Ecco le carte segrete su Montecarlo

Le indagini della Guardia di Finanza sui movimenti montari di Giancarlo Tulliani: "È latitante a Dubai con i soldi di Corallo"

Si avvicina il processo per Gianfranco Fini. O almeno il rischio c'è. Nei giorni scorsi infatti è stata chiusa l'inchiesta (notificata dalla Procura di Roma) sulla presunta attività di riciclaggio. A finire sulla graticola sono il Re delle slot machine Francesco Corallo, l'ex leader di An Gianfranco Fini, la compagna Elisabetta Tulliani, il fratello di quest'ultima, Giancarlo e il padre Sergio.

Dalle carte del processo emergono alcune importanti novità sull'affaire Tulliani. Non è tanto (o non solo) la Casa di Montecarlo a interessare la procura, ma anche la latitanza dorata di Giancarlo Tulliani a Dubai. Secondo quanto emerge dalle indagini della Guardia di Finanza, e riportate dal Tempo, la permanenza del "cognato" Fini negli Emirati Arabi sarebbe "spesata dal 're delle slot' Francesco Corallo e dai soldi ricavati con la vendita della casa di Montecarlo".

I soldi della latitanza

Tulliani infatti avrebbe spostato oltre 600mila euro nella Emirates Nbd Bank di Dubai prima di "scoprire" di essere indagato. Secondo quanto scrive il Tempo, "sono soldi sfuggiti alle ordinanze di sequestro del Tribunale di Roma, perché Tulliani li aveva movimentati lì 4 mesi prima dell'arresto dell'imprenditore del gioco d'azzardo".

Lo stesso avrebbe cercato di fare, con altri 500mila euro, due giorni dopo che il gip Simonetta D'Alessandro aveva dato il via libera alla custodia cautelare con l'accusa di associazione a delinquere finalizzata al peculato e al riciclaggio per Corallo, Rudolf Baetsen e "dei tre procuratori per l'Italia dell'Atlantis World Giocolegale Ltd (poi B Plus e ora Global Starnet), tra cui l'ex parlamentare del Pdl Amedeo Laboccetta".

Con questi soldi ora Giancarlo starebbe vivendo negli Emirati, sfuggendo alla giustizia italiana. Il danaro per Tulliani (volato a Dubai per evitare l'arresto emesso con l'ordinanza del 17 marzo) avrebbero una provenienza più o meno certa: le società offshore di Corallo. Il danaro, viaggiando tra l'Italia (Mps) e Dubai, sarebbero infine confluito in un conto francese alla Caisse d'Epargne di Beausoleil. Secondo quanto scrive il Tempo, si tratterebbe di una prima trance da 30mila euro e una seconda da 635mila euro.

A insospettire gli investigatori c'è anche la situazione patrimoniale di Giancarlo Tulliani.Fino al 2008, infatti, se si esclude la dichiarazione dei redditi del 2005, in pratica il cognato di Fini dichiarava redditi pari a zero. E il massimo annuale non avrebbe mai superato i 4.500 euro. "Dall'analisi degli estratti conto della famiglia Tulliani effettuati dai finanzieri dello Scico su disposizione del pm Barbara Sargenti -scrive il quotidiano romano - nel periodo compreso tra il 15 dicembre 2016 e il 10 maggio 2017, 'al fine di verificare se taluno della famiglia (compreso Gianfranco Fini) avessero inviato denaro a Giancarlo Tulliani', non sono emerse somme trasferite verso i conti corrente del cognato dell'ex presidente della Camera". Insomma: soldi dai parenti nell'ultimo anno non ne sono arrivati. E a Dubai un lavoro, secondo quanto emerso dalle indagini svolte dalla Finanza, non se lo sarebbe neppure trovato.

Il conto aperto con la raccomandazione

C'è un'altro mistero che aleggia attorno al cognato di Gianfranco Fini. Ed è quello che riguarda l'apertura di un conto corrente persso la Compagnie Monegasque de Banque. Il conto viene aperto a febbraio 2009 e chiuso nell'agosto 2013. Tulliani, di solito, lo rimpinguava con denaro contante o, secondo la Guardia di Finanza, con fondi dei genitori. Il fatto è che quel conto Giancarlo se lo è aperto grazie ad ottime raccomandazioni. Oltre a quella dell'ambasciatore italiano nel Principato di Monaco, M. Bianchi, anche grazie alla parentela che lo legava (e lo lega) all'ex Presidente della Camera, Gianfranco Fini.

L'istituo di credito avrebbe chiesto conto dei soldi provenienti dalle holding di Corallo (Jayden Holding Ltd e dalla International Financial Planning Service Ltd), ma Tulliani (e il suo conulente) avrebbe sempre risposto che si trattava di proventi realizzati grazie ad operazioni immobiliari.

La casa di Montecarlo

Quello che la Dda di Roma sta cercando di capire è come Tulliani abbia comprato la famosa casa di Montecarlo che fu di Alleanza Nazionale. A firmare l'atto di acquisto, come noto, fu la Timara Ltd, riconducibile a Giancarlo e alla sorella Elisabetta. Secondo quanto scrive il Tempo, dalle rogatorie internazionali sarebbe "emerso che, ciò che Amedeo Laboccetta ha raccontato agli inquirenti su Fini e la famiglia Tulliani, è vero". Cosa significa? Ad essere confermato sarebbe l'incontro, riferito dall'ex parlamentare, avvenuto nel ristorante da "Fortunato al Pantheon": "Tulliani - disse di fronte agli inquirenti Laboccetta - anche a nome di sua sorella Elisabetta e di Gianfranco Fini, informò Corallo e me che doveva aiutarli a comprare una casa Montecarlo". Confermato, poi,sarebbe anche il soggiorno a Montecarlo all'Hotel Hermitage (a spese di Corallo). L'hotel avrebbe cobnfermato infatti la registrazione dei tre ospiti tra il 7 e l'8 maggio del 2008. E per raggiungere il Principato, i tre avrebbero usat un Jet privato,come confermato dal ritrovamento nella residenza La Monica dei documenti di noleggio di un aereo privato dalla Atlantis World Giocolegale. Andata e ritorno Roma-Nizza il 7 e l'8 maggio 2008.

Commenti
Ritratto di Leonida55

Leonida55

Ven, 20/10/2017 - 09:59

Si sa già come va a finire, come le volte precedenti.

Ritratto di Nordici o Sudici

Nordici o Sudici

Ven, 20/10/2017 - 10:09

KKKomunisti di destra, i peggiori.

pupism

Ven, 20/10/2017 - 10:11

Questo piccolo uomo (F.)ha mandato all'aria un governo e tradito la fiducia di milioni di elettori. me lo ricordo bene in televisione, ha sempre negato tutto e ora è giusto che paghi...per tutti i disastri che ha combinato vs. il paese.

alfa2000

Ven, 20/10/2017 - 10:38

insomma di arrestarlo non se ne parla eh? ma se fosse stato mister B. invece?

luigirossi

Ven, 20/10/2017 - 10:41

A quando un'inchiesta sulla misteriosa nascita tra il Giugno ed il Dicembre 2010 del partito di Fini con ben 33 deputati?Chi organizzo' questa conversione di massa,chi li contatto',con quali soldi?Salut les copains.

Ritratto di Lissa

Lissa

Ven, 20/10/2017 - 11:07

Come si rovina un "uomo" per una gnocca.

Ritratto di Marcello.508

Marcello.508

Ven, 20/10/2017 - 11:22

Lissa - Già ...

Libertà75

Ven, 20/10/2017 - 11:33

Fini è stato considerato uno statista dalla sinistra, ma statista per gli affarucci o perché destabilizzava Berlusconi? Non lo so, ma tra compagni vige il detto cane non mangia cane.

Ritratto di elkid

elkid

Ven, 20/10/2017 - 11:33

---tutta sta tirata di articolo per dire in buona sostanza che a carico di fini non vi è praticamente nulla di penalmente rilevante---veniamo a sta benedetta casa di montecarlo--è stata lasciata in eredità al partito da una apoplettica signora destricola--il partito come associazione privata poteva rivenderlo a chiunque-l'irregolarità ci sarebbe stata qualora l'appartamento fosse stato svenduto a prezzo di regalo e dalle carte così non è---poichè nei bilanci di an l'appartamento fu registrato con un valore di 273 mila euro---fini lo ha venduto a 300 mila quindi ha fatto un affare ed ha ottenuto un utile per il partito---tutto il riciclaggio successivo gira sui cc dei tulliani--la firma di fini non compare mai-

Angel59

Ven, 20/10/2017 - 11:40

Brutta storia e soprattutto brutta gente!

pupism

Ven, 20/10/2017 - 12:26

elkid per un uomo politico vendere un appartamento ai propri familiari donato al partito è una cosa miserevole soprattutto negando in televisione il tutto...

Happy1937

Ven, 20/10/2017 - 13:40

Il lardo verra’ consumato alla svelta e, ora che non servite piu’ a niente, finiranno anche i regali di Corallo.

Ritratto di manasse

manasse

Ven, 20/10/2017 - 13:48

è la solita solfa quando la cosa da qualunque parte arrivi fa comodo ai rossi trova una giustificazione ma la stessa se capita ai NEMICI allora l'opinione cambia VERO EL KID?

peter46

Ven, 20/10/2017 - 14:26

Lissa...Marcello.508,già-già...almeno ci fosse stato lo 'stile' della Tulliani che malgrado 'gaucci' gli è rimasto sempre cucito piacevolmente,almeno alla vista,addosso,ma...rovinarsi per una che malgrado 'nipote di',era solita salire e scendere da macchine di passaggio,prima di 'arricchirsi' a seguito di una certa frequentazione,proprio no...o sì?Gelosi forse della gnocca degli altri?

peter46

Ven, 20/10/2017 - 14:48

elkid...(1)Ci sono ancora tre problemi grossi come una...casa,di cui uno molto più grosso come una...villa.1°)non poteva di certo venderlo lui direttamente non essendo 'abilitato' ad esercitare mestiere di 'agente immobiliare' ma al massimo 'acconsentire',ma non da solo,alla vendita:come avvenuta,anche se non possono essere chieste,purtroppo,'delucidazioni' a colui chi materialmente firmò ,ma sempre ritenuto 'persona stimabile'da tutti in quel partito, dalla 1°fila alle mezze s.... della 2° e da semplici militanti. 2)Nessuno si preoccupa più di una villa(200 stanze),c/ pinacoteca, bibblioteca,bosco con 'funghi',maneggio ecc valutata circa 1,7 mdi di LIRE,comprata con 600m.oni di LIRE ma a 'babbo morto',essendo le lire risultati 'carta straccia'...e finalmente pagata 250m.oni di LIRE...ma subito dopo offerta a garanzia di un prestito per 7milirdi di LIRE(e c'è chi giura per 17miliardi)...e c'è chi ancora vede lo stuzzicadenti più che la trave.(1)...forse,però

un_infiltrato

Ven, 20/10/2017 - 15:25

@LISSA (Ven, 20/10/2017 - 11:07) - Beh.. lui come uomo era già rovinato, lei una ex gnocca, pluriusata.

Ritratto di aresfin

aresfin

Ven, 20/10/2017 - 15:35

@elkid: Ecco qua, un pidiota che difende a spada tratta un ex Alleanza Nazionale. Il cartaimpecorito ex presidente ha seminato bene. Il massimo del minimo.

Ritratto di ottimoabbondante

ottimoabbondante

Ven, 20/10/2017 - 16:34

@elkid. Dunque se la tua famiglia e proprietaria di un immobile e uno dei componenti lo vende ad insaputa e senza il consenso degli altri cosa é? Da quel che mi ricordo delle lezioni di diritto penale é una truffa aggravata. A meno che non abbiano cambiato la notte scorsa le leggi?

luigirossi

Ven, 20/10/2017 - 16:53

@ELKID.Elkid,che tempo fa a Parigi?

tuttoilmondo

Ven, 20/10/2017 - 18:03

elkid ragazzaccio ipocrita. Non credo che sei stupido, elkid. Non lo sei. Ma scrivi cose a cui non credi perciò sei ipocrita. "Non ci sono prove!" E ti credo. Le prove sono... come dite voi... "Ad personam". Che Berlusconi non poteva non sapere è scontato. Che Fini poteva non sapere è scontato. Qualcuno una volta disse: "Non c'ero, e se c'ero dormivo". Fini lo ha detto ai giudici ed è stato creduto. Forse. Non scrivere cassate, elkid, non fare brutte figure. Fini il traditore, il giuda, l'utile idiota, colui che ha buttato via una ricchezza di consenso, di storia, che poteva oggi essere con AN il padrone d'Italia E' INDIFENDIBILE. Questo è scontato. La domanda alla quale non so rispondere è questa: Fini è più stupido o più ignobile?

Ritratto di bobirons

bobirons

Ven, 20/10/2017 - 18:27

Più che un Corallo, l'innominabile e la sua gang hanno trovato un forziere di dobloni oro.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Ven, 20/10/2017 - 18:52

Vedere Elkid che difende a spada tratta, pur sapendo che ha torto marcio, l'esponente più a desra che l'italia ha avuto negli ultimi decenni, fa proprio ridere. Ma i comunsiti sono fatti così, tante urla, niente cervello.

peter46

Ven, 20/10/2017 - 20:25

elkid...c'era il (2) e c'era il (3) tutti a coronamento dell'(1):da qui son partiti,arrivati a chi 'decide' anche,come conferma il 'navigatore',ma...era già stato troppo,certo,certo.Ma domani è un altro giorno.

Ritratto di elkid

elkid

Sab, 21/10/2017 - 11:20

2)-la verità è che i giudici sull'affare corallo procedono col freno a mano tirato ed hanno trovato un perfetto capro espiatorio--fini è il parafulmine ad hoc ma da non maltrattare troppo---se fossero zelanti invece -questi giudici sarebbero arrivati sicuramente al governo berlusconi dell'epoca con tremonti super ministro dell'economia---e della infame legge fatta a favore del mafioso corallo che ha avuto il lasciapassare per inondare l'italia di macchinette mangiasoldi e di pagare la licenza con comode rate mensili addirittura posticipate-facendo perdere all'italia una montagna pazzesca di soldi di tasse--do you know?

peter46

Sab, 21/10/2017 - 13:13

elkid...e c'era anche l'(1) e il (2) x un_infiltrato e stamane anche l'(1) x 'tuttoilmondo' + per tutte le galassie,anche x quelle non ancora 'percorribili'.NB:Chissà cosa c'era di tanto 'compromettente' da non poter leggere nel tuo(1)...anche a micro puntate sarebbe interessante,son sicuro,ri-leggerlo.

Ritratto di manasse

manasse

Sab, 21/10/2017 - 13:28

elkid sei veramente furbo come la faccina che ti rappresenta

peter46

Sab, 21/10/2017 - 16:47

elkid...('conservandoci' nel seminato,eh!)però...non sarebbe forse il caso dopo il tuo 2) di dare il doveroso merito a Colei che, d'accordo ha ANCHE costruito la sua camp elet nel 2013,si è adoperata,come partito[(come al solito FI totalmente assente,forse proprio a causa dell'esserne stata correa(laboccetta ha aiutato i corallo in quota pdl-fi,è entrato in carcere in quota pdl-fi,è uscito dal carcere per rientrare,meno di un mese fa,in parlamento in quota,stavolta,solo FI)]a non far 'scordare' il problema 'multe miliardarie alle concessionarie delle slot',richieste da equitalia (NB:non è che 'lui' ogni due giorni dichiara chiuderemo equitalia x vendetta verso il comportamento della stessa sugli amici di casa ,nei Caraibi,Corallo?Perchè Fini è stato 'ospite',ma la villa laggiù ce l'ha Berlù,anche se regalata alla figlia,non Fini) laddove la quota maggiore del rimborso doveva avvenire proprio dai corallo... Giorgia,insomma, Giorgia Meloni,dai!