Frosinone, nigeriano senza il biglietto pesta capotreno e gli agenti

Lo straniero, scoperto dal dipendente di Trenitalia senza titolo di viaggio, lo ha pestato e si è successivamente rivoltato con violenza anche contro gli agenti della Polfer intervenuti

Violenta aggressione ai danni di un capotreno ed alcuni agenti della polizia ferroviaria di Frosinone ad opera di uno straniero.

L’episodio si è verificato durante la giornata dello scorso lunedì, a bordo di un convoglio in servizio sulla linea Roma-Frosinone. Il responsabile è un nigeriano di 23 anni, che ha dato in escandescenze durante un controllo dei biglietti da parte del capotreno. Trovato sprovvisto di titolo di viaggio, l’africano si è subito innervosito contro il dipendente di Ferrovie dello Stato e lo ha colpito più volte con veemenza.

Le intemperanze dello straniero sono proseguite anche una volta che il convoglio ha raggiunto la sua destinazione. Dopo aver tentato invano di fuggire, il nigeriano è stato infatti bloccato da 3 agenti della Polfer, intervenuti prontamente grazie alle segnalazioni ricevute dal capotreno ferito.

Per nulla intimorito dalla presenza degli uomini in divisa, lo straniero si è subito accanito anche contro di loro. Ne è nata una furiosa colluttazione, in seguito alla quale i poliziotti sono riusciti infine a bloccarlo e ad affidarlo alle cure degli uomini della questura di Frosinone.

Gli agenti aggrediti dall’africano hanno avuto necessità di ricorrere alle cure del pronto soccorso. Il 23enne, invece, condotto negli uffici della questura, è stato incriminato per minacce e resistenza a pubblico ufficiale e si trova ora in attesa di giudizio.

Commenti

lorenzovan

Mar, 16/04/2019 - 18:06

sta notozia l'avete pubblicata..ripubblicata ed ancora riesumata....tenetela bene al caldo .. cosi' quando manca qualche intemperanza di qualche invasore..la potete riciclare

kennedy99

Mar, 16/04/2019 - 18:14

quasi tutti questi signori viaggiano senza biglietto. questo capotreno ha fatto il proprio dovere ed è stato aggredito. la maggior parte dei controllori non cerca il biglietto e fa finta di nulla per evitare guai. il nigeriano si è innervosito per questo i controllori non devono cercare il biglietto hai colorati. finche ci sarà gente che è dalla parte di questi africani purtroppo nulla cambierà in italia. purtroppo per gli italiani.

baio57

Mar, 16/04/2019 - 18:15

Per cortesia non mettiamo la nazionalità ,altrimenti Dreamer66 si risente .

zadina

Mar, 16/04/2019 - 18:36

Ma qualcuno diceva che questi clandestini sono una grande risorsa per il paese, per che anno una grande cultura molto rispetto e tanta educazione, ma in realtà molte volte risulta il contrario, si manifestano arroganti prepotenti violenti nonostante queste caratteristiche quando finiscono in giudizio vengono sempre trattati con clemenza e il giorno dopo sono nuovamente in circolazione pronti a ripetere le loro malefatte, e il popolo bue paga continuamente.

Reip

Mar, 16/04/2019 - 18:48

SPARARE DOVETE SPARARE!!! QUESTE BESTIE PER LA SICUREZZA DEI CITTADINI ITALIANI DEVONO ESSERE ABBATTUTE PRIMA CHE AMMAZZINO QUALCUNO!!!

leopard73

Mar, 16/04/2019 - 18:49

LE PISTOLE A COSA SERVONO!!!! A FARSI PESTARE??

Ja'aqov

Mar, 16/04/2019 - 23:14

Per soffocare questa mentalità anarchica ed egoista e violenta,che continua da mezzo secolo,tolleranza zero per chi non è tollerante.Caricatore con proiettili letali.I primi 2 letali ma ricoperti alla punta con plastica(non letali)non penetrano ma ti spaccano le ossa:ginocchia,costole e via discorrendo.Vedrete che le aggressioni finiscono.Semplice.Il resto viene da solo.