Chiave inglese spedita nello spazio: via email

Il comandante della Stazione spaziale internazionale ne aveva bisogno con urgenza. Gli è arrivata via email e se l'è fabbricata con la stampante 3D

L'astronauta Barry Wilmore nella Stazione spaziale internazionale

Vi serve con urgenza una chiave inglese e non sapete come fare? Se avete un negozio di ferramenta o un centro commerciale non troppo lontano potete recuperarla senza troppi problemi. Oppure ordinarla su Internet e aspettare qualche giorno. Ma se vi serve una chiave inglese e siete nello spazio? Non è un indovinello a trabocchetto, è successo veramente. Per risolvere il problema, apparentemente insormontabile, la Nasa ha spedito la chiave inglese via e-mail. E Barry Wilmore, l'astronauta comandante della Stazione spaziale internazionale, che ne aveva bisogno, se l'è fabbricata da solo con la stampante 3D. Come riporta la Bbc è la prima volta che un elemento hardware viene "mandato" nello spazio, sia pure sotto forma di e-mail. Senza questa soluzione gli astronauti avrebbero dovuto attendere mesi per ricevere l'utensile che seriva loro.

Mike Chen, fondatore di "Made In Space", società che produce stampanti 3D, ha detto: "Abbiamo sentito il comandante Wilmore dire alla radio che aveva bisogno di un pezzo specifico, quindi lo abbiamo disegnato con il Cad e inviato a lui via e-mail. Più veloce di un razzo". L'astronauta aveva installato la stampante 3D il 17 novembre. Il 25 dello stesso mese il primo utilizzo, per fabbricare il primo pezzo, una parte di ricambio per la stampante stessa. Secondo la Nasa gli astronauti saranno più autosufficienti nelle future missioni spaziali di lunga durataChen, ovviamente soddisfatto per la sua "missione", ha aggiunto: "La chiave a tubo che abbiamo appena fabbricato è il primo oggetto che abbiamo progettato a terra e inviato nello spazio via email". 

Senza alzare troppo lo sguardso al cielo, le potenzialità delle stampanti 3D sono enormi. Pensate, ad esempio, alle difficoltà di far arrivare un pezzo di ricambio in certe zone impervie del mondo. Pensate ai costi di traporto e ai tempi (lunghi) di attesa. Con un semplice clic tutto questo potrà essere superato. Se siamo riusciti a farlo nello spazio... non è più semplice sulla Terra?



Commenti
Ritratto di AlleXpert

AlleXpert

Sab, 20/12/2014 - 13:42

Barry Wilmore, you have invented hot water!! Premetto che sono del mestiere è ne capisco modestamente un pò della materia, mi piacerebbe sapere, se il pezzo prodotto con il 3D Plotter e in Modellazione a deposizione fusa (fused deposition modeling, FDM): termoplastica oppure in Electron beam melting (EBM): leghe di titanio, da quello che vedo sulla foto mi sembra una chiave inglese in resina termoplastica che la puoi solo utilizzarla per fare pubblicità "Made in Space". Mandare modelli fatto sul CAD via Email lo facciamo da anni "remoto 1990" anche noi. Happy Xmas Barry ;-)

Ritratto di gammasan

gammasan

Sab, 20/12/2014 - 13:56

La notizia fa "scena", ma, secondo me, quell'aggeggio di plastica, in pratica, data la sua mancanza di durezza, non serve a niente...

Ritratto di gammasan

gammasan

Sab, 20/12/2014 - 15:10

Molto bella, pare vera, ma, secondo me, dato che è di plastica, non servirà a svitare un tubo...

Ritratto di alasnairgi

alasnairgi

Sab, 20/12/2014 - 16:26

E ' solo fumo , senza arrosto!! Provino a costruire con una 3D una chiave inglese ( o tubolare che sia) in acciaio al cromo molibdeno come è nescessario che sia!!!!

Ritratto di alasnairgi

alasnairgi

Sab, 20/12/2014 - 16:27

Le stampanti 3D potranno servire solo a costruire attrezzi per bambini da utilizzare per i loro giochi Lego !!!

Ritratto di AlleXpert

AlleXpert

Sab, 20/12/2014 - 18:00

#alasnairgi, vedi che sbagli di troppo, non dirlo aldilà di questo sito ;-). Nell'industria specialmente automobilistica viene eccome usata per prototipi e addirittura per piccola serie!

james baker

Sab, 20/12/2014 - 19:38

Adesso che ci siete riusciti, vi propongo di spedire agli astronauti ché so', la Marini ad esempio : sarebbero felici e si rifiuterebbero di rientrare alla base per ancora venti anni ..... -james baker-.

Ritratto di alasnairgi

alasnairgi

Sab, 20/12/2014 - 22:41

>AlleXpert

linoalo1

Dom, 21/12/2014 - 09:59

Lasciando perdere tutti i commenti,più o meno coloriti,nessuno ha detto se,quella chiave,di plastica o di burro che fosse,è servita a qualcosa!Lino.

Ritratto di AlleXpert

AlleXpert

Dom, 21/12/2014 - 10:57

#linoalo1, sorry, quella non è una chiave (inglese) ma una "leva a cricco"! :-)) Tanto per evidenziare la differenza!

mar75

Dom, 21/12/2014 - 11:05

Vi è passato per la mente il fatto che potrebbe essere solo un esperimento per testare la stampa 3D nello spazio per futuri progetti? Il fatto che abbiano costruito una chiave di plastica apparentemente inutile non significa che sia "acqua calda". Sulla Terra è facile stampare in 3D grazie alla forza di gravità che fa scendere la plastica fusa verso il basso, nello spazio questo non accade.... Come sono riusciti a stamparla? Hanno usato una stampante 3D normale o una con funzionamento tipo centrifuga per simulare la forza di gravità? È queste domande che vi dovete fare e non "un chiave di plastica non serve a nulla".

mar75

Dom, 21/12/2014 - 11:08

Voi siete mai riusciti a stampare in 3D in assenza di gravità? L'esperimento probabilmente consiste in questo e non sull'utilità della chiave in 3D. Sulla Terra è facile perché perché la forza di gravità fa scendere la parte fusa verso il basso.

Ritratto di AlleXpert

AlleXpert

Dom, 21/12/2014 - 15:04

#mar75, senza offesa, ma da quello che ha scritto lei, ho capito che non del mestiere e non sa come funzione la Stampante 3D. Per esattezza certe tecnologie dei processi lavorano già sulla terra a sotto vuoto, dunque senza gravità ;-). L'ultimo pezzo lo fatto produrre tre settimane fa per la nuova Mini JCW come campione per seguire dopo lo Stampaggio ad iniezione di materie plastiche. Auguri

mar75

Dom, 21/12/2014 - 15:52

@AlleXpert: senza offesa, so benissimo cosa è la stampa 3D sia quella fatta con filamenti di plastica estrusa, sia quella fatta con polveri, sia quella a polimerizzazione UV, sia quella a fusione laser ecc. Sulla Terra si possono fare stampe sotto vuoto che non sono stampe in assenza di gravità. Ripeto, l'esperimento probabilmente consisteva nel fare il modello in assenza di gravità e vedere il comportamento. Non è una cosa semplice.

Ritratto di AlleXpert

AlleXpert

Dom, 21/12/2014 - 16:50

#mar75, allora attendiamo la novita che ci trasmettera la NASA dopo questo esperimento fatto nella stazione spaziale without gravity....