Foggia, il video dell'arresto del gambiano. Ammanettato all'auto della polizia

Non si placano le polemiche per l'arresto di Omar Jallow, il gambiano arrestato per aver aggredito alcuni poliziotti. Le versioni del Sap e quella dei migranti non coincidono. Il comitato Campagne in lotta denuncia: "E' stato trascinato per metri in manette"

C'è un video che gira in rete che fa molto discutere. Si vede un uomo ammanettato alla ruota di una macchibna della polizia, con un braccio che sanguina. Accanto un poliziotto visibilmente affaticato e con la divisa sporca di fango. Diversi migranti protestano a gran voce: "Lasciatelo stare, non è un animale". Si tratta dell'arresto di un 26enne del Gambia, Omar Jallow, avvenuto qualche giorno fa (5 ottobre). Il Sap (Sindacato autonomo di polizia) ha denunciato che per impedire l'arresto del gambiano circa 50 migranti avrebbero aggredito ripetutamente due agenti, costringendoli a medicarsi in ospedale (15 e 30 giorni di prognosi). Ma perché era scattato l'arresto? Nel corso di un servizio anticaporalato e contro l'immigrazione clandestina nelle campagne di Borgo Mezzanone, vicino Foggia, agenti di una pattuglia della Polizia Stradale del distaccamento di Cerignola, prima hanno ordinato l'alt a un'automobile che procedeva a forte velocità. Ma il conducente, poi identificato quale cittadino gambiano, ha tentato di investirli ed è fuggito. La pattuglia ha inseguito la vettura, che ha speronato l'auto di servizio. Dopo una fuga la corsa del cittadino africano è terminata in prossimità di un insediamento abusivo, popolato da molti migranti, vicino al Centro accoglienza richiedenti asilo di Borgo Mezzanone. Scesi dall'auto i due agenti, dopo aver inseguito a piedi l'extracomunitario, lo hanno bloccato con grande difficoltà non solo per la sua violenta resistenza ma anche, per l'intervento di numerosi stranieri che hanno aggredito i due poliziotti. Il ministro dell'Interno, Matteo Salvini, intanto ha fatto sapere che al gambiano è stato negato l'asilo politico che aveva richiesto: "Quel richiedente asilo, che a Foggia ha aggredito due poliziotti, rischiando diinvestirli con la macchina, grazie al nuovo decreto, viene preso, viene mandato in un centro per rimpatri e viene rispedito al suo paese, perché non c’è futuro in Italia per chi aggredisce i poliziotti e i carabinieri. È un piccolo esempio ma tanti piccoli esempi fanno un paese orgoglioso".

Un comitato contesta la versione: "Nessuna aggressione"

Nessuna aggressione ai due agenti sarebbe avvenuta sulla pista adiacente al Cara di Borgo Mezzanone. A dirlo è il "Comitato lavoratori delle campagne - Rete Campagne in lotta", che ha diffuso anche un video di circa cinque minuti sull’episodio. "Secondo il Sap, le esternazioni di Salvini e della Lega, e tutti i media - si legge nel comunicato diffuso su Facebook - venerdì scorso sulla pista adiacente al Cara di Borgo Mezzanone una cinquantina di persone hanno accerchiato due poliziotti impegnati ad inseguire un ragazzo, anche lui residente nella baraccopoli, 'colpendoli ripetutamente con calci, pugni e oggetti contundenti'. Ovviamente i soliti sciacalli, ministro dell'Interno in testa, non hanno esitato a cavalcare la notizia per invocare espulsioni immediate e proseguire nella campagna di criminalizzazione degli immigrati che li contraddistingue da sempre. Repubblica, per parte sua, agita inspiegabilmente lo spauracchio del caporalato, da tempo ormai un passepartout del giornalismo sensazionalista per fomentare bassi istinti e incrementare le vendite e gli accessi. Peccato, però, che questa comoda versione sia smentita non soltanto dalle testimonianze dei presenti, ma dai numerosi video che questi hanno avuto la prontezza di girare durante la concitata fase dell'arresto. Ve ne proponiamo uno, che dimostra come non ci sia stata alcuna “vile aggressione”, ma semplicemente un tentativo di scongiurare l'arresto brutale di una persona trascinata per diversi metri, mentre era già ammanettata, e poi legata alla ruota posteriore della volante della Polizia. I presenti protestano animatamente contro il trattamento inflitto all'arrestato, urlando “non è un animale!”, ma a parte cercare di strapparlo dalle grinfie degli agenti non azzardano altro. Se poi gli agenti sono rimasti feriti, come sostengono le prognosi, diversi testimoni affermano che questo sia stata la conseguenza di un incidente avvenuto successivamente alla ripartenza della volante, che correva a folle velocità per allontanarsi dalla pista. Contro chi pensa che la legge abbia sempre ragione, e che gli immigrati, specialmente se vivono nei ghetti, siano tutti pericolosi criminali, noi stiamo dalla parte di chi subisce le ingiustizie della legge e del suo braccio armato, tutti i giorni".

Commenti

poli

Gio, 11/10/2018 - 12:07

mandare i carri armati,questi non possono passare dalla savana alla civilta'nel giro 48 ore.

cecco61

Gio, 11/10/2018 - 12:21

Qualcuno spieghi a quei cerebrolesi del Comitato che alla Polizia si ubbidisce. Punto. Certo che i poliziotti tiravano il gambiano visto che lo stesso resisteva all'arresto (reato) aiutato dagli amici che lo tiravano in direzione opposta (incriminabili pure loro perché ostacolavano le operazioni di Polizia). Visto che i testimoni sono gli stessi che commettono un reato nel video possiamo immaginare la loro credibilità.

venco

Gio, 11/10/2018 - 12:48

Questi gabbiani vanno tutti espulsi per resistenza a pubblico ufficiale

Ritratto di Lissa

Lissa

Gio, 11/10/2018 - 12:55

Arrestarli tutti, in fin di conti cercavano di liberare chi era stato arrestato.

Ritratto di Suino_per_gli_ospiti

Suino_per_gli_ospiti

Gio, 11/10/2018 - 13:09

Avrebbero dovuto trascinarlo fino in Gambia.

Silvio B Parodi

Gio, 11/10/2018 - 13:22

L'entrate dei migranti ha un solo scopo: sfruttarli, farli lavorare a paghe al minimo per estromettere i lavoratori italiani, che costano troppo, e di chi e' la colpa???i sindacati che hanno fatto scioperi a catena per i diritti dei lavoratori! ora troppi! ora voglio gli immigrati per continuare a fare scioperi sempre per i diritti dei lavoratori ora neri d'Africa, e loro (sindacati arricchiscono) e ricattano governo e Aziende!!!e' cambiata la materia ma il gioco e' lo stesso!!!

mnemone44

Gio, 11/10/2018 - 13:26

Quanto è buono Franco Grilli!Che importa lo speronamento e la fuga ?Noi saremo fregati dalle leggi inadeguate al momento storico e dal buonismo cieco,pervicace e ad oltranza!

Maura S.

Gio, 11/10/2018 - 13:30

Agli idioti di questo così chiamato " comitato " che si informino come la polizia locale del Gambia tratta chi si rib4ella ai loro ordini. Ma questi innominati ( anti-Italiani) si sono bevuti il cervello!! Ma se è tanto l'odio per il proprio paese di questi venduti, consiglierei loro di andarsene in Africa a convivere con i loro simili!!!!

Ritratto di ellebor0

ellebor0

Gio, 11/10/2018 - 14:13

Io vedo solo una marea di gente ostile che ostacola la polizia, esattamente come a Scampia, quando i parenti dei camorristi scendono in strada a protestare contro l'arresto del loro "cari congiunti". La sproporzione delle forze in campo, a favore dei clandestini, è evidentissima, che c'è altro da capire e spiegare ? A quei due poliziotti va data una medaglia al valore, nel tenere a bada una simile folla. Se gli esaltati fossero rimasti a casa loro in Africa, invece di protestare per non essere in Paradiso, tutto questo non sarebbe accaduto, punto.

Drprocton

Gio, 11/10/2018 - 14:55

Pulcinellate degne del nostro paese. La resistenza a pubblico ufficiale è un dettaglio sorvolabile secondo tutti i bensanti che accusano subito la polizia per averlo ammanettato alla ruota. Poi se i video vengono fatti da possibili clandestini che non dovrebbero nemmeno esserci in italia e ostacolano l'arresto del delinquente, poco importa. Tanto siamo in italia e i diritti umani sono sopra anche il rispetto della legge che questa risorsa aveva già infranto per non essersi fermato al posto di blocco e poi avere speronato la volante. Non se ne vede violenza dei poliziotti. Rassegnatevi buonisti che il ripristino della legalità va fatto. Punto

routier

Gio, 11/10/2018 - 15:14

Quindici e trenta giorni di prognosi per i poliziotti, non sono frutto di autolesionismo pertanto i soliti buonisti del ca...volo la smettano di dire bischerate a raffica.

frabelli1

Gio, 11/10/2018 - 16:18

Se questo personaggio si è ribellato l'arresto assalendo le forze dell'ordine e queste poi hanno ammanettato l'individuo e trascinato, perché sì rifiutava di muoversi, ovvio che i polsi sanguinino, ovvio poi sia stato ammanettato ad un qualcosa in modo da impedirne la fuga ed il poliziotto risulti affaticato, se poi c'è del sangue sulla divisa questo qualcosa vorrà ben dire. Basta l'impunità ai rivoltosi. Questi clandestini non devono più danneggiare i cittadini e poi passarla liscia.

Ritratto di 98NARE

98NARE

Gio, 11/10/2018 - 16:49

il Clandestino diversamente italico, COSA FA NEL NOSTRO PAESE ???

Ritratto di hurricane

hurricane

Gio, 11/10/2018 - 16:59

I kompagnucci che accusano polizia e Salvini di mentire vorrebbero forse farci credere che il gambiano (clandestino?) ha la patente italiana, non correva, si era fermato e non ha tentato di investire gli agenti della Polstrada (i quali si sono picchiati tra loro allo scopo di atteggiarsi a vittime di 50 clandestini), ha un lavoro regolare e paga le tasse (anche per le nostre pensioni)? Si prega di telefonare (ore pasti) ad una certa Boldrina per organizzare a breve la solita sceneggiata con bandiere rosse, tamburi, tric-e-trac, "Brutta ciao...", ecc. ecc.

killkoms

Gio, 11/10/2018 - 17:35

la "forza pubblica" si chiama così proprio perché è autorizzata ad usare la forza quando occorre!

Geegrobot

Gio, 11/10/2018 - 17:55

Giusto così, in america sarebbero già tutti in galera

ciruzzu

Gio, 11/10/2018 - 18:05

"Abbiamo chiesto più volte nel corso degli anni - sottolinea Vigilante - di dotare tutte le nostre pattuglie di telecamere che possano riprendere ogni nostro servizio, in modo tale che tutti sappiano cosa facciamo quando usciamo ed espletiamo servizi di sicurezza e controllo del territorio" Cosa aspettano a farlo? e in questo modo si puo successivamente denunciare anche chi ha preso parte e ha contribuito a rendere pericolosa la posizione dei poliziotti

uberalles

Gio, 11/10/2018 - 21:58

Quando i "caporali" sono Italiani sono anche mafiosi; se, invece, i "caporali" sono con la pelle nera e cercano di uccidere gli agenti, sono da perdonare, anzi elogiare...Ragazzi, smettete di fumare droga, vedete come annebbia i riflessi? Se non siete drogati fradici, allora siete dei farabutti in malafede!

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Gio, 11/10/2018 - 22:13

Ma chi contesta, ha detto cosa ha fatto prima del trascinamento? NO???? E allora?

seccatissimo

Ven, 12/10/2018 - 01:41

Semplicemente allucinante ! Queste bestie vanno TUTTE cacciate dall'Italia e subito !

pier1960

Ven, 12/10/2018 - 04:35

e' vero...gli italiani sono razzisti la polizia è brutale ...ma perchè non se ne tornano da dove sono venuti?????