Donna incinta sale sul bus e chiede un biglietto: l'autista la fa scendere

Sconcerto a La Spezia dove una donna al nono mese di gravidanza, non riuscendo ad acquistare un biglietto con il cellulare, è salita sull'autobus chiedendo all'autista di vendergli un biglietto, ma l'uomo l'ha obbligata a scendere

Incinta di nove mesi, è salita sull'autobus chiedendo all'autista di venderle un biglietto, avendo provato - senza riuscirci - ad acquistarlo con il cellulare. Ma l'uomo non ha voluto sentire ragioni, costringendola a scendere. È successo a La Spezia. Vittima una futura mamma di 45 anni, Francesca Pennucci. Come racconta Il Secolo XIX la donna, che di lavoro gestisce un centro per il rinnovo delle patenti di guida, si era recata in ospedale per gli ultimi controlli. Il ginecologo le aveva fissato il parto per la settimana successiva. Felice per la bella notizia, ha preso la strada di casa. Troppo lontana però per raggiungerla a piedi, senza contare la fatica legata al pancione: di qui la decisione di prendere l'autobus. Approfittando del servizio messo a disposizione da Atc, l'azienda dei trasporti pubblici locali, ha provato a comprare il biglietto con lo smartphone, ma qualcosa nella procedura è andato storto. Tanto che ha pensato di acquistarlo direttamente a bordo, come funziona in molte città. Salita sul mezzo, la signora Pennucci si è rivolta con garbo all'autista dell'autobus chiedendo di poter avere un tagliando. Ma l'uomo, senza alcuna ragione, l'ha allontanata e costretta a scendere dal mezzo alla fermata successiva.

Una vicenda che ha fatto subito il giro della città. Di fronte alle proteste dell'utenza l'Atp, informata dal sindaco spezzino Pierluigi Peracchini, ha avviato un indagine nei confronti dell'autista, che potrebbe subire un procedimento disciplinare. A raccontare la brutta esperienza è stata la stessa futura mamma, che al Secolo dice: "Mi ha fatto piacere sentire la vicinanza di tanti cittadini. Ho voluto rendere pubblico l'episodio perché cose del genere non devono accadere. Forse non è neppure colpa dell'autista". Francesco Masinelli, ad di Atp, si è scusato così: "Mi dispiace moltissimo". Non è la prima volta che succede un fatto del genere. Ad agosto, una 28enne con le doglie era stata multata e fatta scendere dall'autobus, dopo che il controllore l'aveva pizzicata senza biglietto. La ragazza, in preda al dolore, era salita sul mezzo per arrivare il prima possibile all'ospedale "Cardarelli".

Commenti

Cyroxy80

Ven, 18/10/2019 - 14:01

"Ma l'uomo, senza alcuna ragione, l'ha allontanata e costretta a scendere dal mezzo alla fermata successiva." Perché senza ragione?? Non ha il biglietto e deve scendere. Ci si deve premunire di biglietto prima di salire. Ma questa non dovrebbe essere una notizia.. la cosa sconvolgente è quando arrivano quelli che non pagano e che picchiano il conducente che dice loro di scendere..

Malacappa

Ven, 18/10/2019 - 14:05

Tho' un autista eroe perche' non fa lo stesso con i baluba che non pagano

Ritratto di UnoNessunoCentomila

UnoNessunoCentomila

Ven, 18/10/2019 - 14:09

È stata fatta scendere perché italiana e di razza bianca caucasica. Se fosse stata cromaticamente pigmentata, il vigliacco l'avrebbe fatta salire, porgendole le scuse dell'intera cittadinanza.

ex d.c.

Ven, 18/10/2019 - 14:09

Strani, sono quasi tutti senza biglietto. Se non cercava di pagare nessuno le avrebbe chiesto niente

routier

Ven, 18/10/2019 - 15:03

Visto che la Signora ha chiesto un biglietto offrendosi di pagarlo, il dolo è solo dell'autista.

ilrompiballe

Ven, 18/10/2019 - 15:40

Non mi piace dirlo, ma se devo prendere un autobus prima mi procuro il biglietto. La "legalità" di cui ci si riempie sempre le bocca, passa anche dai piccoli gesti. Detto questo, pare che da un po' di tempo gli autisti se la prendano con le donne incinte, e le donne incinte prendano l'autobus senza biglietto : curioso.

Tip74Tap

Ven, 18/10/2019 - 15:52

Primo effetto dei pagamenti tanto pubblicizzati..... W IL CONTANTE!

DUOMODIMILANO

Ven, 18/10/2019 - 16:18

Cyroxy80 tu si che sei un genio...la ragione poteva essere che la signora era incinta al 9 mese ???????????? Usalo il cervello ma non come ferma carte !!!!

Ritratto di bimbo

bimbo

Ven, 18/10/2019 - 16:35

Poveracci tutti e due, tra equivoci e con i ladri e i morti di fame che abbiamo, oramai non ci crede più nessuno..

cgf

Ven, 18/10/2019 - 17:08

@Cyroxy80 guardi che quella che lei considera la notiziona, oramai è la consuetudine. cmq c'è solo da sperare che l'autista abbia con se sempre la patente.

petrustorino

Ven, 18/10/2019 - 18:18

non leggo l'articolo, ma scommetto che se si fosse trattata di una extracomunitaria, o meglio non italiana, l'avrebbe fatta salire senza farle pagare il biglietto

fisis

Ven, 18/10/2019 - 19:02

Ma saranno vere queste incredibili notizie? Ma l'autista era una persona umana o un robot? E sul bus, possibile che non c'era nessun passeggero pronto a regalare un biglietto alla signora incinta?

timoty martin

Ven, 18/10/2019 - 19:10

Vergogna. Mentre immigrati violenti e delinquenti viaggiano senza biglietto

Ernestinho

Ven, 18/10/2019 - 19:12

Era un caso eccezionale. L'autista poteva aiutarla! La poveretta voleva pagare!

cecco61

Ven, 18/10/2019 - 19:28

In quasi tutta Italia, a differenza di quanto avviene all'estero, sul bus non si può fare il biglietto e l'autista è tenuto a far scendere chi ne è sprovvisto, che sia incinta o diversamente abile. Punto. In quel di Bergamo dopo anni hanno messo una macchinetta sui bus ma si può acquistare il biglietto solo con monete (e non dà il resto) o carta di credito. Dulcis in fondo il biglietto, fatto a bordo, costa 20 o 30 cent. in più. Un grazie al nostro Sindaco Giorgio Gori tenuto conto che, dopo una cert'ora, in tutta la città ci sono due o tre emettitrici automatiche di biglietti e basta.

ilrompiballe

Ven, 18/10/2019 - 19:42

routier: mai preso un autobus ? Da tempo gli autisti non vendono biglietti. Comunque è un fatto che a furia di automatismi resteremo a piedi.

cgf

Ven, 18/10/2019 - 19:47

Qualche settimana fa a Napoli, una donna PARTORIENTE è stata rifiutata dall'autista, lei, essendo anche sola, aveva preso il bus per risparmiare, ma nella fretta non aveva preso alcuna moneta. Raggiunto appena in tempo l'ospedale A PIEDI ed ha partorito. Lo "zio autista" un giorno...