False vittime e veri bari

Ancora un murale (non murales, plurale), per commentare la politica attuale: una novità positiva in questi tempi calamitosi, un osservatorio del popolo che commenta i passaggi prevedibilmente difficili del dialogo tra sconfitti per il prossimo governo.

Non si poteva scegliere meglio: un dipinto di Caravaggio, finito trent'anni fa al Kimbell Art Museum di Fort Worth in Texas, rappresenta i «Bari», ed è stato riprodotto adattandolo ai tre protagonisti delle consultazioni: Berlusconi, Salvini e Di Maio. Ma l'autore, forse per trasporto affettivo, ha sbagliato i personaggi. Ha messo il volto di Berlusconi al giovane tratto in inganno dai due bari. Ma Berlusconi non è una vittima, anche se è stata chiesta la sua testa.

Ma senza inganno, senza trucco. Di Maio l'ha detto subito. E si è illuso di essere stato esaudito. Ha addirittura predisposto ingenuamente un discorso per siglare l'accordo. E poi ha dovuto riscriverlo. Salvini e Berlusconi lo hanno messo in mezzo, fingendo di aver agito l'uno alla insaputa dell'altro. È quello che si vede nel quadro.

Dunque, il ragazzo truffato dai bari è Di Maio, che guarda le sue carte. Alle sue spalle, il furfante anziano è Berlusconi che occhieggia, legge le carte e le segnala al giocatore che fronteggia lo sprovveduto. E questi è Salvini, che sta estraendo la carta vincente da una tasca posteriore. I due furbi hanno bluffato, l'ingenuo c'è cascato. Non vedo nessun'altra interpretazione possibile, dal momento che Berlusconi non aveva alcuna aspettativa. Di Maio tante. Tutte frustrate.

Commenti

Guido_

Sab, 14/04/2018 - 14:51

Nè murales nè murale, ma un manifesto attaccato ad una parete, che le forze dell'ordine hanno trasformato in un immeritato decolage. In ogni caso un baro sappiamo chi è perchè tutti i giornali tranne questo stanno raccontato di chi disse di Salvini: "E' meglio se tacesse". Ecco chi bara. Buon fine settimana.

Nick2

Sab, 14/04/2018 - 15:13

Mah, a casa mia il plurale di murale è murali. Il termine spagnolo è mural. La lingua italiana ha adottato il termine murales che viene usato invariato al singolare e al plurale, come silos o vigilantes. Al contrario di altri termini termini stranieri che usiamo solo al singolare, come pub, strudel, account, e-mail. Ciò premesso, la figura fatta alle consultazioni dai tre della famiglia Addams del centrodestra è stata a dir poco ignobile e stucchevole. Il vero baro è lei, che interpreta tutto come le viene ordinato dal suo padrone...

Beaufou

Sab, 14/04/2018 - 16:24

"Mural", Vittorio, neanche "murale", se si vuol conservare l'etimo spagnolo, su cui non ci sono dubbi. Mural, murales. Poi, che si legga correntemente "Un murales" sui giornali, la dice lunga sulla cultura dei giornalisti, ignoranti quant'altri mai e per lo più orecchianti sprovveduti.Ahahahah.

un_infiltrato

Sab, 14/04/2018 - 17:15

Voglio conoscere l'iter da seguire per ottenere, anch'io, la possibilità di scrivere su queste colonne on line, capsate come questa dei bari del Caravaggio. Lo farei gratis. Anzi, come dicono a Roma, AGGRATISE!

patrenius

Sab, 14/04/2018 - 17:51

Sgarbi ma sei sicuro che DiMaio abbia riscritto il suo discorso? Ciò presupporrebbe che sabbia scrivere in italiano e io non ne sono affatto sicuro.

Holmert

Sab, 14/04/2018 - 18:27

Caro Nick2,Sgarbi non ha padroni ,lui è quello che si dice un free lance o se preferisce un outsider. E lo ha ampiamente dimostrato. Comunque, Sgarbi ha ragione anche su murale e sull'interpretazione di esso. "Per Sabatini Coletti 2008 il sostantivo murale 'dipinto su parete' costituisce accezione particolare di murale aggettivo e sostantivo; similmente Devoto-Oli 2008, che ha a lemma il singolare mural e non murales, alla voce murale aggettivo, scrive: "Come sostantivo maschile adattamento italiano dello spagnolo mural".Concludendo, la voce di origine spagnola murales è solo plurale, mentre al singolare è preferibile usare l'italiano murale o, al limite, lo spagnolo mural". Ergo murale è corretto. (da "accademia La crusca").

kobler

Sab, 14/04/2018 - 20:06

Leverei Di Maio e metterei il loro caro amico Renzi. Quello è il terzetto giusto!

Nick2

Sab, 14/04/2018 - 20:18

Holmert, chi sei, l'avvocato difensore di Sgarbi o un ingenuo all'ennesima potenza? A proposito, free lance è corretto come aggettivo, ma come sostantivo userei freelancer, esattamente come hai usato outsider...

neucrate

Sab, 14/04/2018 - 22:06

Che ingiustizia la vita, tutti aparlare di Di Maio, e nessuno considera il grande Sgarbi, i media la considerano come uno che vale quanto un cesso, che ingiustizia, dobbiamo ribbellarci, lei vale molto di più di un Di Maio qualunque

Ritratto di asso_idefix

asso_idefix

Dom, 15/04/2018 - 08:43

Sgarbi un eccellente critico d'arte, colto e intelligente. Peccato che non sappia assolutamente controllare le sue crisi di nervi. Il suo carattere instabile e litigioso gli ha probabilmente rovinato una brillante carriera politica. Chi insulta passa sempre dalla parte del torto, a priori, anche se ha ragione. Lui purtroppo insulta spesso perché è pieno di un livore che non sa controllare. Con Di Maio ha un conto in sospeso per un banale episodio in cui si è sentito offeso dal comportamento del Grillino e non perde occasione per cercare vendetta. Lascia perdere, Vittorio, impara ad ignorare le offese gratuite. La tua ostinazione nel cercare vendetta rovesciandogli addosso tutta la tua cultura non fanno che peggiorare la tua posizione per il semplice fatto che così facendo ti metti al suo livello. Dammi retta, lascia perdere, non ne vale la pena.

sgarbistefano

Dom, 15/04/2018 - 09:20

Che ne dite di CAIRO EDITORE (La7)? Nell'arco di alcuni anni si sono accaparrati il gotha dei commentatori politici, quasi tutti della stessa area politica ed intellettualmente partigiani (a parte Mentana, della cui serietà professionale ho grande stima). Hanno impostato il loro palinsesto quotidiano e serale quasi esclusivamente su talk show politico-sociali. Sera dopo sera, ho assistito alla presenza costante di Marco Travaglio (ben coadiuvato dalla Gruber a 8e1/2) nonchè alle frequenti apparizioni di Mario Monti ed Elsa Fornero. Cosa c'è dietro tutto questo? Un semplice "scontro sotterraneo" tra case editoriali? O forse il "Think Thank" di Vincenzo Visco, legato a poteri finanziari europei? O cos'altro? Sarebbe interessante approfondire....

Holmert

Dom, 15/04/2018 - 10:48

Nick2 Se io sono un ingenuo all'ennesima potenza, lei è un asino all'ennesima potenza. Di quelli che emettono solo ragli da mane a sera.Sgarbi è un fine intellettuale e non ha bisogno dei suoi giudizi. E poi se si scrive freelance o freelancer a me non frega un tubo. Io nel mio post ho citato l'accademia della crusca da dove si evince che Sgarbi ha ragione se scrive "MURALE". SENZA TANTI FRONZOLI.