Fermato il compagno della donna strangolata in casa a Misterbianco

Secondo gli inquirenti si tratterebbe di un omicidio passionale. L'ex convivente aveva già ucciso

Aveva 40 anni Luana Finocchiaro, la donna strangolata nella serata di ieri nel Catanese, nel comune di Misterbianco. È stata la madre a ritrovarla, riversa ai piedi del letto, con ecchimosi sparse su tutto il corpo.

Un caso che sarebbe arrivato a una svolta già nella mattina di oggi, quando i carabinieri del comando provinciale di Catania hanno fermato il 37enne Vincenzo Di Mauro, ex convivente della Finocchiaro, che da lei ha avuto anche un figlio, che ora ha quattro anni.

Secondo l'accusa dietro allo strangolamento della donna ci sarebbe una lite per la gestione del bambino e per gelosia. La Finocchiaro aveva altri due bambini, due maschi avuti da un matrimonio precedente. Già in passato, dicono i parenti, aveva denunciato violenze da parte dell'ex convivente, che non si sarebbe mai rassegnato alla fine della loro relazione.

Gli inquirenti procedono dunque per un omicidio passionale. "Era violento e geloso", si racconta. E questa sembra per ora la pista principale. L'ex convivente della donna ha già ucciso in passato. Era stato condannato a undici anni di reclusione per avere ammazzato un vicino di casa 47enne, che aveva fatto delle avance a quella che allora era la sua ragazza, ancora 17enne.

Commenti

roberto del stabile

Mar, 02/02/2016 - 15:13

cosa si aspetta in italia a fare una legge che preveda l'ergastolo a vita senza possibilita' di riscatto e quindi di riemissione nella societa' civile?gli assassini non debbono poter avere possibilita' di remissione vanno detenuti in galera per il resto della vita. e basta!!!!!!

orso bruno

Mar, 02/02/2016 - 16:26

Purtroppo il problema dell'Italia non si limita ai profughi.

guardiano

Mar, 02/02/2016 - 16:47

Aveva già ucciso riflettete su queste parole, se gli avessero dato la pena che si merita un assassino a questa bestia sarebbe stato impedito di commettere un altro omicidio, sono troppo estremista se penso che le istituzioni possono essere accusate di correità del reato di assassinio.