Un ex 007: "Stavamo per prendere Casimirri, bruciò tutto l'Unità"

Parla Carlo Parolisi, ex agente del Sisde: "Eravamo a un passo dal far rientrare Casimirri in Italia, poi quel maledetto scoop dell'Unità fece saltare tutto"

L'elenco dei terroristi italiani ancora ricercati è lungo. Uno di questi, Alessio Casimirri, fu quasi catturato. Ne parla all'Adnkronos Carlo Parolisi, agente del Sisde ormai in pensione. "Eravamo a un passo dal farlo rientrare in Italia, poi quel maledetto scoop dell'Unità fece saltare tutto". Siamo nel 1993, con altri due agenti Parolisi stava per centrare un grande risultato, riportare a casa l'ex Br che aveva fatto parte del commando che uccise Aldo Moro e la sua scorta. Condannato a sei ergastoli, Casimirri non ha mai passato un giorno in cella e oramai da 37 anni vive in Nicaragua, dove ha moglie e figli e lavora come ristoratore.

Parolisi è convinto che dietro il fallimento di quella operazione ci sia stata la rete di protezione che aveva consentito a Casimirri e a tanti altri brigatisti di sottrarsi all'arresto e fuggire all'estero: una rete che negli anni '80 era una vera e propria organizzazione strutturata e che negli anni '90, pur in crisi, ancora difendeva se stessa: "Con le sue dichiarazioni Casimirri poteva inguaiare qualcuno, questa è l'idea che mi ero fatto all'epoca e che mi è rimasta oggi", spiega Parolisi. "Come uscì quella notizia ce lo chiediamo ancora. Di quella operazione eravamo al corrente solo in pochissime persone. Tra l'altro, ed è singolare, l'articolo parlava proprio di tre 007 coinvolti, ma che fossimo in tre non lo sapeva nessuno, risultavamo sempre in due per tutelare l'agente sotto copertura...".

"Casimirri si dimostrò affidabile - racconta Parolisi all'Adnkronos- ci diede uno spaccato sul sequestro Moro importante, ci fece individuare una decima componente del commando, quando fino ad allora si era detto che ad agire fossero stati solo in nove: la decima era invece proprio la moglie, Rita Algranati, che, svelò l'ex Br, il giorno dell'agguato era appostata con in mano un mazzo di fiori all'angolo fra via Trionfale e via Fani, per dare il segnale agli altri. Ci disse anche come localizzarla in Algeria, un'informazione che rimase inspiegabilmente lettera morta per un po' ma che poi anni dopo portò alla cattura della donna e del suo nuovo compagno. L'ex Br ci consentì poi di ricostruire l'identità dell''ingegner Borghi', l'affittuario del covo di via Montalcino, e di aiutare la Digos ad arrestare Maccari".

"Proprio su Maccari ricordo che quando scattò l'arresto ci fu l'ennesimo appello degli intellettuali, che ne proclamavano l'innocenza, ma fu lo stesso Maccari a smentirli: il giorno prima della sentenza confessò, guadagnandosi una condanna a 30 anni invece che all'ergastolo. Gli servì a poco, morì in carcere". Tornando a Casimirri, "in cambio della sua collaborazione - racconta ancora lo 007 - ci chiese un salvacondotto per girare liberamente in Centroamerica, chiaramente gli dicemmo di no, offrendoci invece di cercare di trovare un accordo con i magistrati se avesse deciso di rientrare in Italia. Eravamo a quel punto quando uscì l'articolo di Cipriani. Lui si spaventò moltissimo, ci minacciò apertamente, poi si rifugiò nella giungla e finì tutto nel nulla".

Commenti

19gig50

Mar, 15/01/2019 - 18:34

Un giornale di mer@da come lo sono tutti i komunisti.

MOSTARDELLIS

Mar, 15/01/2019 - 18:37

e meno male che oggi Sansonetti ha dichiarato che l'Unità non ha mai avuto niente a che fare con i terroristi. Che gentaglia....

mozzafiato

Mar, 15/01/2019 - 18:53

ELPIRL e'ora che tu ci dia la esatta versione di questa ennesima storia che secondo le versioni degli interessati, ci danno inquietanti terribili lumi, SUL COME E DA CHI FOSSERO REALMENTE COPERTI I TERRORISTI ROSSI DEGLI ANNI DI PIOMBO !!! Questa testimonianza NE E'PROVA TRAGICAMENTE LAMPANTE ! Altro che i tuoi fantasmagorici magistrati neri che (secondo i ciclostilati conservati nel pidocchioso archivio del centro sociale dove vivi) perseguitarono il "povero battisti"!

DRAGONI

Mar, 15/01/2019 - 19:12

ERA UN COMPAGNO CHE AVEVA SBAGLIATO!!PREFERIRONO EVIDENTEMENTE CHE FOSSE UN LATITANTE PIUTTOSTO CHE UN UCCELLO, CHIUSO IN GABBIA, PRONTO A CANTARE.

Michele Calò

Mar, 15/01/2019 - 19:23

Altro che ricostituzione del partito fascista! In Costituzione andrebbe scritta la messa al bando del comunismo ed applicato il reato di alto tradimento per i suoi seguaci. Se cosi' fosse non basterebbero gli stadi a contenere i colpevoli tra cui la maggior parte della magistratura attuale!!!

Ritratto di pinox

pinox

Mar, 15/01/2019 - 19:23

ah l'unità, quel giornale che non leggeva quasi nessuno e che ha fatto 120 milioni di debiti non pagati dal partito ma bensì dagli italiani.

Ritratto di pao58

pao58

Mar, 15/01/2019 - 19:27

E adesso chi glielo dice a quel cialtrone di Sansonetti che l'Unità non era poi così interessata che si facesse pulizia... Ahhh che paese straordinario il nostro, dove se stai dalla parte giusta puoi farne di tutti i colori, scappare, assolverti e pontificare allo stesso tempo....

Ritratto di pao58

pao58

Mar, 15/01/2019 - 19:27

E adesso chi glielo dice a quel cialtrone di Sansonetti che l'Unità non era poi così interessata che si facesse pulizia... Ahhh che paese straordinario il nostro, dove se stai dalla parte giusta puoi farne di tutti i colori, scappare, assolverti e pontificare allo stesso tempo....

Ritratto di bandog

bandog

Mar, 15/01/2019 - 19:48

Cipriani,degno essere della carta igienica chiamata unità. in uno Stato serio sarebbe al gabbio!!!

Ritratto di Jiusmel

Jiusmel

Mar, 15/01/2019 - 19:50

Mi assilla un grande dubbio. Ufficialmente il terrorismo apparteneva a gruppi extraparlamentari di sinistra. La rete di protezione per l'espatrio probabilmente era più ampia e forse allargata anche a qualche parlamentare attivo. L'arresto e l'estradizione di Battisti toglie sonni tranquilli a qualcuno...

Ritratto di pierluigiv

pierluigiv

Mar, 15/01/2019 - 20:12

beh l'assassinio di Moro fu preceduto e seguito da tanti depistaggi, i mandanti furono la CIA e la destra della DC che volevano impedire un governo con l'alleanza comunista.

killkoms

Mar, 15/01/2019 - 21:00

i soliti "compagni"!

Ritratto di mailaico

mailaico

Mar, 15/01/2019 - 21:13

i sinistrati fra loro si coprono sempre.

Ritratto di hernando45

hernando45

Mar, 15/01/2019 - 21:14

Conosco personalmente Casimirri da 17 anni. Il Casimirri che qui fa il ristoratore tranquillo. Ma come mai nessuno in Italia dice che era un ex militare, SUBAQUEO (BUZO) formato dalla marina militare Italiana!!!! Buenas noches.

Una-mattina-mi-...

Mar, 15/01/2019 - 22:44

STRAMALEDETTI TRADITORI

Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Mar, 15/01/2019 - 23:16

Per fare una perfetta rivoluzione ci voglio due componenti, non i soliti Cip e Ciop, ovvero i perfetti criminali e gli utili idioti.

lappola

Mer, 16/01/2019 - 07:55

Certo, è comprensibile come la mamma protegga sempre i suoi figli.

Ritratto di elio2

elio2

Mer, 16/01/2019 - 09:15

Questo è solo ciò che si sa al momento, ma fra una cinquantina di anni o forse di più, vedremo che tutti i terroristi di sinistra mai catturati, sono stati aiutati dai compagni a non pagare le loro colpe al Paese. Pensare che i debiti di questo giornalino, sinistro che neppure i compagni leggevano più, fallito ben 3 volte, una vera e propria fabbrica di debiti, 120 milioni, l'ultima tranche, grazie a un governo di sinistra, abusivo e senza legittimazione popolare, glieli hanno fatti pagare agli Italiani.

claudioarmc

Mer, 16/01/2019 - 09:22

Guarda la combinazione

simone64

Mer, 16/01/2019 - 09:31

Come mai poi un brigatista scappa in Nicaragua dove i sinistrorsi hanno da sempre vita difficile ? Chi lo proteggeva? Squadroni della morte + sorcole come se piovesse, non deve essere una passeggiata

giancristi

Mer, 16/01/2019 - 09:33

L'unità era carta da cesso! Adesso non c'è più finalmente!

cecco61

Mer, 16/01/2019 - 09:54

E che dire dei responsabili del Rogo di Primavalle. I responsabili furono coperti e aiutati a fuggire da Dario Fo, sua moglie, e intellettuali vari che poi, negli anni, affermarono orgogliosi in televisione di aver nascosto e aiutato i delinquenti a fuggire. E quale fu la grande impresa dei rossi: bruciare vivi un ragazzo di 22 anni e un bimbo di 8. E ancora una marea di zecche vota a sinistra.

sbrigati

Mer, 16/01/2019 - 09:56

Non è una novità dal '45 in poi tutti i comunisti condannati hanno avuto appoggi dall'alto.