Ecco i mestieri da psicopatici: avvocati, chirurghi e giornalisti

Stilata la top ten dei mestieri che attirano persone con disturbi della personalità. Al top delle professioni da psicopatici ci sono gli amministratori delegati. Seguono avvocati e impiegati nei mezzi di comunicazione

Amministratori delegati, avvocati e chi lavora nei media (tv e radio). Ai primi tre posti della classifica delle professioni a più alto rischio psicotico. Seguono i venditori, i chirurghi, i giornalisti, i religiosi, gli chef, i poliziotti e gli impiegati pubblici. A stilare la classifica è lo psicologo Kevin Dutton, dell’Università di Oxford, che ha sviluppato la lista nel suo libro The wisdow of psychopaths: what saints, spies, and serial killers can teach us about success.

Kevin Dutton ha stilato la top ten dei mestieri che attirano persone con disturbi della personalità mettendo al top delle "professioni da psicopatici" gli amministratori delegati. Seguono gli avvocati e gli impiegati nei mezzi di comunicazione radiofoinica e televisiva. I giornalisti sono al sesto posto, preceduti dai chirurghi e questi ultimi dai venditori. Al settimo posto troviamo le forze dell’ordine, poi gli ecclesiastici, a seguire chef ed impiegati statali. Tra i mestieri associati con tratti meno vicini a quelli di uno psicopatico ci sono invece quelli legati all’assistenza agli altri, per esempio insegnanti, infermieri, terapisti. L’esperto ha stilato la classifica dei "mestieri psicopatici" facendo un’indagine online cui hanno risposto circa 5500 persone che hanno compilato un questionario per verificare alcuni tratti della loro personalità e detto quale lavoro facessero.

L’esperto ha incrociato i dati e ha notato che i tratti della personalità che di solito sono legati a una diagnosi di psicopatia (ad esempio l’essere senza pietà e senza paura) si ritrovano più spesso nelle persone che fanno certi mestieri. Il che non significa che dobbiamo aver paura del nostro vicino di casa se fa il chirurgo, ma più semplicemente che alcuni dei tratti caratteriali che spingono verso certe professioni e verso il successo in dette professioni sono anche caratteristiche che, crescendo in ambienti sbagliati o esposti a traumi e brutte esperienze, possono favorire l’insorgere di un disturbo di personalità.

Commenti
Ritratto di Ennaz

Ennaz

Gio, 10/01/2013 - 13:39

...veramente...al primo posto metterei ..i magistrati!!

settespade

Gio, 10/01/2013 - 14:42

i magistrati al primo posto li ha già messi qualcuno, ma sappiamo che è uno che non ha molta dimestichezza con la verità. L'attendibilità scientifica di questa indagine è tutta da dimostrare ma, se penso a qualche amministratore delegato o manager con cui ho avuto a che fare, beh, è possibile che non sia così campata in aria. In più, come insegnante non mi sorprende vedere che la mia categoria è considerata a basso contenuto di "psicopaticità", e voglio ben vedere,avere a che fare tutti i giorni con 25 o 30 maleducati (alla volta) con l'ormone a mille non è cosa da tutti.

Ritratto di fornacchia

fornacchia

Gio, 10/01/2013 - 15:24

io aggiungerei anche gli insegnanti, ne ho visti di matti .....

chiara 22

Gio, 10/01/2013 - 17:52

Sicuramente i CEO ma aggiungerei insegnanti e magistrati

killkoms

Gio, 10/01/2013 - 18:59

i togati li hanno messi poichè in primis sono avvocati!

canova.emilio

Gio, 10/01/2013 - 19:24

Non sottovalutiamo gli arbitri di calcio.

Ritratto di Dario Maggiulli

Dario Maggiulli

Gio, 10/01/2013 - 19:55

Sicuramente, i magistrati al primo posto, particolarmente quelli che hanno azzannato Berlusconi. Ma, Signori, non dimentichiamoci i Giornalisti, quelli del Giornale, affetti da pericolosissima fobia neuronale verso i commenti che li mettono KO.

Il giusto

Gio, 10/01/2013 - 20:03

Direi gli imprenditori...quelli con le mani sui media...

analistadistrada1950

Gio, 10/01/2013 - 20:31

Sarebbe necessario leggere tutto lo studio per capire ma, alume di naso, par di capire che il livello di stress per il mutare delle determinazioni e responsabilità da assumersi, sarebbe l'elemento scatenante lo stato psicotico. Ovviamente, in questa fattispecie, non può essere considerata la cetegoria dei politicanti siccome sanno ampiamente come glissare le rsponsabilità o le decisioni da assumere e, quando trovano il coraggio di farlo, se va bene, è merito loro, se va male, è colpa d'altri. D'altro canto, anche per la salute vediamo esempi di politicanti che non si comprende se siano ologrammi, entità astratte, androidi oppure esseri umani. Costoro, di norma, finiscono sullo scranno più alto o, per mal che vada, per la "saggezza" acquisita, diventano senatori in eterno. Difficilmente, comunque, vederemo mai uno psciotico od un politico malaticcio.

Ritratto di alasnairgi

alasnairgi

Ven, 11/01/2013 - 00:24

Buono a sapersi! Vedrò in futuro di fare in modo da evitare le categorie citate ai primi posti! Sarà dura però!!!!!!!

fishnchips

Ven, 11/01/2013 - 00:53

Scusate, ma 'psicotico' e 'psicopatico' non sono la stessa cosa. La personalita' dello psicopatico /della psicopatica ha tratti peculiari. Ho subito anch'io insegnanti che ... lasciamola li', ma li definirei piu' 'despoti' che 'psicopatici'. Stessa cosa per quanto riguarda i santi (nel titolo del libro). A leggerne le vite, penso che la maggior parte siano piu' individui fissati su certe idee e determinati a non sentire ragione, che 'psicopatici', particolarmente i martiri (imolano la loro vita, non quella degli altri). Piu' "sindrome di Asperger" ("one-track mind") che psicopatia.

Ritratto di mariosirio

mariosirio

Ven, 11/01/2013 - 13:00

io e imiei amici siamo tutti tra i primi sei posti ma peggio di noi i nostri insegnanti, quelli sì erano esauriti.

Ritratto di stenos

stenos

Ven, 11/01/2013 - 13:16

Per l'italia non è corretta l'analisi, al primo posto i magistrati.

cotoletta

Ven, 11/01/2013 - 21:56

settespade lei parla di qualcuno che ha poca dimestichezza con la verità. io, avendo una figlia in età scolare, posso parlare della poca domestichezza con il lavoro degli insegnanti che ho frequentato in questi anni di studio di mia figlia. prego pubblicare, grazie.