Il filo nero del jihad lega Tunisia e Italia

L'ombra di Ansar al sharia, fondata da Abou Iyadh e dal "gruppo di Milano": espulsi, incarcerati e liberati. Sostieni il reportage

Il Califfato ha inneggiato all'attacco del terrore a Tunisi, ma una delle piste più probabili porta ad Ansar al Sharia, i partigiani della legge islamica. L'organizzazione fuorilegge è stata fondata nel 2011, dopo la primavera araba, da Seifallah Ben Hassine, nome di battaglia Abou Iyadh, assieme al cosiddetto «gruppo di Milano». Tutti tunisini jihadisti della prima ora arrestati in Italia negli anni duemila e poi espulsi. La rivolta dei gelsomini a Tunisi, che ha dato il via alla primavera araba, li ha rimessi in libertà.

Ventiquattro ore prima della strage di turisti uno dei rappresentanti di Ansar, Ouanes Fékih, ha pubblicato un video in rete annunciando: «Nei prossimi giorni ci saranno grandi avvenimenti». In nome «dei fratelli in carcere in Tunisia» e a favore dei «successi» dei terroristi negli attacchi alle forze dell'ordine nella zona di Kasserine. Un ex parlamentare tunisino sostiene che Ansar avrebbe espressamente minacciato di attaccare «centri culturali». Secondo Tunisie secret , un sito ben informato, i terroristi del museo del Bardo a Tunisi volevano scambiare gli ostaggi occidentali con i detenuti di Ansar nelle carceri governative.

Una parte dei «partigiani della legge islamica» ha giurato fedeltà allo Stato islamico. Lo stesso fondatore Abou Iyadh si è fatto immortalare in un comizio, prima che il gruppo venisse dichiarato organizzazione terroristica, con alle spalle la bandiera nera del Califfato. Al suo fianco Sami Ben Khemais Essid e Mehdi Kammoun, finiti agli inizi degli anni 2000 in una famosa inchiesta sul terrorismo dell'allora pm Stefano Dambruoso. Non è chiaro se i pezzi grossi della galassia jihadista siano stati acciuffati di nuovo in Tunisia o riparati in Libia dove Ansar ha basi a Derna e Bengasi. Ben Khemais era stato arrestato in Italia nel 2001. Washington lo sospettava di voler organizzare un attentato contro l'ambasciata americana a Roma. Anche Kammoun è finito in carcere per terrorismo. Fra il 2008 e 2009 sono stati entrambi espulsi verso la Tunisia nonostante il ricorso presentato alla Corte europea dei diritti dell'uomo, che oggi suona come una beffa. Diverse organizzazioni come Amnesty international protestavano contro il governo italiano denunciando il rischio che gli espulsi jihadisti venissero torturati. In realtà lo scoppio della primavera araba a Tunisi li ha rimessi in libertà. E dal 2012 hanno continuato a cavalcare la guerra santa.

Il loro punto di riferimento a Milano era il Centro culturale islamico di viale Jenner. Dalla Lombardia sono sempre stati in contatto con il leader Abou Iyadh, allora a Londra. Altri tunisini del «gruppo di Milano», poi arruolati da Ansar al sharia, sono l'ex guardia del corpo del capo, Ali Harzi e Mohamed Aouaidi catturato in un sobborgo della capitale nel settembre 2013 durante uno scontro a fuoco. Harzi era stato condannato in Italia a tre anni di carcere. Aouaidi è accusato dell'assassinio dei leader politici laici Chokri Belaid e Mohamed Brahmi. Anche Kamel Ben Ali Karraj aveva vissuto da noi. È l'ultimo terrorista del gruppo di Milano arrestato lo scorso ottobre a Ould Ellil, in un covo di Ansar al sharia. Pure lui amnistiato dalla primavera araba dopo essere stato espulso dall'Italia.

www.gliocchidellaguerra.it

Commenti

Tuthankamon

Gio, 19/03/2015 - 08:23

Questo e' un caso classico nel quale bisogna operare una netta distinzione tra i procedimenti giudiziari e di repressione e le informazioni disponibili per altri canali. Un coordinamento e' benefico, ma la democrazia va applicata con parsimonia a chi non la vuole! Il potere esecutivo (governo) deve avere le mani libere e usare il pugno di ferro. Non vedo una prospettiva incoraggiante in questo: gli Italiani non sembrano comprendere bene in quale situazione siamo per effetto della nostra posizione geopolitica. La retorica insopportabile relativa ai fatti di ieri e' fortemente indicativa di una incapacita' di fondo.

APG

Gio, 19/03/2015 - 08:25

Espulsi? Espulsi come? Secondo la legge italiana, vale a dire con foglio di via e obbligo di lasciare il territorio nazionale entro quindici giorni? Ah ah ah ah, allora stiamo pur sicuri che questi criminali sono ancora in Italia e ben nascosti. Allegria !!! Ci hanno pensato Amnesty International e la Corte europea dei diritti dell'uomo, si fa per dire, a proteggere e nascondere questi terroristi, poverini!

Ritratto di lettore57

lettore57

Gio, 19/03/2015 - 08:29

L'espulsione di un delinquente, che poi rientra come e quando gli piace, ha senso solo facendo in modo che la testa viaggi separata dal corpo.

Ritratto di CADAQUES

CADAQUES

Gio, 19/03/2015 - 08:37

DIFFICILE COMUNICARE CON QUESTI VIOLENTI MENTECATTI ... Sono violenti perché non hanno intelligenza ed é quindi difficile far loro comprendere anche le cose piú semplici ... Potrebbero con un atto molto semplice prendere il potere totale in Italia ... Un atto con il quale avrebbero a loro lato tutti gli Italiani ... Assaltare il parlamento italiano e fare fuori tutti i suoi sudici magnaccia ... L´unico problema é la loro comprensione ... Sarebbe infatti un atto estremamente intelligente ... Servirebbe enormemente a loro e a tutti gli Italiani.

FRANZJOSEFF

Gio, 19/03/2015 - 08:42

CHE DICE IL PD LOMBARDIA? PISAPIPPA CHE DICE NON PARLA COME SINDACO CHE FAI STAI ZITTO? AVANTI PARLA DICI CHE GLI ITALIANI SONO RAZZISTI ANTIMUSSULMANI ISLAMOFOBI PARLA NON FARE L'EBETE DI CERA. IL PARTITO PRO ARABI MUSSULMANI DOVE SIETE ALLA SCALA? NON DITE NULLA? CERTO ERA PIU' CONVENIENTE ATTACCARE QUALCHE SACERDOTE NON INDOTTRINATO E NON INQUADRATO ALLA VOSTRA POLITICA. VERO? PARLATE NON DITE NIENTE?

Ritratto di giangol

giangol

Gio, 19/03/2015 - 08:58

leggo di tunisini espulsi...la sboldrina insieme alla congolose denuncierà lo stato italiano per razzismo e violazione dei diritti civili!

Georgelss

Gio, 19/03/2015 - 09:06

Bandire l'Islam.E' l'unica soluzione. 2 anni orsono e' stata applicata in Angola con successo.

Ritratto di alasnairgi

alasnairgi

Gio, 19/03/2015 - 09:23

E ti pareva!!! L'ho scritto in un post di ieri : con la Tunisia siamo molto parenti. Abbiamo traghetti giornalieri chre fanno la spola tra le due sponde, molto vicine, per non parlare del movimento dei pescherecci. Per i terroristi e aspiranti tali l'Italia e nient'altro che un "pied a terre".

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Gio, 19/03/2015 - 09:31

l'Italia....un disastro. Si espellano. ALL'ERGASTOLOOOO!!!Solito buonismo e incapacità! Coraggio e determinazione!

Ritratto di Azo

Azo

Gio, 19/03/2015 - 09:33

Visto che coloro che governano il paese, l`Italia, sanno tutto ciò che succede oltre il mediterraneo, C`È DA CHIEDERSI IL PERCHÈ, CHE TRANQUILLAMENTE, LASCINO E PERDIPIÙ AIUTINO QUESTI (COSIDETTI) PROFUGHI, AD APPRODARE SUL TERRITORIO ITALIANO ??? In Italia, I PARLAMENTARI, STANNO DIVENTANDO TUTTI MILIONARI,- (COLORO CHE SONO DAL DOPOGUERRA NEL GIRO, SONO MILIARDARI),- I RICCHI RIMASTI,PORTANO I CAPITALI ALL`ESTERO,-IL CETO MEDIO STA SCOMPARENDO, -E LA MISERIA SI AGGIRA TRA LA POPOLAZIONE ITALIANA. Il Pontefice, si è rinsavito, ma quegli IMPERTINENTI della politica e della giustizzia, che vivono da NABABBI PAGATI DAL DANARO """PUBBLICO""", sono loro i malfattori!!! COLORO CHE HANNO INTERESSE, AD ASSECONDARE L`INVASIONE, DELL`ESTREMISMO MUSSULMANO,DEI MILITANTI DELL`ISIS !!!

Ritratto di franco_DE

franco_DE

Gio, 19/03/2015 - 09:36

ma non hanno ancora capito i vostri politici di merrrda al governo che avete a Roma che la Italia è in guerra? che è impossibile difendere 7000 km di costa? e chi dice che non sbarchino nello Jonio o in Adriatico? Che entrano ma ormai ci sono già in Italia elementi della ISIS ancora più incazzati visto che il loro mantenimento non è soddisfacente?ormai per me bisogna convocare il consiglio di guerra con vari ministri di qui quello della difesa e intervenire come in caso di gurra il presidente della repubblica il quale deciderà cosa fare in merito e sopratutto fare dei blocchi navali tutto intorno alle coste italiane.altrimenti sarà la fine la Isis avrà aiuti dall'inerno della Italia grazie ai vostri politici di mxxxa comunisti.Le guerre non si fanno solamente con aerei e carri armati.Io consiglierei votazioni anticipate eliminando questo partito criminale che vende la Italia ai musulmani terroristi e non.

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Gio, 19/03/2015 - 09:43

#FRANZJOSEFF cosa vuoi che ti dirà. Ti dirà con le solite frasi fatte ad oc per ogni domanda.Nelle frasi fatte ci sono: non tutti i musulmani sono terroristi come tutti gli italiani non sono mafiosi, la colpa è dell'occidente che sfrutta le loro terre,anche noi simo stati un popolo di migranti, in America ci trattavano male e malvisti e quindi non dobbiamo parlare...eppoi le solite, che siamo razzisti, siamo ignoranti, dobbiamo vergognarci ....eppoi l'ultima: la dx che era da vent'anni al governo non ha fatto niente. Hanno le solite frasi, e ce li infilano come il prezzemolo. Tu prova a dire qualcosa e da esso tirano fuori dal mazzo, la carta giusta per tacciarti.

plaunad

Gio, 19/03/2015 - 10:01

Dopo il sanguinoso attentato di Tunisi vedo sia in TV che sui giornali che prosegue la manfrina dei "si però", dei distinguo, dei "a monte" ecc. Nessuno che abbia il coraggio di dire apertamente che SIAMO IN GUERRA. Una guerra non da noi dichiarata, anomala sin che si vuole, però guerra. E soprattutto che siamo attaccati. E le misure che si vogliono prendere sono assurde ed impossibili durante una guerra. Azioni diplomatiche, aiuti umanitari, distinguere tra buoni e cattivi, la politica si deve attivare. Tutte belle cose che vanno bene in tempi normali. In guerra e quando si é attaccati bisogna solo reagire e difenderci, con tutte le armi a disposizione. Punto e basta. Il resto significa solo paura, ignavia e vigliaccheria.

NON RASSEGNATO

Gio, 19/03/2015 - 10:04

Non ho sentito commenti da Boldrini e company. Forse mi sono sfuggiti? Fortunatamente i terroristi sono stati valorizzati dai tunisini.

Ritratto di ilvillacastellano

ilvillacastellano

Gio, 19/03/2015 - 10:42

Calma! Calma! Siamo in buone mani sinistre. Prendiamo per esempio Fassino, detto anche stecchino. Ieri sera, intervenendo nella trasmissione "Dalla vostra parte", ha sostenuto, tra uno sbadiglio e l'altro, che bisogna rispondere a queste stragi. Come? Con manifestazioni e fiaccolate in tutta Italia. E da presidente dell'ANCI si farà promotore lui steso di questa grande idea. E' il comportamento tipico della sinistra e di chi ancora la foraggia. Restare a guardare per lasciare libero campo ai criminali, non importa a quali religioni o pseudo-religioni si ispirino.

Ritratto di pasquale.esposito

pasquale.esposito

Gio, 19/03/2015 - 10:43

COSTRUIAMO; UN MURO LUNGO 20 METRI ARMATO CON TORRETTE MITRAGLIATRICI É CANNONI PER TUTTA LA LUNGHEZZA DELLE COSTE EUROPEE; É DOPO 200 ANNI VEDIAMO COSA SARÁ RIMASTO DEI MUSULMANI SUNNITI OPPURE SCIITI PER DARE A LORO IL PARADISO CHE TANTO INVOCANO; TANTO PER QUESTA GENTE MORIRE PER ALLAH É UN DESIDERIO DI TUTTI I MUSULMANI; É NOI CRISTIANI CHE SIAMO CARITATEVOLI E DI BUON CUORE NON DOBBIAMO FARE ALTRO CHE ACCONTENTARLI NEL LORO DESIDERIO!!!. É;IO PER QUELLO CHE MI RIGUARDA NON ANDREI MAI IN FERIE OPPURE IN CROCIERA IN UN PAESE DOVE NON SI MANGIA CARNE DI MAIALE NEPPPURE SE MI PAGASSERO TUTTE LE FERIE!IO VOGLIO ANDARE IN FERIE É NON AL CIMITERO!!!.

Rossana Rossi

Gio, 19/03/2015 - 10:46

E' inutile affannarsi. Cosa pensavano i nostri 'soloni' che la Tunisia ne fosse esente? Come non lo sarà l'Italia. L'Occidente ha fatto di tutto per favorire questa situazione ed ora che gli è scappata di mano non sa e non vuole trovare rimedio. E' già troppo tardi........

maricap

Gio, 19/03/2015 - 11:30

Concorso esterno in associazione mafiosa. Mi sta bene, ma quando si farà una legge, per Concorso Esterno in Associazione Terroristica? Sicuramente mai, almeno fin quando a fare le leggi, ci sarà gente, che nel loro partito annovera senatori e deputati dai nomi esotici, tipo Kalid Chaouki nato a Casablanca Marocco il 01/01/1983, o magari la Kienge Kashetu nata a Kambove Congo, che fungono da collettori per il PD, dei voti degli immigrati, i cosiddetti regolari, che mai si integreranno. Infatti con i loro voti, hanno concorso all'elezione di questa gente, che opera per i loro interessi. (Basta sentire i loro interventi) Quel che è di difficile comprensione è come chi vota PD, non capisca l'inghippo. Ma già loro, non sono altro che gli ex PCI

Ritratto di Gigliese

Gigliese

Gio, 19/03/2015 - 11:35

E' la classica giustizia della magistratura di sinistra.

FRANZJOSEFF

Gio, 19/03/2015 - 11:52

DO UT DES COMPRENDO CHE DIRANNO SEMPRE LE SOLITE FRASI. SONO VACCINATO A TUTTO. SPECIE DA BAMBINO QUANDO I CLIENTI DI MIO PADRE (PROFESSORI INGEGNIERI ALTI FUNZIONARI DI STATO), PARLAVANO DI POLITICA. IL PROBLEMA NON SIAMO NOI, COME HANNO RIDOTTO CAGNOLINI ITALIANI E ELETTORI. SONO SICILIANO AMO COMBATTERE LA TRANQUILLITA' NON MI PIACE. UNICO ERRORE DI BERLUSCONI E' STATO IL CD RICONGIUNGIMENTO FAMILIARE DETTI DA PERSONE PRESSO UN MINISTERO CHE SI OCCUPA DI QUESTI CHE CI STANNO INVADENDO. ORMAI L'ITALIA SI DOVREBBE DIVIDERE OGNI REGIONE VA DOVE VUOLE. PRIMA DELL'INFERNO E NON SCHERZO

Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Gio, 19/03/2015 - 11:54

Ora si tratta capire a titolo pensionistico e infortunistico se i turisti ammazzati, del sindaco PD Fassino, erano in ferie o se sono "caduti con professionalità e supremo sprezzo del pericolo nello svolgimento della loro funzioni", in tal caso il primo, allampanato cittadino di Torino, dovrebbe esser indagato e condannato per falso in bilancio.

FRANZJOSEFF

Gio, 19/03/2015 - 11:58

DO UT DES STIAMO FACENDO LO STESSO ERRORE DEGLI AMERICANI QUANDO SONO ANDATI I MIEI CONTERRANEI IN AMERICA POTEVANO FUCILARLI I MAFIOSI O ARRESTARLI E RISPEDIRLI IN SICILIA HANNO FATTO LA FINE DI PETREOSINO. E NOI ITALIANI FAREMO LA FINE DEGLI AMERICANI E DI PETROSINO. NON STIAMO REAGENDO. ANZI GIA' LE SCUOLE SI STANNO PREPARANDO AD ACCOGLIERLI. NON C'E' PEGGIO DELLA SCUOLA. SI VEDA L'UNIVERSITA' DAL 1968 FINO AD OGGI FONTI DI RIVOLUZIONARI ED ESTREMISTI. A MILANO ORMAI I MILANESI NON LODANO PIU' NE' PISAPIPPA NE' LA SINISTRA O L'ARANCIONE CHE STA BENE COME COLORE NEL SALORE DI CASA. IL PROBLEMA SONO GLI ITALIANI CHE RIDONO SE UNO SI INCAVOLA E CERCA DI SPIEGARLI. OGGI NON SENTO PIU' LA CLASSICA FRASE SEI RAZZISTA. CHE GLI ITALIANI SI STANNO SVEGLIANDO RICORDANDOSI SI ESSERE NIPOTI DEL PIAVE?

Ritratto di Gigliese

Gigliese

Gio, 19/03/2015 - 12:28

#FRANZJOSEFF - CONCORDO - PURTROPPO SIAMO DIVENTATI UN POPOLO SENZA STORIA (PER ALCUNI SEMBRA UNA VERGOGNA)

dementina1

Gio, 19/03/2015 - 13:10

vedremo quando succedera da noi ed e certo che succedera come si giustificheranno la sinistra buonista che gli accoglie tutti.non importa se il 90%sono delinquesti o terroristi o impestati di qualsiasi malattia.l importante e che le coop guadagnino milioni con i centri di accoglienza.MI RACCOMANDO VOTATE SINISTRA CxxxxxxI