Ecco qual è la pizza più buona del mondo

Sul podio, tra i migliori, sale il barlettano Giovanni Cristallo

La “pizza autunno” al gusto di castagna ideata da Giovanni Cristallo, pugliese di Barletta, sale sul podio più alto del campionato mondiale della pizza.

“Il segreto? - ha dichiarato a ilgiornale.it – sta nella farina”. Il pizzaiolo pugliese, per i suoi impasti, non usa la farina zero o doppio zero, ma altri tipi tra i quali quella integrale “senatore Cappelli” (un antico tipo di farina tornata ad essere coltivata perché ha la giusta componente di micotossine e altre sostanze di qualità). A portare Cristallo sul podio la farina di tipo 2 “con l'aggiunta di aloe vera nell'impasto”. Tra i condimenti, oltre alle castagne che hanno dato il nome, anche mozzarella fior di latte, bacon, funghi cardoncelli e grana a scaglie. Una delizia per il palato, insomma.

“La gara si è svolta ad Alatri (in provincia di Frosinone), organizzata dall'associazione “pizzaioli nel mondo”. Eravamo circa 150 concorrenti provenienti da tutto il mondo, persino Giappone, Brasile o Egitto”.

Giovanni, classe 1971, non è la prima volta che partecipa a una gara mondiale e non è la prima volta che sale sul podio. “Anche nel 2012 ero tra i migliori del mondo” ha dichiarato. Lui, che fa questo lavoro da sempre come dipendente e che finalmente nel 2002 ha aperto una pizzeria tutta sua nel suo paese ha coronato un sogno.

Cristallo è anche istruttore ed insegna ai più piccoli questo mestiere antico e tutto made in Italy. “Non ho parole, è stata ancora una volta, una grande emozione, ora si torna alla vita di sempre” ha, infine concluso, il pizzaiolo che già si prepara alla prossima gara di pizza dessert.

Commenti
Ritratto di llull

llull

Mar, 13/12/2016 - 15:20

Vorrei tanto che nella valutazione della bontà di una pizza venisse esaminato anche il grado di bruciatura. Molto, troppo spesso in pizzeria ti servono delle pizze con il fondo carbonizzato e pieno di cenere. Al di là della pericolosità di ciò (le parti carbonizzate contengono benzopirene, accertata sostanza cancerogena) ne va del gusto. Il fondo bruciato conferisce alla pizza un cattivo sapore. E poi la cenere!!!! Una volta a dei pizzaioli professionisti nella trasmissione REPORT chiesero con che frequenza pulissero il fondo del forno: tutti cadevano dalle nuvole nel senso che praticamente nessuno lo faceva. Chi mangerebbe del cibo cotto in una pentola sporca? Con le pizze lo facciamo quasi sempre.

giovauriem

Mar, 13/12/2016 - 17:38

cari gourmettari , tutti sono padroni di preparare un contenitore con acqua e farina , metterci sopra quello che vogliono , cioccolato , caviale ,cavoli , capra , trote , balena, sushi , ecc. ecc. ma non siete autorizzati a chiamarla pizza , la pizza è un'altra cosa e la si puo fare olio e pomodoro (che è stata la prima pizza rossa della storia per che nel seicento la pizza era condita in bianco con olio e formaggi) poi la si puo fare alla margherita , alla marinara con le alici , ripiena al forno e ripiena fritta (ciaciona) poi ci sono le "pizzelle" fatte in casa (in campania)e di solito sono fritte e le si farcisce con ricotta , ciccioli , salume , verdure ,olive bianche e nere , capperi .

manfredog

Mar, 13/12/2016 - 18:52

..'il segreto sta nella farina'.. Si, certo, e poi in tutto il resto..!! mg.

cicocichetti

Mar, 13/12/2016 - 18:55

io sono napoletano ma vivo a trani ! ho vissuto a barletta fino a qualche mese fa ! non ho assaggiato la pizza di questo signore, ma dubito che sia la più buona !

gneo58

Mer, 14/12/2016 - 08:42

chi lo ha deciso ? secondo me cosi' come la bellezza sta negli occhi di chi guarda pure il gusto sta nella bocca di chi assaggia - cio' che e' buono per me puo' non esserlo per te - quindi tutti questi confronti per accertare "il migliore" sono perfettamente inutili. Ah dimenticavo, la pizza piu' buona e' quella che si fa a casa mia.