Così cambia il catasto

L'archivio verrà trasferito online. La novità riguarda le unità immobiliari urbane a destinazione ordinaria corredate da planimetria e iscritte nei gruppi A (abitazioni e uffici), B (uffici pubblici, ospedali, scuole e così via) e C (box auto, cantine, laboratori, magazzini e negozi)

Le raccomandazioni che la Commissione Ue rivolge all’Italia per il 2016-2017 riprendono quelle degli scorsi anni, toccando le aree dei conti pubblici, privatizzazioni, lotta all’evasione, banche, riforme della pubblica amministrazione, giustizia, catasto, mercato del lavoro, concorrenza e professioni. Gli sforzi per rimettere in carreggiata il bilancio per il 2017, che in teoria dovrebbero essere di "almeno lo 0,6%", dovrebbero concentrarsi sull’attuazione del programma di privatizzazioni coi cui proventi ridurre il debito, spostare il carico fiscale dai fattori produttivi a consumi e proprietà, completare la riforma del catasto entro metà 2017 e prendere misure antievasione come ricevute e pagamenti elettronici. Come detto grandi novità riguarderanno la casa e soprattutto il Catasto. L'archivio verrà trasferito online. La novità riguarda le unità immobiliari urbane a destinazione ordinaria corredate da planimetria e iscritte nei gruppi A (abitazioni e uffici), B (uffici pubblici, ospedali, scuole e così via) e C (box auto, cantine, laboratori, magazzini e negozi). Per ognuna di queste unità viene ora indicata la superficie catastale, calcolata al lordo degli spazi accessori secondo le regole dettate dall’allegato C al Dpr 138/1998, e la metratura ai fini dell’applicazione della Tari, cioè la tassa sui rifiuti. Metratura, quest’ultima, che nel caso delle abitazioni non comprende balconi, terrazzi e aree scoperte pertinenziali e accessorie, così come previsto dalla legge di Stabilità per il 2014.

Sul fronte del valore immobiliare ci saranno anche alcuni cambiamenti per le verifiche da parte dei proprietari. Per chi avrà la curiosità di confrontare i dati, la pubblicazione della superficie catastale farà emergere anche molte delle iniquità del catasto. Per esempio, a parità di superficie e di tutte le altre variabili, un alloggio in un palazzo costruito negli anni 30 può avere cinque vani, mentre la casa del vicino che abita in un condominio realizzato negli anni 70 può arrivare anche a sette od otto vani, con un aumento del valore catastale del 50-60 per cento.
Secondo i geometri fiscalisti per molte abitazioni di periferia o di nuova costruzione classificate oggi come di tipo economico (A3) o civile (A2) alla fine si pagherà meno, visto che spesso si tratta di abitazioni di modesta metratura ma divise in molti vani. Tremeranno invece i polsi di chi possiede case nei pregiati centri storici, ma classificate come popolari o ultrapopolari, o dei proprietari dei rustici trasformati in ville.

Commenti

agosvac

Gio, 19/05/2016 - 13:44

Evidentemente per la nostra "cara"( visto le tasse esose che ci propina) sinistra, la casa, anche se unica e sola casa di abitazione, è un bene di lusso da stangare. Ovviamente questo non vale per molti esponenti politici di sinistra che di case ne hanno tante che, addirittura, si dimenticano di dichiararle( vero signor Sala???).

Ritratto di marino.birocco

marino.birocco

Gio, 19/05/2016 - 14:06

Prima di scrivere cretinate e parlare di stangata aspettate almeno che le cose sia pubblicate poi vodremo.

pg66

Gio, 19/05/2016 - 14:34

Esatto, aspettiamo prima di dire fesserie. E comunque ben venga una riforma che fa pagare il giusto a chi abita in case di lusso accatastate come case popolari. Un mio amico in centro a Torino abita in una casa pagata quasi un milione di euro che è accatastata come casa popolare perchè 50 anni fa aveva il bagno sul ballatoio. Lui invece ha la sauna in casa e la Porsche in garage.

Ritratto di semperfideis

semperfideis

Gio, 19/05/2016 - 14:43

marino.birocco Aspetta e spera....che già l'ora si avvicina....

il veniero

Gio, 19/05/2016 - 14:45

marino.birocco , la stangata è garantita ...almeno x chi ha immobili , magari grandi . Comunque la prima stangata è il carrozzone inutile chiamato catasto ...che in moltissimi paesi avanzati NON esiste .

Ritratto di malatesta

malatesta

Gio, 19/05/2016 - 14:45

Una cosa e' certa..prima di riformare le norme catastali alla "MONTIANA" BISOGNEREBBE RIFORMARE IL CATASTO...provare a girare per i corridoi degli Uffici Catastali...un disordine incredibile di documenti importantissimi,DVD,CD alla portata di tutti un ambiente di lavativi perditempo 100 volte peggio dei furbetti del cartellino...questi, inoltre, spesso chiedono il "pizzo" di giornata, per pratiche, agevolazioni,documenti...PROVARE PER CREDERE....!! VOI del Catasto...S I E T E V E R G O G N O S I ...!!!!!...Siete peggio di chi da' lavoro in nero...cosa aspettate a organizzarvi in una maniera decente?

Una-mattina-mi-...

Gio, 19/05/2016 - 14:51

Il solito casino

Ritratto di Farusman

Farusman

Gio, 19/05/2016 - 14:52

marino.birocco: possiamo aspettare e sperare. Ma purtroppo la rivalutazione viene fatta per "adeguare" cioè aumentare le tasse sulla casa. Quindi lei aspetti e speri,se crede; io, purtroppo, ho finito da mo'.

Ritratto di El Presidente

El Presidente

Gio, 19/05/2016 - 14:58

Quindi pagherò meno mentre qualcuno con la casa in centro nel cui salone la mia entrerebbe comodamente, garage incluso, finirà col pagare di più? Posso non essere del tutto dispiaciuto? Comunque ha ragione marino.birocco, prima vediamo come si traducono questi propositi.

giovauriem

Gio, 19/05/2016 - 14:58

pg66 , più che di giusto , nel tuo caso sembra che si tratta di invidia per il tuo "amico" c'è chi può e chi non può : tu non puoi .

Ritratto di sailor61

sailor61

Gio, 19/05/2016 - 15:05

al di la delle finezze contabili la tragedia è l'assunto di partenza: la casa è un bene che deve essere tartassato! Non si considera quindi che chi ha fatto sacrifice per comprarsi la casa e non pretendere niente dallo Stato sia virtuoso, NO. E' invece da considerarsi un LADRO,SFRUTTATORE che ha CAPITALIZZATO I suoi LURIDI GUADAGNI. Quindi continueremo a beatificare chi okkupa, chi lede diritti e non rispetta le leggi della civile convivenza e si perseguiterà, secondo MARX, chi POSSIEDE qualcosa! Ma siamo in Italia o in Korea del Nord???

Mobius

Gio, 19/05/2016 - 15:29

Stiamo a vedere. Comunque non è vero che la sinistra mira a stangare la casa. La sinistra mira ad espropriarla, la casa, perchè considera poco "sociale" che i componenti del popolo bue abbiano la casa di proprietà ("proprietà": parola blasfema nel lessico della sinistra). Si vogliono istituire le case del popolo, nel senso che esse devono appartenere alla cricca comunista; la quale, benevolmente, le metterà a disposizione di chi ritiene più meritevole (leggi: allineato).

epc

Gio, 19/05/2016 - 15:39

Chissà se accatasteranno le migliaia di immobili che in certe regioni (ma non solo) sono del tutto sconosciute al catasto o se, come al solito, si limiteranno a far pagare ancora di più quelli che già stra-pagano....

epc

Gio, 19/05/2016 - 15:42

@El Presidente: mmmmh, no, lei non pagherà di meno, vedrà. Qualcuno pagherà di più e anche lei pagherà di più. Contento?

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Gio, 19/05/2016 - 16:02

io penso che chi ha una casa più bella della mia, abbia già pagato per averla più bella, dando lavoro a molta gente che se stavano ad aspettare quelli delle case popolari potevano fare la fame. Questo non lo capiscono. Se non compri il Governo si lamentache l'economia non parte e si trovano in difficoltà, ma se compri invece di essere contenti e premiarti ti massacrano. Certo, ci sono gli incentivi, ma se li recuperno presto, con tasse e balzelli.

Rossana Rossi

Gio, 19/05/2016 - 16:20

Tranquilli... è un'altra ammuina del pifferaio usurpatore per intascare soldi....e noi continueremo a pagare.........

Ritratto di marino.birocco

marino.birocco

Gio, 19/05/2016 - 16:32

"pg66" Anch'io ho testimonianze come la tua , succede proprio così è per quello che chi ha dei benefici dalla situazione attuale quando sente parlare di riforma del catasto gli viene la dissenteria.

Ritratto di Civis

Civis

Gio, 19/05/2016 - 18:01

Chi non lo conosce, vada a vedere cos'è il "Sistema catastale tavolare" in uso in mezza Europa e anche in Italia in 4 province più un'altra ventina di comuni.

iononhovotatorenzi

Gio, 19/05/2016 - 18:08

Caro Torre, su questo argomento va dato più spazio. Al momento tutti quelli che hanno investito in nuove costruzioni dagli anni 90 ad oggi pagano il grosso delle tasse sulla casa, teniamo conto che molte sono in periferia quindi con servizi ridotti alla miseria ma accatastati come villini o villa ma sono semplici case di periferia con un pò di spazio intorno. Mentre tutti i centri storicio abitati godono dei migliori servizi ma delle peggiori rendite catastali, ma con le migliori rendite commerciali. Ora quello che emerge che chi ha mosso l'economia negli ultimi anni è anche quello che la deve sostenere con le tasse....in un paese democratico sarebbe già scoppiata la rivoluzione ma essendo un paese di corrotti pensiamo che la strada degli amici e dei favori sia quella preferita. Vergogna

chiara 2

Gio, 19/05/2016 - 18:11

Mah! Come la metti la metti, stanno impoverendo tutto il settore privato con risparmio annesso, mentre il VERO evasore inefficiente e fonte di drammatici sprechi, LO STATO, non viene tagliato manco a morire....

Ernestinho

Gio, 19/05/2016 - 18:21

Un altro colpo basso. Il "renzi" afferma che diminuirà le tasse ma intanto le aumenterà sulle case e ... pagheremo ancora di più!

Ernestinho

Gio, 19/05/2016 - 18:22

Tutti calcoli infernali per fregare la gente!

il veniero

Gio, 19/05/2016 - 18:29

marino.birocco , io non attici e macchinone ma ho la nausea quando vedo la bava alla bocca di chi quando qualcuno ha di + invoca " equità" che tradotta vuol dire " farla pagare " . Tipico di certe idelogie di sx ma anche nazionalsocialiste . Qui si parla di furto non di tasse e non mi dilungo tanto spreco fiato .

onurb

Gio, 19/05/2016 - 18:31

epc. Occorre sfatare il detto comune degli immobili fantasma, ossia quelli sconosciuti al catasto. Da anni viene portato avanti un programma di rilevamento degli immobili mediante fotografie aeree del territorio. Oggi ci sono anche i satelliti che riescono a rilevare il numero di targa delle macchine. Dunque, il catasto è in grado di individuare gli immobili. C'è solo da capire se c'è una vera volontà di accatastarli (in quelle certe regioni a cui lei accenna).

onurb

Gio, 19/05/2016 - 18:36

Per gli sprovveduti faccio un esempio concreto. Immobile nuovo acquistato come prima casa direttamente presso il costruttore al prezzo di euro 300 mila, tutto dichiarato. Sul prezzo viene pagata l'Iva al 4% percento, per un totale di € 12.000. Ma questo stato quanto c...o vuole ancora ricavarci sopra?

il veniero

Gio, 19/05/2016 - 18:43

Gio,figurati . X mantenere quelle regioni stanno riducendo i servizi ( che erano discreti) nelle altre regioni ...come la sanità in Lombardia che è , ormai a livelli di profondo sud , provare x credere .

46Enrico

Gio, 19/05/2016 - 18:44

Giustissimo aspettare la pubblicazione però conoscendo il vizietto dei nostri, nel dubbio di una stangata,nel frattempo 50 milioni di italiani non faranno niente cioè nei prossimi tempi non spenderanno una lira alla faccia della ripresa. Guarda caso in periodi di profonda crisi l'unica cosa che lo scorso anno è aumentata sono i depositi bancari privati, segno di pesante sfiducia e paura del futuro. Non era fose meglio rimandare a tempi migliori una riforma del genere che l'uomo della strada vede come una possibile rapina?

FRANZJOSEFVONOS...

Gio, 19/05/2016 - 18:45

DIMINUIRE I COSTI? SERIAMENTE DUBBIOSO. ANCHE LE PERIFERIE POTREBBERO AUMENTARE, IN QUANTO ESISTONO ZONE DENOMINATE ULTRA POPOLARI, E QUINDI, VALGONO MENO DELLE PERIFERIE. AUMENTANO NEL CENTRO STORICO, CENTRO, UN PO' IN PERIFERIA E DEMINUISCONO IN ZONE DENOMINATE ULTRA POPOLARI. QUESTA E' LA PAURA. E POI ALLA FINE QUANTO VERREBBERO DIMINUITE CONSIDERANDO CHE MILIONI VANI APPARTAMENTI NON SONO UBICATI IN CENTRO STORICO? PENSATECI. SPERO IN UNA CANTONATA.

geronimo1

Gio, 19/05/2016 - 19:19

E' interessante osservare che da sempre i kompagni considerano chi ha qualcosa (liquidi od immobili..) un ladro..!!! A priori..!! In quanto non si considerano sacrifici, valori, abilita'... Si da' per scontano che siamo TUTTI APPIATTITI UGUALI.... Se qualcuno deve essere MENO UGUALE (quindi avere il grano...) deve essere il PARTITO a deciderlo (come i boiardi di partito moscoviti ai tempi dell' URSS) per meriti di fedelta' anzianita' od utilita' alla CAUSA......... Se la proprieta' immobiliare e' un furto, si calcoli che e' solo temporanea: in pochissimi decenni pagando le tasse dovute si versa allo Stato il vlore della casa, per poi ricominciare........

manente

Gio, 19/05/2016 - 19:44

Gli evasori per eccellenza, le banche salvate dal fallimento con i soldi dei contribuenti, ricevono l'ennesimo regalo con i pagamenti on-line ed i cittadini che possiedono un alloggio, grande o piccolo, ma spesso vecchio e costoso nella manutenzione, devono pagare sempre di più. E' evidente che si tratta di un attacco a 360 gradi al diritto alla "casa" come bene primario tutelato dalla Costituzione, nel più puro stile della unione sovietica europea, il comunismo più becero con a capo le banche!

il veniero

Gio, 19/05/2016 - 20:10

Appena il clima lo consente, dopo una bella campagna mediatica , cari italioti , ARRIVA LA LATRIMONIALE CHE CGIL ESIGE SA ANNI