Esodati "discriminati" pronti a denunciare il Ministero del Lavoro

I disoccupati esclusi dalla settima salvaguardia della Legge di Stabilità lanciano un ultimatum a Renzi e Poletti per tutelare il diritto alla pensione, minacciando di adire le vie legali

Sono trascorsi quasi sette anni dal terremoto dell’Aquila e Bruno è rimasto sepolto vivo dalle macerie di un passato che gli ha portato via il lavoro e di un presente che gli negherà la pensione.

La sua azienda viene chiusa nel 2009 in seguito al disastro sismico. Bruno, senza stipendio, va in mobilità fino al 2013. Poi 24 mesi di contributi (volontari), maturandone 40 nell'ottobre 2015. Ma i terremoti non finiscono qui: quello del dicembre scorso, forse, è ancora più beffardo per le sorti di Bruno che, escluso dalla settima salvaguardia contenuta nell'ultima Legge di Stabilità, sarebbe costretto ad aspettare sette anni, senza un euro in tasca, per andare in pensione. A meno che il Parlamento, visto che ormai la finanziaria 2016 è andata, non intervenga sulla Legge Milleproroghe con un emendamento che ripropone l'estensione da 12 a 36 mesi in grado di tutelare anche coloro che, come Bruno, sono parcheggiati fuori dal mondo del lavoro dal 2011. "Qui si tratta di giustizia e sopravvivenza: può essere giustificata una lotta al massacro tra disperati?", si domanda Bruno che ha contattato la redazione de il Giornale.it per dar voce al disagio suo e di altre 23.500 posizioni certificate dall'Inps, ma rimaste a piedi per colpa di una manovra discriminatoria scritta a quattro mani dal premier Renzi e il ministro del Lavoro Poletti.

La Rete dei Comitati Esodati (retecomitatiesodati@tiscali.it) lancia un appello in difesa delle vittime della famigerata Riforma Fornero: "Informiamo tutti i disoccupati, in quanto licenziati entro il 31 dicembre 2011 con o senza accordo di esodo o mobilità, che la Rete dei Comitati di Esodati si è resa promotrice di numerose iniziative a sostegno e supporto dei disoccupati dal 2011 con attività di informazione e consulenza sulla loro situazione. I Comitati in Rete, oltre a svolgere un'intensa attività di informazione e aggiornamento delle norme e dei provvedimenti, utili al raggiungimento del diritto alla pensione negato, si sono resi promotori di una denuncia per danni al Ministero del Lavoro e sta allestendo un programma di ricorsi individuali al giudice del lavoro di tutte le province italiane. Ricorsi tendenti al riconoscimento del diritto alla pensione dei cosiddetti esodati rimasti esclusi dalla salvaguardia dalle norme della riforma. La Rete dei Comitati si sta inoltre battendo per un ottavo provvedimento di salvaguardia degli esodati finora esclusi con precise iniziative di lotta e pressione sul Governo e Parlamento". Renzi e Poletti sono avvertiti.

Annunci
Commenti
Ritratto di abraxasso

abraxasso

Lun, 25/01/2016 - 23:00

Credo che al signor Bruno Renzi e Poletti gliela stiano cantando così: "Una mattina/ ci siam svegliati/ o bello ciao, bello ciao, bello ciao, ciao, ciao./ Una mattina/ ci siam svegliati;/ t'abbiam spanato il posterior..."

leo_polemico

Lun, 25/01/2016 - 23:29

Chissà come mai, le norme per tutelare se stessi i nostri "ottimi" politici, riescono SEMPRE ad emetterle a tempo o ad ottenerne, a loro favore, l'incostituzionalità. Come al solito a pensar male si fa peccato ma si indovina sempre...

Duka

Mar, 26/01/2016 - 06:32

Mandate fuori dalle balle questi pasticcioni collusi con la peggior feccia del paese. Il sig. Poletti deve ancora spiegare agli italiani che cosa ci faceva al tavolo del Carminati e Co. ( non lo spiegherà mai)

Ritratto di Azo

Azo

Mar, 26/01/2016 - 07:25

Le alte cariche di questo governo ANONIMO, """DOVREBBERO ESSERE TUTTE IMPRIGIONATE E CON LORO TUTTI I RAPRESENTANTI DELLA GIUSTIZZIA, (LE TOGHE ROSSE), CHE NON FANNO ALTRO CHE SABOTARE LA CITTADINANZA ITALIANA CHE NON HA I LORO IDEALI POLITICI"""!!!Pure i PROMOTORI DEL GOLPE, si devono punire, cominciando da Napolitano, Monti, la Fornero, Letta e l`IDIOTA ORA CHE TIRA IL CARRO, Renzi, Proporrei di mandarli tutti in esilio in qualche isola deserta nel pacifico dimenticata dagli agi e dalla civilta e lasciarli al loro destino. QUESTA GENTE, SI MERITEREBBE TUTTO, DI MOLTO PEGGIO!!!

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Mar, 26/01/2016 - 09:01

se renzi non avesse avuto la geniale idea di comprare un aereo presidenziale, per fare la bella figura con Obama, avrebbe potuto aiutare questi poveracci rimasti fregati dalla legge fornero! questo ovviamente i cre.tini di sinistra non capiscono, né tantomeno si rendono conto: basta leggere i commenti di XGERICO, TOTONNO58, ANDREA SEGAIOLO, PONTALTI, LUIGITIPISCIO, NERIANERI, ecc per comprendere la loro limitatezza intellettiva... :-)

Ritratto di ohm

ohm

Mar, 26/01/2016 - 12:05

Bisogna chiedere i danni anche a quell'incapace di nome fornero che per di più ha ancor la faccia da culo di presentarsi in alcuni trasmissioni per continuare a fare danni nel difendere quella cagata che ha partorito!

Rossana Rossi

Mar, 26/01/2016 - 12:15

Ma come, non vedete come il pifferaio abusivo è impegnato a curarsi dei GHEI? Ha talmente da fare che gli esodati possono aspettare, che fretta c'è? In fondo hanno solo lavorato una vita, pagato una marea di contributi e preso un sonoro calcio in culo dallo stato. Che sarà mai?.........