"De Santis sparò a Esposito quando era già ferito"

La perizia: "Daniele De Santis venne aggredito dai tifosi napoletani, cadde e si ferì. Poi sparò quattro colpi e uccise Ciro Esposito"

Le drammatiche immagini del primi soccorsi al ragazzo

Il 3 maggio scorso, prima della finale di Coppa Italia tra Fiorentina e Napoli, Daniele De Santis ha sparato quattro colpi di pistola contro i tifosi biancocelesti dopo essere stato "sopraffatto dagli aggressori, ferito e sanguinante, con le mani sporche del suo stesso sangue".

Lo sostiene la perizia degli esperti della scientifica del Racis, nominati dal gip per far luce sulla morte di Ciro Esposito. Un documento di oltre 600 pagine in cui si ipotizza che De Santis potrebbe essere stato ferito dai tifosi napoletani mentre tentava di raggiungere il Ciak Village, dove abitava, e qui avrebbe quindi esploso quattro colpi di pistola che hanno ferito in tutto tre persone tra le quali Esposito, morto dopo cinquanta giorni di ospedale. "De Santis cade a terra, viene aggredito e inizia a perdere abbondantemente sangue", scrivono gli esperti, "Non si esclude che in questa fase sia stato utilizzato il coltello a serramanico per mano di uno dei tifosi partenopei. Dopo avvengono gli spari in rapida successione".

Commenti
Ritratto di oldpeterjazz

oldpeterjazz

Mer, 10/09/2014 - 17:56

Beh, se le cose sono andate veramente così, la posizione del De Santis si alleggerisce notevolmente. Diciamo pure che i napoletani se la sono andata a cercare. Comunque sarà il processo a stabilire

Ritratto di oldpeterjazz

oldpeterjazz

Mer, 10/09/2014 - 17:57

Beh, se le cose sono andate veramente così, la posizione del De Santis si alleggerisce notevolmente. Diciamo pure che i napoletani se la sono andata a cercare. Comunque speriamo che al processo si stabilisca la verità.

Nonmimandanessuno

Mer, 10/09/2014 - 17:59

E Esposito non si trovava a transitare lì per caso ma stava delinquendo come ultrà. Basta a fare dei santi di questi personaggi. Viva i Carabinieri.

Ritratto di bracco

bracco

Mer, 10/09/2014 - 18:47

Fosse così sarebbe legittima difesa, i napoletani non l'hanno raccontata giusta, ma stiamo sereni che avranno i soliti due o trecento testimoni pronti a testimoniare il contrario

Mr Blonde

Mer, 10/09/2014 - 18:52

Aspettiamo cortei di napoletani che se la prendono con le forze dell'ordine. Magari in 4 senza casco su ogni scooter.

Ritratto di Alberto43

Alberto43

Mer, 10/09/2014 - 18:53

Questo insegna che per sbrogliare le matasse ci vuole tempo e pazienza, è ora di finirla con le sentenze mediatiche!

Ritratto di MarcAsco

MarcAsco

Mer, 10/09/2014 - 19:00

L'ennesimo caso in qui si fa Santo un teppista.

nino 10

Mer, 10/09/2014 - 19:02

Certo però qualche dubbio rimane: come mai il De Sanctis era armato mentre se ne tornava a casa? Comunque si vedrà al processo, speriamo.

scala A int. 7

Mer, 10/09/2014 - 22:06

ci sono disinformati a cui e' meglio dare opportune delucidazioni. CIRO ESPOSITO transitava nel percorso indicato ( senza che ci fossero poliziotti a sorvegliare l' area ) per andare allo stadio , senza bombe carta o pistole , mangiava un panino . C'era un pullmann di Nostri Tifosi proveniente da Milano con intere famiglie tra cui donne e bambini. Questo pullmann venne attaccato da de santis e alcuni compari suoi , con bombe carte provocando il terrore degli occupanti. Ciro , Uno che aveva il Sangue nelle Vene , intervenne assieme ad altri per mettere in fuga gli attentatori ( fu un vero agguato ) ; i compari del Lurido sparatore se ne scapparono mentre il Lurido inciampo' e cadde . Lo so' che i Nostri tifosi sbagliarono perche' dovevano dargli una mano a rialzarsi e portarlo al bar a bere un caffe' o aperitivo , invece gli stavano impartendo una Giusta Lezioncina . Il resto lo sapete. Chiedo : la partita era Napoli / Fiorentina ....che ci faceva il Lurido la' , tifoso della roma , con pistola e bombe carte ? inoltre dovrebbe essere arrestata anche la donna del circolo che nascose l'arma in un cestino. Ci sono i teppisti della strada compresi quelli da stadio e teppisti della " penna " , come ne vedo nei commenti ; qualcuno anche xxxxxxxx ( mi autocensuro )

Nonmimandanessuno

Gio, 11/09/2014 - 08:55

Ma tutte le volte questi "diversamente italiani" debbono protestare contro lo Stato? Ricordo il governicchio D'Alema quando i tutori dell'ordine colà bastonarono ferocemente i dimostranti in scipopero. Il presidente di una parte degli italiani non trova mai il modo di stigmatizzare i comportamenti sfascisti dei suoi concittadini?

onurb

Gio, 11/09/2014 - 08:55

Stando così le cose, il comune di Napoli dovrà rinunciare a intitolare una via della città al povero Ciro.

Ritratto di marforio

marforio

Gio, 11/09/2014 - 09:09

Leggittima difesa .Peccato che gli incivili sono incivili anche dopo morti.

Ritratto di ASPIDE 007

ASPIDE 007

Gio, 11/09/2014 - 09:41

...La gravità sta nel fatto che, se non fosse stata chiarita la dinamica del fatti da parte del RACIS, i testimoni napoletani, da considerarsi nella maggior parte dei casi, inattendibili, non avrebbero certo contribuito a fare giustizia.

nonnoaldo

Gio, 11/09/2014 - 10:12

Mr Blonde, non è vero che a Napoli non indossano mai il casco, è sempre usato durante rapine, ammazzamenti vari e cortei sfasciatutto.