Dimesso dall'ospedale bambino di tre anni muore poco dopo

La tragedia a Valli del Pasubio, Vicenza: il pm ha disposto l’autopsia e sequestrato le cartelle cliniche. Indagato un medico per omicidio colposo

I genitori lo avevano portato in ospedale per forti dolori alla pancia, ma i medici lo avevano dimesso qualche ora dopo: passate alcune ore, però, si è sentito ancora male ed è morto appena arrivato al pronto soccorso.

Il dramma a Valli del Pasubio, in provincia di Vicenza, dove a perdere la vita è stato un bambino di appena tre anni. Il pubblico ministero ha disposto l'autopsia sul corpo del piccolo, mentre l'Arma dei carabinieri ha sequestrato le cartelle cliniche; inoltre, un medico è stato iscritto nel registro degli indagati della procura vicentina per omicidio colposo.

Una tragedia che ha sconvolto il piccolo paese di montagna e devastato di dolore la mamma e il papà. Le tremila anime della realtà montana si stringono attorno alla famiglia, a partire dal sindaco. Queste le parole del primo cittadino Carlo Bettanin, riportate dal Corriere: "È una disgrazia che ci lascia attoniti, senza parole, è un dolore enorme per la comunità, una perdita per tutti. Ora, la prima cosa che dobbiamo fare è stringerci attorno a Luca ed Erica: non devono essere lasciati soli".

Commenti
Ritratto di mbferno

mbferno

Mer, 31/07/2019 - 17:44

Siamo purtroppo nelle mani di autentici medici inetti ed impreparati. Che per esigenze di cassa tendono a sottovalutare i sintomi o non li sanno inquadrare. E alcune volte finisce male. Il mestiere di medico è difficile,o lo fai con coscienza e massima dedizione o è meglio che fai altro.

dare 54

Mer, 31/07/2019 - 23:54

La Medicina non è una scienza esatta. Siamo nelle mani di Dio.

TheFlyingCelt

Gio, 01/08/2019 - 07:31

mbferno hai assolutamente ragione. parlo per esperienza.

Holmert

Gio, 01/08/2019 - 07:53

Io penso che queste cose succedono da quando è stata fatta la riforma delle USL in ASL,la A sta per azienda. E tra le bestialità dell'azienda il pagamento a prestazione ,a ricovero. E più ricoveri fai, più incassi.Va da sé che per fare più ricoveri devi dimettere.E così dimetti oggi e dimetti domani, ci scappa il caso serio, che nessuno ha capito. Poi mettici la riforma degli studi universitari, voluti dalle sinistre ed il pranzo è servito. Ormai la semeiotica medica non la studia più nessuno e se "le macchine" non rilevano nulla della sintomatologia, ci può scappare il morto. Ormai i casi sono tanti.E poi, togliete la sanità dalle mani dei politici,che inquinano tutto ciò che toccano.

routier

Gio, 01/08/2019 - 08:40

Sappiamo tutti che la medicina non è una scienza esatta tuttavia a volte si tende a tollerare anche l'inettitudine ed in questi casi bisogna punire severamente i colpevoli affinché gli altri non esagerino con il pressapochismo.