L'ultrà di Fermo dal carcere: "Non sono razzista in cella con dei neri, siamo amici"

Sguardo pentito e tristezza nel volte. Così Amedeo Mancini si racconta al Resto del Carlo dopo la discussa lite di Fermo che ha portato alla morte il nigeriano Emmanuel Chidi

"Sono distrutto e soprattutto pentito di ciò che è successo" ammette Amedeo Mancini con sguardo rassegnato. Lui è l'ultrà della Fermana calcio protagonista della controversa lite di Fermo, in cui è morto il profugo di origine nigeriane Emmanuel Chidi. Il pugno sferrato dal tifoso, come è stato verificato, non è la causa della morte del migrante, dovuta piuttosto a una ferita alla testa susseguente alla caduta.

Mancini si racconta a Il Resto del Carlino, attorno a lui la direttrice del carcere di massima sicurezza di Ascoli, Lucia di Feliciantonio, e altri quattro detenuti con cui condivide la cella speciale, tenuti divisi dagli altri detenuti. In quello stesso istituto penitenziario soggiornarono anche Totò Riina al 41 bis e Alì Agca, l’attentatore del Papa.

Per giorni Mancini è stato visto come la bestia italiana che ha ucciso un uomo perchè nigeriano. Un aggressione a sfondo razzista l'hanno definita in molti. Solo i testimoni e il successivo cambio di versione della vedova di Emmanuel hanno scacciato l'onda razziale dalla figura dell'ultrà. "Sono stato stritolato da un vicenda più grande di me – dice Mancini –, forse ho un carattere irruento, questo sì". Della spavalderia che traspariva nelle fotografie pubblicate dai giornali non rimane più nulla. "Sono distrutto e soprattutto pentito di ciò che è successo. La vedova di Emmanuel? Sono consapevole di aver tolto la vita al marito e averla rovinata a lei. Ma anche la mia vita è rovinata. Sono addolorato" racconta con sguardo smarrito.

La Chinyery, vedona del profugo, ha cambiato versione dei fatti dopo il polverone sollevato da quella lite a Fermo e la successiva morte di Emmanuel. "Fu Emmanuel a colpire per primo Mancini, ma poco prima lui ci aveva offesi e insultati" ha spiegato solo qualche giorno dalla morte del marito. Ma Mancini comunque non si dà pace: "A lei chiedo perdono e quello che posso fare è mettere a disposizione tutti i mie beni per andarle incontro. Lo avevo già fatto sapere attraverso il mio avvocato e ora lo voglio ribadire con forza".

Parole di un uomo pentito. Nei dialoghi però non esce mai il nome di don Vinicio Albanesi, sacerdote della comunità di Capodarco, che ospitava Emmanuel e Chinyery. Il primo ad aver avanzato le accuse di aggressione razzista. Quegli attacchi Mancini non li dimentica. L'etichetta di razzista non la vuole incollata al suo nome. "Guardi qui in cella, con me ci sono due ragazzi di colore con cui ho ottimi rapporti. Nessuno screzio, giochiamo a pallone insieme nel campo del carcere per passare il tempo. E poi avrà visto che i giornali hanno pubblicato la mia foto con un giocatore di colore della Fermana. Lo ripeto, non sono razzista e convengo che al mondo nel bene e nel male siamo tutti fratelli" dice al giornalista.

"Faccio di tutto per rimanere sereno, anche se è difficile" ammette Mancini. Il Tribunale del riesame prenderà in considerazione la richiesta di scarcerazione presentata dal suo legale. Un pensiero fisso che non riesce a togliersi dalla testa: "Sono in attesa di giudizio e lo so. Spero solo di venire giudicato per ciò che è successo veramente e per come sono andate le cose durante quella maledetta giornata, non per tutto ciò che è stato detto e scritto".

Commenti
Ritratto di Ausonio

Ausonio

Dom, 24/07/2016 - 12:38

Meravigliosa integrazione. In carcere. Feccia multicolore. A nostre spese. E grande grancassa mediatica antirazzista.

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Dom, 24/07/2016 - 12:39

La falsa bugiarda intanto mantenuta a vitto e alloggio da questo paese di pecore.

antonmessina

Dom, 24/07/2016 - 12:57

mi chiedo perche sia ancora in carcere

magnum357

Dom, 24/07/2016 - 13:09

E' finito in galera nonostante avesse detto la verità, la moglie del poveretto invece è stata osannata per aver detto falsità ai giudici !! Va veramente al contrario questo mondo ...........

FRANCO1

Dom, 24/07/2016 - 13:12

Mah!!! C'è qualcosa che non torna in questa faccenda .. cosa sta girando sotto sotto con i cattocomunisti???

venco

Dom, 24/07/2016 - 13:23

Razzisti sono gli immigrati clandestini, e pure arroganti e pretenziosi, e falsi, perché questi non sono i più poveri d'Africa come crediamo noi.

Ritratto di mbferno

mbferno

Dom, 24/07/2016 - 13:39

Nelle disgrazie e negli errori umani nascono poi le amicizie, con la A maiuscola.

Ritratto di cape code

cape code

Dom, 24/07/2016 - 14:01

Ma e' ancora in galera?????? E quando i rom ubriachi uccidono intere famiglie e vengono scarcerati dopo una settimana??

Linucs

Dom, 24/07/2016 - 14:02

Anche tutti i nostri beni sono a disposizione, da sempre, per chiunque ne abbia bisogno.

Luci60

Dom, 24/07/2016 - 14:08

non giustificarti hai fatto benone

Ritratto di bandog

bandog

Dom, 24/07/2016 - 14:27

Maaaah che fine ha fatto il prete???

angeli1951

Dom, 24/07/2016 - 14:32

Alla complice mentitrice dell'aggressore che non aveva messo in conto la reazione dell'aggredito (un solo pugno) e la possibilità di scivolare son corsi ad abbracciarla tutti i politicanti governativi e ha avuto i documenti di attestazione di profuga. A Mancini, per essersi sottratto ad un pestaggio, i lacchè dei citati politicanti lo hanno sbattuto in galera.

joecivitanova

Dom, 24/07/2016 - 14:32

..ancora con questo razzismo..!? Guardate signorinelli del governo che qui, nelle Marche, molti, dalle parti di Fermo, soprattutto i meno ipocriti, sanno benissimo tutto quel che è accaduto e che accade, sia da molto tempo prima della tragedia del povero uomo che è stato ucciso, sia dopo; quanto volete ancora speculare e guadagnare sulla pelle degli italiani onesti e, ripeto, non ipocriti, con questa favola del razzismo e dell'accoglienza a tutti i costi..!? g.

Cheyenne

Dom, 24/07/2016 - 15:23

non capirò mai perchè uno deve subito dichiarare di non essere razzista. Io sono razzista con i mascalzoni di tutti i colori per primi i bianchi

ulissedibartolomei

Dom, 24/07/2016 - 15:56

I preti parlano troppo e a sproposito e curiosamente, lo fanno come nei centri sociali dove la prima versione "razzista", quella che fa gola ai giornalisti in quanto "fa vendere", rimane quella "vera", mentre le successive da approfondimento di indagine, vendono tacciate come complotti delle destre razziste ecc... Questo è un caso emblematico che i referenti morali classici, i preti e i politici, non rappresentano la comunità "reale".

Tarantasio.1111

Dom, 24/07/2016 - 16:27

I peggiori sono fuori e ci comandano...

Ritratto di ilvillacastellano

ilvillacastellano

Dom, 24/07/2016 - 17:35

Ma il cittadino di Fermo è ancora in carcere?

Ritratto di elkid

elkid

Dom, 24/07/2016 - 17:46

----dice che non è razzista come consigliato dal suo avvocato---sennò rischia di prendersi pure l'aggravante per odio razziale---mica è così scemo il tipo----in ogni caso ---lette le deposizioni di tutti ma proprio tutti i testimoni----essi concordano che il pugno dato dal mancini non aveva nessuna ragione di essere---il litigio era finito ed il nigeriano e la compagna stavano andando via---quindi vengono a cadere i presupposti per la legittima difesa---col preterintenzionale rischia 10 anni ---ma spero sia incensurato--così dopo 2-3 anni si va a fare il volontariato dal prete di turno---hasta siempre

routier

Dom, 24/07/2016 - 19:54

La meschina figura fatta dal prete ne esce sempre intonsa. Naturalmente il potentissimo Vaticano non c'entra nulla ed i media non sono condizionabili....! (e anch'io credo a Babbo Natale e anche alla Befana)

Ritratto di host8965

host8965

Dom, 24/07/2016 - 20:21

Ma certo, non è mica razzismo dare della "sporca scimmia" ad un africano, è una battuta di sottile humor inglese che utilizzano tutti i galantuomini. Tra le altre espressioni NON razziste la lingua italiana incorpora le seguenti:"zingaro di m....maledetto negro...sporco terrone....lercio ebreo...musulmano del c.....". Ma non è razzismo, tranquilli.

corto lirazza

Dom, 24/07/2016 - 21:44

...che 'ssa da fà...

Una-mattina-mi-...

Dom, 24/07/2016 - 21:56

CHE SIA IN CELLA CON NERI PARE INEVITABILE, VISTI I NUMERI...

routier

Lun, 25/07/2016 - 09:15

Al contrario dei buonisti di professione, io sono razzista, nel senso che odio profondamente tutte le "razze" dei delinquenti, dei ladri, degli assassini, dei farabutti, dei parassiti, dei violenti e dei prepotenti. Di qualsiasi colore abbiano la pelle!

Ritratto di Roberto_70

Roberto_70

Lun, 25/07/2016 - 12:58

Ma come mai è ancora dentro? Deve scontare la pena senza condanna solo perché Boldrini & C. sono andate al funerale del nigeriano? Non basta quanto emerso nelle indagini. Se verrà scagionato avrà tutti i diritti di chiedere un lauto indennizzo allo Stato!