Costrette a pagare il pizzo per prostituirsi: 9 arresti a Napoli

Le "lucciole" dovevano pagare il pizzo per battere i marciapiedi nella zona orientale di Napoli. Nove arresti per estorsione, usura e favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione. Una donna a capo del gruppo criminale.

Se volevano battere quei marciapiedi, le transessuali dovevano versare una somma fissa di 30 euro. Le donne originarie dell’Europa dell’Est, invece, erano costrette a corrispondere una percentuale sui proventi, in caso contrario sarebbero state picchiate. Queste erano le regole a cui doveva sottostare chi voleva prostituirsi nella zona a est di Napoli. La strada era praticamente finita sotto il controllo di un gruppo di criminali, che decideva come gestirla: stabiliva a chi affidarla, come spartirla e quanto doveva pagare chi voleva occuparla. La gang è stata scoperta dai carabinieri.

I militari dell’Arma hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip di Napoli nei confronti di otto persone: Annalisa Improta, 54 anni, Gabriele Palumbo, 44enne di Casalnuovo già agli arresti domiciliari per altra causa, Luigi Barile, 25 anni, Sergio Sapienza, 50enne, Daniele Noviello, 44enne, Francesco Mazzarella, 25enne, Antonio Sarnelli, 32enne già in carcere per altro, e Vincenzo Campolongo, 40enne di Santa Cecilia di Eboli (Salerno). Hanno poi catturato un nono soggetto, che era risultato irreperibile al momento del blitz: il 35enne Vincenzo Micale. (guarda il video).

Gli arrestati sono accusati, a vario titolo, di associazione per delinquere finalizzata all’estorsione e all’usura, e di favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione. Alle indagini hanno lavoro i carabinieri della compagnia di Poggioreale, coordinati dalla Direzione distrettuale antimafia di Napoli. L’attività investigativa ha permesso di appurare che l’organizzazione praticava anche lo strozzinaggio: venivano concessi prestiti di denaro su cui si applicavano tassi di interesse usurai.

A capo del gruppo, che aveva legami con esponenti apicali del clan camorristico dei “Mazzarella”, vi era una donna residente nel quartiere orientale di San Giovanni a Teduccio. I suoi sodali si occupavano di riscuotere il pizzo dalle "lucciole" e di sorvegliarle, controllarne gli spostamenti e gli orari. E se le “regole” non venivano rispettate scattavano violenze e minacce. Uno degli indagati si occupava anche di gestire un giro di prostituzione in rinomate località turistiche campane, in particolare a Ischia e a Sorrento. L'uomo prendeva in affitto degli immobili e li metteva a disposizione delle prostitute che in quegli spazi offrivano prestazioni sessuali secondo i tempi e le tariffe da lui stabiliti. I clienti li procacciava pubblicando inserzioni pubblicitarie sul web.

Commenti
Ritratto di bimbo

bimbo

Mar, 31/07/2018 - 11:44

Poverette son tutte pizzate ma con soldi veri, mentre noi tartassati e rincoglioniti dai politi professori ciarlatani, ovviamente da due soldi.

Ritratto di bimbo

bimbo

Mar, 31/07/2018 - 11:52

Fanno pena ste poverette magari commuovono anche i giudici..

Yossi0

Mar, 31/07/2018 - 12:49

Dove sta la novit ?

Ritratto di stufo

stufo

Mar, 31/07/2018 - 12:59

Sto piangendo.

Ritratto di comunistialmuro

comunistialmuro

Mar, 31/07/2018 - 13:09

Da anni la Lega chiede di regolarizzare la prostituzione,mi piacerebbe sapere perchè non se ne parla piu';il M5S è contrario? Questi poveretti,gia' fortemente penalizzati alla nascita,fanno una vita d'inferno e il male genera sempre altro male;dopo quanto successo ieri all'atleta di origini nigeriane a Torino,scambiata appunto per una prostituta,mi sarei aspettato almeno un'accenno alla condizione inumana in cui vive chi si prostituisce in strada,cosè deve scapparci il morto per far finire questa vergogna?

Ritratto di hardcock

hardcock

Mar, 31/07/2018 - 13:18

Lo scrivo ormai da una vita quel lurido schifosissimo paese ha il maggior numero di criminali liberi di scorrazzare e far danni con la magistratura che ora è dedita solo alla xenofobia. Complimenti itagliani avete proprio il preciso paese che vi meritate. Buona permanenza all'inferno. Mao Li Ce Linyi Shandong China

Ritratto di alfredido2

alfredido2

Mar, 31/07/2018 - 15:33

Una soluzione sola : rriaprire I casini con tutte le specialità del settore.Ma anche quì si distruggerebbe un business e quindi ......

i-taglianibravagente

Mar, 31/07/2018 - 16:57

Mi permetto di correggere l'errore: si scrive "TRANS CostrettI" non costrettE. Sono uomini. Il sesso non e' un opinione, ed e' anche un connotato piuttosto facile da riconoscere. Sono tempi in cui purtroppo tocca parlare dell'ovvio....speriamo in tempi migliori.

Silvio B Parodi

Mar, 31/07/2018 - 17:00

in Italia e' un disastro completo grazie ai governi di sinistra!!!!!

Ritratto di sonia08

sonia08

Mar, 31/07/2018 - 17:15

Poverine che pena fanno... con una notizia così non dormirò stanotte .... mai che si legge come fanno a vivere chi perde il lavoro ...

Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Mar, 31/07/2018 - 17:50

Con il decreto dignità potevano inscrivere anche la categoria delle "belle di giorno e di notte" e "derivati" e così all'ISTAT il nuovo "direttore" si sarebbe gongolato nell'annunciare che il PIL e l'occupazione si "innalzavano".