Ecco i bilanci d’oro dell'Ong che produce utili milionari

Sos Mediterranee torna in mare con l'Ocean Viking. E i bilanci sono in positivo: ecco tutti i conti della Ong

La nuova protagonista della grande commedia delle Ong nel Mediterraneo si chiama Ocean Viking, la nave di 69 metri di Sos Mediterranee. Un gigante del mare, un colosso da 14mila euro al giorno. Per portarlo fino in Libia l'associazione ha dovuto affittarlo, modificarlo, attrezzarlo e via dicendo. I costi sono ingenti. Ma i bilanci pubblicati dall'associazione e ricostruiti dal Giornale.it dicono che i fondi non sono un problema. Non in questo momento, almeno. Visto che negli ultimi due anni la Onlus nel complesso ha prodotto un utile da diversi milioni di euro. Cifre da far invidia a qualsiasi azienda italiana.

Sos Mediterranee è un'associazione particolare (leggi qui come è nata). Non ha un'unica bandiera, ma è come una rete formata da una federazione di "filiali" europee. Le sue sedi sono a Marsiglia (la prima e più grande), Milano, Berlino e Ginevra. Ognuna ha un bilancio proprio e raccoglie le donazioni in maniera autonoma.

I fondi tedeschi

Iniziamo dalla Germania, di cui abbiamo trovato solo la relazione dell'attività con i bilanci aggiornati al 2017. "Le donazioni totali - si legge - (esclusi i contributi delle associazioni partner e Medici senza frontiere) sono state pari a 190mila euro nel 2015, 1,1 milioni nel 2016 e 887mila nel 2017". I costi sono ingenti, certo, ma nel 2015 Sos Mediterranee Germania è riuscita ad assicurarsi un "risultato dopo le tasse" di 158mila euro. Nel 2016 la distanza tra entrate e uscite si è ridotta, garantendo un attivo di "solo" 46mila euro che si è andato a sommare a quello dell'anno precedente. Nel 2017, invece, il risultato al netto delle tasse è stato di -58mila euro. Ci sarebbe poi da valutare il bilancio di Sos Mediterranee Operations gGmbH, una società senza scopo di lucro nata internamente e al fine di gestire "l'attività operativa" in mare negli anni scorsi. A finanziarla ci hanno pensato Msf e le filiali italiana, tedesca e francese. Dunque sono trasferimenti interni che non prenderemo in considerazione.

Il bilancio italiano

Più semplice valutare lo stato finanziario della sezione nostrana. Sos Mediterranee Italia rende noti online i bilanci e i conti economici degli ultimi tre anni. E non sono ricchi come quelli tedeschi: nel 2016 tra contributi dei soci fondatori, enti non profit e donazioni varie, il contatore delle entrate è arrivato a toccare quota 297.916 euro. Le uscite hanno prevalentemente contribuito alle spese della Aquarius (200mila euro), ma risultano anche 82mila euro alla voce (non meglio specificata) "fondi disponibili per l'impiego". Nel 2017 la musica non è cambiata molto. Ai 223mila euro di ricavi registrati dall'Ong fanno fronte 222mila euro di uscite (133mila solo per la nave). Una precisazione: due anni fa Sos Mediterranee Italia apparve anche tra i destinatari del 5x1000 per un totale di 4.002,18 euro. Il 2018, infine, ha visto una contrazione delle donazioni incassate (112mila euro) per 118mila euro di spese (solo 30mila per Aquarius e ben 88mila di costi di amministrazione).

I finanziamenti svizzeri

L'associazione che sfida il Viminale è una vera e propria macchina da donazioni. Nel 2017 la casa madre francese ha elargito un prestito per far partire l'esperienza elvetica. Sos Mediterranee Suisse "ha concluso l'esercizio finanziario 2018 con un utile netto di 129.613 franchi", cui vanno però tolti circa 9mila euro di passivo dell'anno precedente: il totale (119mila franchi) è la “riserva” generata. Se andiamo a leggere i dettagli, notiamo l'enorme circolazione di denaro. L'associazione ha incassato 175mila franchi da donatori privati, 154mila da fondazioni o associazioni, 11mila da aziende private, 38mila da alcuni Comuni svizzeri e 6mila euro di altri contributi. In totale fanno 386mila franchi (e rotti). Le uscite sono state nettamente inferiori (256.919 euro): oltre ai 147mila franchi di spese operative (di cui 60mila per la nave e 86mila per la sensibilizzazione dei cittadini), ci sono altri 53mila franchi per la ricerca dei fondi. Ecco spiegato quell'utile finale, che al cambio vale oltre 118mila euro.

L'oro francese

La vera gallina dalle uova d'oro risiede però in Francia. I bilanci raccontano di un'attività florida e un budget annuale nel 2018 da 6,8 milioni di euro (+90% rispetto al 2017). A sovvenzionarla sono oltre 38mila donatori che hanno regalato circa 4,1 milioni di euro. Altri 808mila sono stati invece elargiti da società private, fondazioni e associazioni. Poi ci sono i 380mila euro versati dalla rete europea di Sos Mediterranee e 1,4 milioni da Medici senza frontiere. Solo il 2% (135mila euro) arriva da sovvenzioni pubbliche. Per quanto ingenti, le spese operative sono state di "appena" 3,9 milioni di euro (di cui 3,4 per la Aquarius). A questi vanno aggiunti 478mila euro di costi per la raccolta fondi e 371mila per il funzionamento dell'intera macchina. In totale fanno circa 4,8 milioni di euro, molti meno di quanti ne sono stati incassati.

Tolti i 254mila euro di ammortamenti, infatti, nel 2018 Sos Mediterranee Francia ha prodotto un utile di esercizio di 1,8 milioni di euro. Il tesoretto si è andato così via via ingrossando: ai 669mila euro messi nelle "riserve" nel 2016, l'Ong ha potuto aggiungere l'utile di 972mila euro del 2017 e quello da 1,8 milioni del 2018. Generando così un gruzzoletto di circa 3,5 milioni di euro. Un ottimo affare.

Commenti

VittorioMar

Mer, 07/08/2019 - 08:15

...questa non entrerà nelle ACQUE ITALIANE ma FUNZIONERA' COME NAVE MADRE....perderà Gommoni e Scialuppe...che potrà ricomprare a piacimento..!!!...CHE SPRECO DI DONAZIONI !!

doctorm2

Mer, 07/08/2019 - 08:21

Dubbi in proposito? Eroi che salvano vite umane ? o affaristi spregiudicati che speculano sulla pelle degli altri per i loro sporchi affari ? Mi pare che i numeri parlino più di ogni altra cosa... e si può discutere su tutto ma non sulle cifre.

Ritratto di rapax

rapax

Mer, 07/08/2019 - 08:39

la ue, gioca molto sporco nell' affare ong/ immigrazione, essendo lo stesso bacino spargitore di "olio" sovvenzionistico e facilitatore per le stesse vedi i bandi horizon 2020, il giro e' enorme per iniziative dell accoglienza e immigrazione, detto cio' e' incredibile se a fronte di privati con atteggiamenti arroganti, pirateschi, senza rispetto per le leggi di un paese, non le si biasimi, o condanni ma anzi le si incensi e difenda, forse perche' c'e di mezzo l'Italia o solo essa? forse perche' destabilizzarla e' una chiara politica franco/tedesca?

Jon

Mer, 07/08/2019 - 08:49

I Francesi finanziano la nave affinche' scarichi in Italia gli immigrati, conseguendo utili elevati, tenendoli lontano dalle loro coste. Franco Tedeschi associati contro l'Italia..BELLA EUROPA UNITA.

Dordolio

Mer, 07/08/2019 - 08:49

Scusate, ma perchè state a raccontarci queste storie? Già un altro tempo fa disse che i migranti rendono più della droga. Solo che lui ora è al gabbio, e questi invece no.

Gattagrigia

Mer, 07/08/2019 - 08:56

E quindi? Ognuno è libero di donare i propri soldi a chi vuole, o bisogna chiedere il permesso e donarli solo a chi è gradito al capetto di turno?

Yourbedtimestory

Mer, 07/08/2019 - 09:07

Per comprare e mantenere navi da salvataggio con relativo equipaggio servono soldi. Incredibile, vero?

frapito

Mer, 07/08/2019 - 09:10

Due dati sono incontrovertibili e indiscutibili. Il primo, che i migranti illegali NON LI VUOLE NESSUNO. Ci sono state nazioni che hanno pagato un sacco di soldi per non averli portati, il che spiega perchè non li portano in altri porti. Secondo, chi li vuole è solo perché ci FA UN SACCO DI SOLDI. Il buonismo "umano" non è mai esistito, sono esistiti solo tanti, ma proprio tanti, affari con tanti soldi. Quindi i "buoni" che pubblicano numeri e numeri per cercare di dimostrare che l'Italia è stata "cattiva", se ne facciano una ragione. I fatti dicono che i clandestini NON LI VUOLE NESSUNO, ma esiste solo gente che vuole soldi, soldi, soldi, soldi,etc., etc.

flip

Mer, 07/08/2019 - 09:10

va bene la cronaca ma se pubblicaste qualche bilancio sarebbe meglio! almeno li leggo e capisco meglio!

Ritratto di Mariopp

Mariopp

Mer, 07/08/2019 - 09:12

Chiamarli utili è evidentemente una forzatura - si tratta di donazioni che, non ancora utilizzate, sono degli avanzi di cassa.

Ritratto di gianniverde

gianniverde

Mer, 07/08/2019 - 09:13

Mi meravigliano tanto i finanziatori italiani che danno una mano a sotterrare l'Italia.

Tegetthoff

Mer, 07/08/2019 - 09:20

Mi sembra tutto trasparente e sintomo di buona amministrazione delle risorse. Niente sprechi e accantonamento del residuo. Dov’è la notizia? Le ONG funzionano? I loro amministratori sono onesti? Non rubano? I denari frutto di donazione sono spesi in conformità agli scopi dell’ente? E quindi? La prossima volta affidiamo la cassa ai tesorieri della Lega, faranno senz'altro meglio.

venco

Mer, 07/08/2019 - 09:25

E allora queste Ong i salvati devono tenerseli mantenerseli e subirseli fin che vivono, e non dopo 2 ore scaricarceli a noi.

scurzone

Mer, 07/08/2019 - 09:33

Beh, i nostri politici potrebbero imparare come si amministra bene un'azienda.

vince50

Mer, 07/08/2019 - 09:37

Bilanci d'oro?????? profondamente sbagliato,sono opere umanitarie non si faccia confusione ok? grazie

neucrate

Mer, 07/08/2019 - 09:38

Bisogna donare, più donate, e più bambini verranno salvati. Donate, siate generosi se volete riservarvi unn posto in Paradiso

ginobernard

Mer, 07/08/2019 - 09:47

c'è una sola soluzione ... il sequestro così non può ripartire e ricaricare. Da un certo punto di vista contribuiscono a creare un minimo di senso della nazione in una nazione che vera nazione forse non è mai stata se non quando gioca la nazionale di calcio. Il senso civico è mediamente molto basso negli italiani. Infatti gli altri paesi danno pure la bandiera ... ma i migranti mica se li prendono.

Blueray

Mer, 07/08/2019 - 09:50

Finchè esisteranno migliaia di soggetti donatori che preferiscono vedere le proprie città invase, trasformate in latrine a cielo aperto, le FF.OO. prese di mira, le donne impossibilitate a uscire di sera, lo spaccio ovunque sotto casa, le violenze imprevedibili quando uno meno se l'aspetta, e altre meraviglie, sarà difficile che le cose cambino. Bene ha fatto l'Italia a prevedere sanzioni e confische, ma sono ancora irrisorie. Non da 150.000 a 1 mln di euro ma da 1 a 10 mln per questi malefici Caronte traghettatori di alloctoni.

Una-mattina-mi-...

Mer, 07/08/2019 - 10:20

COME E' STATO DOCUMENTATO, LE CRICCHE IMMIGRAZIONISTE RENDONO PIU' DEL TRAFFICO DI DROGA

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Mer, 07/08/2019 - 10:22

Guadagnare per il traffico di esseri umani è un crimine indicibile.

Gattagrigia

Mer, 07/08/2019 - 10:38

L’articolo resta comunque fazioso, le ong come le onlus non possono fare utili per statuto, tutto ciò che resta nelle loro tasche va reinvestito in tutto ciò che è conforme al loro statuto di organizzazione. Per questo i loro bilanci devono essere trasparenti. Non si può parlare di utili, non sono aziende a scopo di lucro

Papilla47

Mer, 07/08/2019 - 11:07

In italia ci sono migliaia di queste onlus che, a sentir loro, chiedono donazioni per scopi umanitari tutti simili tra di loro. Se fosse una cosa seria ce ne sarebbe una per tutte che potrebbe fare cose davvero imponenti. Invece, in tanti, si accontentano di poco giusto per fare quadrare i conti delle loro spese senza salvare nessuno. E quando crollano le donazioni chiudono cassa in pareggio.

flip

Mer, 07/08/2019 - 11:08

vince 50. se soccorri qualcuno ed hai donazioni per poterlo fare, lo devi anche mantenere e non rifilare il poveraccio allo Stato Italiano altrimenti e solo e pura tratta di esseri umani con tutte le sue conseguenze!! (art. 601 C.P.)

Divoll

Mer, 07/08/2019 - 11:23

Se spendessero tutti questi soldi per migliorare le condizioni di vita in Africa, gli africani non si muoverebbero da casa loro. Ma e' evidente che lo scopo e' un altro: solo e soltanto quello di africanizzare l'Europa, distruggendola.

VittorioMar

Mer, 07/08/2019 - 11:31

.il COSTO GIORNALIERO di questa NAVE E' di 14.000 EURO /GIORNO....si potrebbero aiutare VERAMENTE 14.000 persone /giorno...CHE SPRECO DI RISORSE E DONAZIONI !!

siddarthapi39

Mer, 07/08/2019 - 11:36

ESCLUSIVO! ADDIRITURA UN BILANCIO PUBBLICO ACCESSIBILE A CHIUNQUE! Cosa si intende per business? se una persona fa una donazione per una buona causa l'organizzazione incassa. Ma l'organizzazione fa capo ad una onlus oppure ad un'associazione che per statuto non ha scopo di lucro. Per tanto questi soldi non vanno come guadagno ad un investitore, ma alla onlus, che li può reinvestire come meglio crede in opere però che sono legate ai principii fondatori della onlus o associazione. Quindi questo articolo non fa che registrare il flusso di denaro, ma si vede bene dallo spiegare dove va questo denaro in surplus (che investiranno negli stipendi di chi ci lavora ed in altre opere di beneficienza, e non fa congetture perché altrimenti sarebbe passibile di denuncia). Bisogna saper leggere tra le righe gli articoli...

scurzone

Mer, 07/08/2019 - 11:44

Quante sciocchezze riuscite a scrivere. Le nostre città sono molto più sicure di quando io ero giovane: quante cose sbagliate riuscite a vedere e a scrivere.

Dordolio

Mer, 07/08/2019 - 11:51

Gattagrigia ha perfettamente ragione. Jean Lafitte il famoso pirata e trafficante di schiavi finanziò infatti Marx ed Engels contribuendo quindi al finanziamento del Manifesto. Eh sì, ognuno può proprio finanziare chi vuole. Pecunia non olet.

agosvac

Mer, 07/08/2019 - 12:57

In pratica la ong si basa sulle donazioni. Oserei dire che ci siano anche guadagni sommersi provenienti dagli scafisti, ma non sarebbe politicamente corretto. Comunque tutti questo soldi di cui dispone potrebbero finire qualora insistessero a sbarcare i fasulli in Italia. Con l'ultima legge infatti a parte le multe sostanzionse scatterebbe anche il sequestro della nave che non potrebbe più operare quindi perderebbe 14 mila euro per ogni giorno di sequestro. Se poi, come mi auguro sempre, scattasse la confisca allora questa ong perderebbe la proprietà della nave. Non essendo la nave di loro proprietà ma in affitto, dovrebbe rimborsare integralmente gli affittuari. Come si vede i bilanci sono in attivo ma fino ad un certo punto.

Ritratto di Walhall

Walhall

Mer, 07/08/2019 - 13:30

@Mariopp: sono perfettamente d'accordo. Questi utili sono fondi riserva per pagare eventuali sanzioni o oneri imprevisti di gestione. La cosa cambia invece sull'identità dei donanti più munifici, la invito ad indagare. Tornado al tema, come possiamo notare, l'organigramma e la struttura finanziaria costituita, non differisce da una qualsiasi industria di ampio respiro, posseduta da un bravo imprenditore dotato di un ottimo fiuto per gli affari. Se si proponesse a queste organizzazioni di allestire campi di soccorso o investimenti in infrastrutture, politiche socio-culturali ed economiche atte alla rivalutazione del territorio, in quei paesi dove le migrazioni hanno origine, estemporaneamente queste lobbies chiuderebbero i battenti. Una nota Ong, ha cessato il suo operato in Africa, e si è fusa con un'altra dedita a questo servizio di trasporto. Se ciò avviene è perché una motivazione c'è, ma non di carattere squisitamente filantropico.

Gattagrigia

Mer, 07/08/2019 - 13:33

Dordolio, certo ognuno finanza con i propri soldi quello che crede giusto e vuole. Pecunia non olet, come dice lei, ma è riferito a chi riceve non a chi da

Calmapiatta

Mer, 07/08/2019 - 13:41

Gratta, gratta l'umanista....e uscirà fuori il quattrino. Questo e non altro guida queste organizzazioni. Quando tutti i cittadini italiani capiranno che non c'è alcun principio umanitario che muove queste organizzazioni, forse faremo un passo avanti.

CarloLinneo

Mer, 07/08/2019 - 15:17

Salvini dovrebbe imparare dalle Ong. Ne fondi un paio, faccia profitti milionari e diminuisca così il debito pubblico. L'uovo di Cristoforo Colombo. Ma terrà buono questo consiglio?. Vista la sua "intellighhenzia", credo di sì.

Ritratto di Mariopp

Mariopp

Mer, 07/08/2019 - 16:59

@Walhall: una volta era più facile fare beneficenza. C'erano la croce rossa, la caritas, la parrocchia e poco altro. Adesso ci sono molte organizzazioni, probabilmente anche perché il processo di globalizzazione ha interessato un po' tutto. Il confine tra business è beneficenza pura è sempre più sfumato. Credo che la cosa importante, se uno vuole donare, è cercare di informarsi bene per capire cosa fanno queste organizzazioni (dove vanno i soldi, che parte si tengono per il loro funzionamento, ...)

ziobeppe1951

Mer, 07/08/2019 - 19:18

Mariopp...16.59...” ...dove vanno i soldi, che parte si tengono per il loro funzionamento”...come chiederlo a sindati, patronati e caf..ecc.....Mariopp..ma dove vivi

Facciamofintache1

Mer, 07/08/2019 - 20:44

Maledetti e rivoltanti trafficanti di esseri umani loro e chi li difende. Oltre che mentalmente sinistrati anche disumani, che schifo.

Facciamofintache1

Mer, 07/08/2019 - 20:45

Con tutti questi utili potrebbe risolvere i problemi nei paesi di origine dei clandestini ma è ovvio che non trafficano essere umani per compassione ma per guadagnarci è ovvio a tutti tranne che ai mentalmente sinistrati, che schifo.

Ritratto di Walhall

Walhall

Mer, 07/08/2019 - 21:02

@Mariopp: diciamo che molte ONLUS si sono trasformate in Ong per avere parte all'Onu. Sarebbe sbagliato non devolvere denaro perché delusi dal presente, bisogna solo farlo laddove si conosce l'ente e si ha certezza che le somme arrivino a destinazione per l'uso voluto. Uno dei posti da alcuni anni più problematici è senz'altro l'Africa, lo dico per personale esperienza, anche familiare, nel territorio. Se le interessa, funziona bene la raccolta fondi per far studiare i ragazzi fino all'università, le adozioni a distanza e le opere di bonifica. Mi creda, i giovani africani non sono interessati a venire in Europa ma bensì alle nostre mode e alla possibilità di poter studiare per modernizzare, rendere indipendente e vivibile il loro bellissimo Continente. Ciò che capita nel Mediterraneo è un commercio gestito dalle mafie, gente spesso spietata e distorsori delle filosofie di Popper e Russell.

Ritratto di Fabious76

Fabious76

Mer, 07/08/2019 - 22:50

Se uno è milionario e decide di donare decine di migliaia di euro alle ONG non vedo dove sia il problema. Uno dei propri soldi fa quello che vuole. Ovviamente per scopi legali!

Gilgamesh1000

Gio, 08/08/2019 - 07:24

Capirai che novità !! Da sempre il traffico di esseri umani ha arricchito persone.

buonaparte

Gio, 08/08/2019 - 09:29

PER COMPLETEZZA BISOGNA RICORDARE CHE GLI STIPENDI DI QUESTI COSIDDETTI VOLONTARI SONO MEDIAMENTE IL TRIPLO DI QUELLO CHE PRENDEREBBERO FACENDO LO STESSO LAVORO AL LORO PAESE. ESEMPIO DI UNA INFERMIERA NOSTRA CONOSCENTE CHE è STATA 6 MESI IN UNA NOTA ONG.RICEVEVA 1700 EURO DI STIPENDIO COME CONTRATTO E ALTRI 2400 EURO CON LA VOCE RIMBORSO SPESE NON DENUNCIABILI , RIMBORSO SPESE SENZA ALCUN MOTIVO ,MA SOLO PER NON FIGURARE CHE PAGAVANO 4400 EURO AL MESE .ALTRO CHE VOLONTARI CON SENSO UMANITARIO.

scurzone

Gio, 08/08/2019 - 09:58

Buonaparte ma dove prendi certe informazioni? Ma va a studiare!

Ritratto di Fabious76

Fabious76

Gio, 08/08/2019 - 22:55

BUONAPARTE, che bandiera batteva la nave della Ong? Se batteva bandiera tedesca, olandese, ad esempio, è normale che prendono di più di quelle italiane. Ma questo non perchè lavorano per una ONG, ma perché in Germania e in Olanda le infermiere vengono pagate più che da noi! Semplice!