Al corso di guida sicura per conoscere pista e auto

I corsi del Centro Internazionale Guida Sicura, fondato 26 anni fa dall'ex pilota Andrea De Adamich e organizzato all'Autodromo di Varano de' Melegari in collaborazione con Alfa Romeo, permettono di conoscere, gestire e prevenire i comportamenti di un'automobile in condizioni di emergenza e di difficoltà. Il tutto all'insegna del divertimento e della sicurezza

"Questo tipo di esercitazioni dovrebbero essere obbligatorie in Italia". Il pilota Fabio Mancini lo dice senza mezzi termini alla fine della frenata di emergenza con schivata di ostacolo improvviso su un fondo bagnato artificialmente. In pratica un dispositivo luminoso determina l’improvvisa e casuale necessità di schivare un ostacolo e delle apposite fotocellule rilevano la velocità di passaggio in prossimità del punto di inizio frenata. È uno degli "esperimenti" che si possono fare al corso di guida evoluta Alfa Romeo del Centro Internazionale Guida Sicura, fondato 26 anni fa dall'ex pilota Andrea De Adamich e organizzato all'Autodromo di Varano de' Melegari, in provincia di Parma.

Un corso che permette di conoscere, gestire e prevenire i comportamenti di un'automobile in condizioni di emergenza e di difficoltà. Dopo una breve sessione teorica nella quale vengono spiegate la corretta posizione delle mani sul volante e come sterzare senza spostarle, la giusta posizione sul sedile, quella dei piedi sui pedali, come entrare nelle curve calcolando le traiettorie, si va subito in pista.

Assistiti da piloti professionisti, si parte con la prima sessione di giri con l'applicazione pratica dei concetti precedentemente presentati in teoria. Poi gli iscritti si cimentano nell'affrontare il sovrasterzo provocato da un sistema meccanico di sollevamento dell’asse posteriore di una vettura a trazione anteriore e devono controllare lo sbandamento con la corretta tecnica di gestione dello sterzo e dell’acceleratore. Poi si passa alla già citata frenata di emergenza e alle sessioni di giri di pista focalizzandosi sull'impostazione delle traiettorie di curva, modulazione di frenata, uso dell’acceleratore, corretto sfruttamento della coppia-potenza del motore. Poi è la volta di affrontare un tracciato allestito su superficie bagnata artificialmente e con aree a bassa aderenza per sperimentare e valorizzare i sistemi di sicurezza attiva presenti sulle vetture: ABS, ASR, VDC, EBD.

Il programma non finisce qui. Anzi, si torna in pista per guidare vetture a controllo telemetrico e misurare la propria performance riguardante l'uso di acceleratore, sterzo, freni e velocità.

Tutto questo viene fatto guidando vetture come la Giulietta, la Mito, l'Alfa 4C e la Giulia Quadrifoglio. Insomma, una vera e propria full immersion nel mondo della sicurezza e del corretto comportamento alla guida di tutti i giorni, oltre che un viaggio nel divertimento sotto la costante supervisione di istruttori professionisti nonché tra i migliori piloti a livello nazionale e internazionale, in F1 e nei rally.

Il corso include delle sfide, per misurarsi con se stessi, con il tempo e anche con gli altri partecipanti. Ma quello di guida evoluta è solo è uno dei tanti: c'è quello base, quello sportivo e quello avanzato, dove si possono guidare anche la Quadrifoglio 8C Competizione e la GTV Cup Racing.