara Appendino. A mettere in fuga la manifestazione dalla città sono state le dichiarazioni del vicesindaco, Guido Montanari, che insieme ad altri M5S aveva messo in discussione l'evento.

"Fosse stato per me, il Salone dell'Auto al parco Valentino non ci sarebbe mai stato. Anzi, nell'ultima edizione ho sperato che arrivasse la grandine e se lo portasse via. Sono stato io a mandare i vigili per multare gli organizzatori", aveva affermato Montanari, vicesindaco con delega all'Urbanistica nelle giunta M5S. Parole che hanno innescato l'ira del primo cittadino che ora sta valutando le dimissioni.

Come spiega il Corriere, Guido Montanari era stato definito da Piero Fassino in campagna elettorale come "il signor no a tutto". Ambientalista convinto e No Tav, il 61enne è docente di Storia dell'architettura al Politecnico di Torino.

Dopo l'ufficializzazione dell'addio a Torino da parte del Salone dell'Auto, Montanari ha cercato di rimediare: "Ho sempre ritenuto che il Salone sia una ricchezza della città e che si possa fare al Parco del Valentino con una mediazione tra esigenze degli organizzatori e fruizione del parco. Questa mia posizione è stata travisata per giustificare evidentemente scelte già assunte".

"Capisco lo sconcerto e il disappunto della Sindaca e mi scuso per aver dato pretesto a polemiche strumentali", ha concluso. Peccato però che la Appendino ha dichiarato di essere "furiosa" e la Giunta è ormai spaccata.

Commenti
Ritratto di Roberto_70

Roberto_70

Ven, 12/07/2019 - 14:04

Io ho capito una cosa, banale ma per me è così. Diffido da chi indossa camice grigie, sa di poco, è una persona che non ha il senso del gusto e tantomeno ha il buon senso. Questi di sinistra, e il M5S non è tanto diverso, travestiti un giorno da buonisti e l'altro da persone corrette, sono persone che non amano tutto ciò che può essere business e benessere economico. Sono dei frustrati.

cgf

Ven, 12/07/2019 - 14:10

questo tizio è un classico esempio di come i 5S possano governare, l'appendino di nome... resta appesa a far bella mostra, anzi si dimette anziché darsi da fare. Votate 5S, votate. Sono gli eredi di coloro che non volevano la metro a Torino, non volevano le autostrade, tutte cose che non servono sostengono.

Italianocattolico2

Ven, 12/07/2019 - 15:37

E' un altro sostenitore della decrescita felice e della cieca difesa dell'ambiente. Però quando entra in casa accende la luce e non le candele di sola cera d'api, d'inverno usa il riscaldamento a gas e non si mette a segare i rami in mezzo alla foresta trasportandoli poi con la slitta tirata a mano, va in giro in auto o in autobus e non con i pattini a rotelle,....!!! Basta o ne vuoi ancora, pinguino ???