Il dolore per la morte del cane (per colpa altrui) dà diritto al risarcimento

Una sentenza di un magistrato vicentino riconosce il risarcimento a una coppia afflitta dal dolore per la sparizione dell'amatissimo cane

Il dolore provocato dalla morte o dalla sparizione di un animale domestico come un cane o un gatto può dare diritto a un risarcimento quando il danno avviene "per colpa altrui".

A stabilirlo la sentenza del giudice del tribunale di Vicenza Biancamaria Biondo, che ha condannato una clinica veterinaria e il medico responsabili della fuga di un cane a risarcire i proprietari. Il dolore di una coppia di Creazzo per la scomparsa del loro amato setter gordon Fiamma è stato giudicato risarcibile in 8mila euro.

L'animale, racconta il Giornale di Vicenza, era stato lasciato in osservazione per qualche giorno alla clinica veterinaria dopo un'operazione chirurgica delicata. Tuttavia la porta dell'ambulatorio è stata lasciata inavvertitamente aperta e così Fiamma è fuggita, per la disperazione dei proprietari.

Ora il magistrato ha stabilito che il dolore per quella perdita va risarcito, a differenza dei princìpi stabiliti nel 2008 della Cassazione: in quell'occasione la Suprema Corte aveva stabilito che gli animali da affezione fossero paragonabili a "res" a cose. Un'impostazione che oggi viene ribaltata.

Commenti

giovanni235

Ven, 10/11/2017 - 14:53

E per il mio amatissimo canarino,pure scomparso,niente???Ma dove andremo a finire con questi pazzi di giudici???

pc64

Ven, 10/11/2017 - 15:06

La morte di un cane vale 8000 Euro. Mesi di stalking, invece, sono stati giudicati da un tribunale risarcibili in 1500 Euro, con estinzione del reato. Ma chi sono costoro, i giudici di Pinocchio?

Ritratto di gzorzi

gzorzi

Ven, 10/11/2017 - 16:29

Chi perde un figlio o una persona cara?

Ritratto di Zvallid

Zvallid

Ven, 10/11/2017 - 16:52

Probabilmente il giudice è un padrone di cane. Si aiutano spesso tra di loro. Provate a chiamare un vigile quando il cane del vicino vi ha fatto saltare i nervi a forza di abbaiare ore al giorno. Vi arriverà un invasato che praticamente darà la colpa a voi

Ritratto di zanzaratigre

zanzaratigre

Ven, 10/11/2017 - 17:03

C'è proprio da fidarsi dei giudici, ce ne fosse uno che vada d'accordo con l'altro!

nova

Ven, 10/11/2017 - 17:11

E' un giudice donna e applica leggi non scritte. Ormai il 70 % dei giudici sono donne, promosse con 110 e lode - fra 20 anni denunceranno i loro prof maschi ......

Ritratto di Zizzigo

Zizzigo

Ven, 10/11/2017 - 17:20

Meraviglia che, al giorno d'oggi, esista chi provi intima invidia per una decisione raramente saggia. Meraviglia che ci si stupisca ancora della bizzarra volubilità della giustizia...

accanove

Ven, 10/11/2017 - 17:38

..farei una controcausa per risarcimento del rischio patito di farmi male per evitare il cane lasciato incustodito.

Ritratto di eaglerider

eaglerider

Ven, 10/11/2017 - 18:15

Poveracci ! I giudici perchè fanno queste sentenze e i padroni perchè non hanno altro al mondo che un povero cane da amare e per cui lottare!

Trinky

Ven, 10/11/2017 - 18:31

E quando un cane provoca qualche casino o azzanna le persone perchè i padroni non sono chiamati a risarcire?

venco

Ven, 10/11/2017 - 19:12

Giustizia infame.

cecco61

Ven, 10/11/2017 - 20:38

Il figlio del Signore ucciso a Milano dal Kabobo, quello col piccone, è stato liquidato con ben 7.000 euro. Ormai in Italia la vita di un essere umano vale meno di quella di un animale. Si aggiunga che il cane non è morto: appena ha potuto se l'è data a zampe levate per evitare di tornare dai padroni che gli erano toccato in sorte.

pilandi

Sab, 11/11/2017 - 01:12

@Zvallid se il cane si mettesse a cantare mi preoccuperei, ma finché abbaia...