Claudia Gerini sta con la Deneuve: "Senza le avances finisce il mondo"

L'attrice romana commenta il caso Weinstein e invita le donne a non mettere in atto una caccia alla streghe

La lettera pubblicata alcuni giorni fa su Le Monde, a cui ha aderito anche Catherine Deneuve, ha creato molto scalpore. A commentarla è ora Claudia Gerini.

Da quando è scoppiato il caso Weinstein, produttore cinematografico accusato da più parti di molestie sessuali, molti sono i personaggi noti finiti al centro delle polemiche per comportamenti più o meno ambigui nei confronti delle donne. Le accuse nei confronti di Weinstein hanno fatto così tanto rumore che da più parti sono nati movimenti per la tutela delle donne. A difesa del sesso maschile si sono schierati altrettanti personaggi noti con una lettera pubblicata alcuni giorni fa su Le Monde il cui punto centrale è la "libertà di importunare, indispensabile alla libertà sessuale". Capofila è Catherine Deneuve.

Ora a commentare i fatti interviene Claudia Gerini che, dalle pagine del Messaggero, afferma convinta. "Lo scandalo Weinstein ha avuto il merito di far scoppiare il bubbone degli abusi e dei ricatti sessuali, ma le giuste proteste femminili rischiano di trasformarsi in una caccia alle streghe che, paradossalmente, indebolisce proprio noi donne". E poi aggiunge: "Proclamare la guerra al maschio significa considerarci incapaci di respingere un'avance sgradita. Invece, anche se la violenza va sempre condannata, abbiamo la forza di dire di no". Per poi concludere: "Noi donne siamo lusingate dalle attenzioni maschili. Se non ci fossero finirebbe il mondo".

Commenti

sparviero51

Sab, 13/01/2018 - 18:26

GIÀ LA FEMMINISTE HANNO FATTO DANNI IRREPARABILI ,ORA QUESTA NUOVA ONDATA DI "PURITANESIMO UN TANTO AL CHILO " RISCHIA DI ANNIENTARE DEFINITIVAMENTE LA SOCIETÀ OCCIDENTALE. RIMARRANNO SOLO ARABI E RICCHIONI !!!

Ritratto di adl

adl

Sab, 13/01/2018 - 18:44

La riflessione e la relativa risposta fuori dal coro, non è stata immediata, e la Gerini è se non vado errato, solo la prima italiana a dirlo. Meglio tardi che mai. Ma a mio avviso la CACCIA AL BRUTO, di turno è solo all'inizio, ed i ravvedimenti operosi ultraventennali, potrebbero potenzialmente diventare solo l'ultima arma LETALE del FEMMINISTICISMO 3.0, ovvero DAGLI AL MASCHIO, lui sà perchè.

Silvio B Parodi

Dom, 14/01/2018 - 10:20

la signora Gerini ha ragione, a forza di ** dai al maschio** i maschi non sapranno piu' che pesci prendere e avranno paura di corteggiare una donna,cosi, si asterranno, e chi ci perde??le donne naturalmente che spendono milioni per farsi belle, , ma a questo punto nessuno le fila!!!per timore!!!!Boomerang!