Deputato sardo: "Obama ha servito a Renzi un vino fuorilegge"

Mauro Pili se la prende con il presidente americano: "Il vino offerto alla Casa Bianca alla cena con Renzi non poteva essere venduto con quel nome"

Il vino fatto servire da Barack Obama alla Casa Bianca durante la cena di Stato con il presidente del Consiglio italiano Matteo Renzi è "illegale".

L'accusa è di quelle che fa saltare sulla sedia: a lanciarla è il deputato sardo (ed ex presidente della Regione autonoma) Mauro Pili, che si scaglia contro il Vermentino "Santa Ynez 2015" offerto dal presidente americano durante la State dinner di martedì scorso.

"L'utilizzo di un marchio Vermentino messo sulla tavola della cena alla Casa Bianca da un produttore californiano - spiega il politico sardo - è un atto vietato da tutte le leggi europee e dagli stessi accordi tra Stati Uniti e Europa. Accettare questa vergognosa farsa della cena di Stato significa avallare un illecito che potrebbe minare alla radice la tutela del Vermentino di Sardegna e di Gallura, gli unici che potevano essere venduti e serviti con quel nome. In base all'art. 7 dell'accordo Ue-Usa sui vini attualmente in vigore, quel vino non poteva essere servito in una cena di Stato e tanto meno commercializzato negli Stati Uniti."

Nel mirino del battagliero Pili finisce inoltre, oltre alla Regione, anche lo stesso governo Renzi, che a suo parere dovrebbe "impugnare con immediatezza tale produzione e richiamare il governo americano al rispetto delle normative sulla tutela dei prodotti a denominazione di origine geografica."

Difficile pensare che il premier possa davvero scomodare la Casa Bianca per questo tipo di rimostranza. Chissà se i produttori romani si arrabbieranno leggendo dell'improbabile "pecorino di New York" servito prima del secondo.

Commenti

buri

Ven, 21/10/2016 - 10:45

se il Signor Mauro Pilli si aspetta di vedere Renzi protestare per quella faccenda fa tempo ad invecchiare nell'attesa

Ritratto di mariosirio

mariosirio

Ven, 21/10/2016 - 11:34

Il vino misura gli ospiti

Ritratto di mbferno

mbferno

Ven, 21/10/2016 - 11:36

Penso che Obama,della cosa, se ne freghi altamente.Per quanto mi riguarda,non avrei avuto nulla da obiettare se a Renzi gli avesse offerto del vino in cartone fatto con le bustine.

giovauriem

Ven, 21/10/2016 - 11:43

se gli americani avessero un poco di cultura sull'italia e se obama avesse saputo chi era renzi , avrebbero dovuto servire del chianti magari coreano .

giampiroma

Ven, 21/10/2016 - 12:07

tutto ciò che avviene in america è illegale. figuriamoci per questa cosa. ci sono però gli addetti al protocollo,in questo caso quelli italiani, che non dovrebbero permettere certe cose come anche, mi sembra di aver letto, che il parmigiano non era quello vero ma parmisan. almeno bisognerebbe rimuovere questi signori dal loro incarico(pagato ultraprofumatamente)

robylella

Ven, 21/10/2016 - 12:07

Il vino si addice al presidente USA (e naturalmente al pinocchio italiota)! Vino TAROCCO, presidente farlocco!

Ritratto di bandog

bandog

Ven, 21/10/2016 - 12:11

uuahhuaahhhuaahhhhhh,non ci posso credereeee!!!Il diversamente pigmentato ha servito un vino contraffatto...peggio dei cinesi!!!

Ritratto di gzorzi

gzorzi

Ven, 21/10/2016 - 12:18

Fategli causa, così ci facciamo due risate.

cgf

Ven, 21/10/2016 - 12:38

@giovauriem il chianti cresce bene in California, si trova, ma è snobbato da altri vitigni.... più redditizi.

tzilighelta

Ven, 21/10/2016 - 13:03

Riprovo, si chiama Pili e non Pilli, il vermentino di Gallura è citato da Dante nella divina commedia, ora che sia stato contraffatto questa non è una novità per noi, ma come pubblicità va benissimo! Ottimo Renzi la prossima volta però portagli quello originale!

MOSTARDELLIS

Ven, 21/10/2016 - 13:05

Sicuramente il produttore californiano è uno sponsor di Obama...

Ritratto di diemme62

diemme62

Ven, 21/10/2016 - 14:00

Però l'Abbronzato non ha colpe: lui si è affidato all'acclamato chef italo-americano Mario Batali. Il quale, a sua volta, non può certo chiedere la consulenza di un legale ogni volta che porta una bottiglia in tavola. Anche perchè, con le tariffe dei legali negli USA, fallirebbe nel giro di due anni .. Se c'è stata una violazione della legge chi ne ha diritto protesti nelle sedi competenti.

alkhuwarizmi

Ven, 21/10/2016 - 14:17

Tutto in carattere con la cialtroneria dei partecipanti a questa ridicola cena.

Ritratto di Ubidoc

Ubidoc

Ven, 21/10/2016 - 14:39

Ma questa è una notizia clamorosa ! Degna della prima pagina ! Non ci dormirò questa notte. Bravissimi,continuate così.

Ritratto di cangrande17

cangrande17

Ven, 21/10/2016 - 14:45

A parte tutto, potevano decisamente bere di meglio.

ESILIATO

Ven, 21/10/2016 - 14:57

Dio li fa e poi li accoppia.......Batali....Il pupo fiorentino ......Bombama.......cibo da mensa comunale e vino fatto col bastone.....

jeanlage

Ven, 21/10/2016 - 14:57

Nella casa del negro fasullo (Obama), che qualcosa, a partire dal vermentino, sia reale, è pura illusione. A proposito. La first lady signora Renzi, avrà chiesto al preside le ferie per la vacanza a Washington, o dobbiamo anche pagarle lo stipendio?

routier

Ven, 21/10/2016 - 15:06

La prossima volta serviranno in tavola un Brunello di Montalcino Made in Corea? RIDICOLI !

agosvac

Ven, 21/10/2016 - 15:35

In effetti un Vermentino che non sia sardo o, almeno ,Ligure, è una specie di oltraggio i vini hanno quella che si chiama Doc o Docp, pertanto tutti gli altri anche dello stesso tipo, devono avere un'altra denominazione. Gli americani, però, sono abituati a fare queste coserelle.Per quanto riguarda il "pecorino di New York" c'è da dire che anche a New York esistono le pecore!!!

Ritratto di Flex

Flex

Ven, 21/10/2016 - 16:00

se è così, bravo Mauro Pili,mi pare che la vicenda abbia tutte le prerogative per essere posta attenzione da chi verifica la corretta applicazione dei trattati internazionali per difendere i prodotti Nazionali dai "tarocchi".

Tarantasio

Ven, 21/10/2016 - 16:02

ma benigno che fine ha fatto? è sparito? o faceva il cameriere""" nessuno dice nulla... il mistero continua

Giovanmario

Ven, 21/10/2016 - 16:03

può darsi che mi sbagli ma il vermentino dovrebbe essere una qualità di uva bianca.. come per esempio lo è il moscato.. e pertanto non può essere attribuita solo ad una regione o ad un marchio..

Ritratto di italiota

italiota

Ven, 21/10/2016 - 16:05

ma nooo... ma vaaa... ma comeee ? gli americani che propinano "dei pacchi" a noi italiani ? incredibile

Ritratto di orione1950

orione1950

Ven, 21/10/2016 - 16:23

al gala, erano tutti copie di persone serie ed affidabili; percio', il vino taroccato ci sta, eccome! Già la presenza del pagliaccio la dice tutta.

lolafalana

Ven, 21/10/2016 - 16:50

Cosa volete che capisca Renzi di vini, quello va a Coca Cola...

Ritratto di BM1883

BM1883

Ven, 21/10/2016 - 17:10

al di là che avete già scritto tutto, o quasi, volevo rispondere a Giovanmario : non c'entra bianco o rosso, se un vitigno è DOC o DOCG deve esser fatto nel territorio stesso di denominazione, prova a fare il Prosecco in Campania o in Calabria, poi vedi. Successe lo stesso con il famoso Tocaj, ungherese, che veniva prodotto pure in Friuli, e il Friuli perse la causa, giustamente, anche se il vino era diverso, da tavola e non liquoroso, ma se la Regione Tocaj è in ungheria non lo si può produrre in nessun altra parte, e pure questo è bianco. Solo per precisazione. Comunque si sa da decenni che in America amano copiare i prodotti italiani, magari anche da italiani stessi che vivono lì. E il nome di richiamo fa la vendita da sola. Ma che volete, Renzi ha già "svenduto" l'italia oramai, che sarà mai Vermentino più o Vermentino meno. Szep napot.

giovanni PERINCIOLO

Ven, 21/10/2016 - 17:15

E qualcuno in Europa si batte per far approvare il famoso accordo/imbroglio per facilitare gli scambi commerciali tra EU e USA, quello che va sotto l'acronimo TAFTA o TTIP! Guardacaso favorevole é sopratutto frau kulona con paesi nordici che già ora ci invadono con le loro schifezze come le mpozzarelle "azzurre" e altre amenità. In quel caso non solo ci dovremmo sorbire il "vermentino" californiano ma avremo al supermercato belle bistecche agli ormoni, polli lavati con la varechina e tante altre delizie dello stesso genere in aggiunta alle porcherie tedesche, polacche, danesi ecc.

petra

Ven, 21/10/2016 - 17:56

Subito un Tapiro a Renzi. Penso non possiamo fare altro, purtroppo.

Giovanmario

Ven, 21/10/2016 - 18:28

BM1883.. il vitigno non può essere doc.. bensì il vino da cui si ricava.. il chianti si chiama così perchè viene prodotto in quelle località ma il vitigno è il sangiovese.. il tocaj è un vino non un vitigno..

claudioarmc

Ven, 21/10/2016 - 19:51

Un falso offerto da un farlocco ad un fasullo

Anonimo (non verificato)

Gasparesesto

Ven, 21/10/2016 - 20:45

A Firenze gira voce che Matteo a furia di leccare Obama e non Michelle . . stia diventando buco . . e che non capisce una mazza di quello che ha mangiato e di quello che ha bevuto . . Lui sa solo che Obama gli garba tanto !