Gallarate, il sindaco caccia i migranti e paga loro i biglietti per Milano

L'iniziativa del sindaco di Gallarate che allontana i migranti verso Milano. Ma la giunta del capoluogo ribatte: "Ve ne mandiamo duemila"

Pur di sbarazzarsi dei migranti non ha esitato a mettere mano al portafoglio e a sborsare dei soldi di tasca propria per pagare loro il biglietto per Milano. Così il sindaco leghista di Gallarate, Andrea Cassani, ha deciso di risolvere a modo suo il problema della permanenza sul suolo comunale di 12 richiedenti asilo che non avevano più i requisiti per essere ospitati in una struttura pubblica. Innescando una "crisi diplomatica dell'accoglienza" con il suo collega Beppe Sala, primo cittadino del capoluogo lombardo.

Tutto inizia quando la società Kb srl, fino a poco fa incaricata dell'accoglienza di diversi richiedenti asilo a Gallarate, decide di non partecipare più al nuovo bando della prefettura, abbandonando la gestione della palazzina in cui gli stranieri erano ospitati. I migranti, racconta l'edizione meneghina di Repubblica, sono stati così ricollocati in strutture pubbliche. Tutti tranne 12 che non ne avevano i requisiti.

Per questi ultimi il sindaco Cassani ha pensato di risolvere il problema pagando di tasca propria il 50% del biglietto ferroviario per Milano. Filmando in pompa magna la partenza con tanto di diretta Facebook. "Siamo contenti che il quartiere torni vivibile perché queste persone avevano danneggiato la vita di molte persone con atteggiamenti poco consoni e poco civili - commenta soddisfatto il sindaco - I soldi servono a loro per andarsene via in tranquillità e spontaneamente. Chi li ospitava ha deciso di non ospitare più persone e sono rimasti in mezzo a una strada"

Quindi li ha accompagnati in stazione e davanti alle telecamere ha dato loro i soldi per i biglietti: "You buy the tickets and you go", comprate i biglietti e ve ne andate, intima con fare perentorio.

L'ira di Milano: "Gliene mandiamo duemila"

La mossa del Comune di Gallarate, però, ha innescato, prevedibilmente, le ire della giunta milanese di centrosinistra. Furibondo l'assessore alle Politiche sociali Pierfrancesco Majorino: "Si tratta di una scelta folle, un modo di fare surreale, ora il prefetto intervenga. Il Viminale intervenga verso il sindaco che ha fatto questa scelta. Ho la tentazione di pagare il biglietto a duemila profughi e mandarli a Gallarate così vediamo come finisce."

Novanta euro di tasca prop

Commenti

Franco Ruggieri

Mer, 21/03/2018 - 11:03

Invece di mandarli a Milano perché non li manda in Vaticano? Ha forse paura della scomunica?

Ritratto di bandog

bandog

Mer, 21/03/2018 - 11:11

ahh,majori, di tasca tua li devi pagare, non con i soldi di Pantalone meneghino!!

Ritratto di pascariello

pascariello

Mer, 21/03/2018 - 11:16

Se c'è una scelta folle è quella di Majorino & C., il fascista rosso che si appoggia alla fascistissima struttura delle Prefetture, il massimo della anti democrazia che durante i vari cambi di ragione sociale per bancarotta fraudolenta i comunistacci non hanno mai toccato

ginobernard

Mer, 21/03/2018 - 11:33

ormai è chiaro ... gli unici che vogliono i migranti sono quelli che ci fanno soldi chiesa, coop e albergatori vari ... E poi la collettività paga in termini di sicurezza pubblica e costi pazzeschi. Tanto noi i soldi li cachiamo eh ? C'è solo la destra sana in questo paese ... gli altri si sono fottuti il cervello.

DRAGONI

Mer, 21/03/2018 - 11:34

una minaccia vera e propria !!Riguardo al relativo contenuto dovrebbe intervenire la Magistratura inquirente!!

Italiano_medio

Mer, 21/03/2018 - 11:39

Ma come, il Sinistrato non è più contento di accogliere gli immigrati ?

Ritratto di giovinap

giovinap

Mer, 21/03/2018 - 11:43

evvabbuò! se in patania centrale avete accolto zipeppe, 98nare, venco, pisslam,repubbliquetta, cir, cgf e indifferenziati vari, potete accogliere anche questa "brava gente" ah ah ah!

Ritratto di karmine56

karmine56

Mer, 21/03/2018 - 11:54

Milano non era quella della marcia a favore dei clandestini?

cabass

Mer, 21/03/2018 - 12:22

Notare la minaccia di Majorino: "ve ne mandiamo duemila"! Ma come?! Per i sinistrati come Majorino, questi non erano "preziose risorse che ci portano cultura e che ci pagheranno la pensione"? Che minaccia sarebbe quella di fare un così prezioso regalo al collega gallaratese?! Non capisco...

ducadibrabante

Mer, 21/03/2018 - 13:33

con quali daneé, Majorino?

ginobernard

Mer, 21/03/2018 - 13:34

giovinap - vorrei spezzare una lancia per la migrazione dal sud italia degli anni '60 e con grandi sacrifici hanno contributo allo sviluppo economico del paese. Allora la situazione era enormemente differente. Nelle fabbriche del nord con bassa automazione c'era necessità di migliaia di operai e tecnici. Adesso con la automazione e peggio ancora la delocalizzazione non ci sono più spazi nella industria. Rimangono i servizi. Mi piacerebbe sapere dei boat people quanti sono stati effettivamente impiegati. Credo una esigua minoranza.

Malacappa

Mer, 21/03/2018 - 13:46

Ruggeri,io li manderei un poco piu' in la l'africa e' vicina

Tarantasio

Mer, 21/03/2018 - 14:17

ah ah ah, entrino signori, più gente entra più bestie si vedono -è un vecchio modo di dire in uso presso i proprietari di circo equestre...

Ritratto di giorgio.peire

giorgio.peire

Mer, 21/03/2018 - 16:02

Trovate una discarica così il sindaco di gallarate può trovare rimedio alla battuta del sindaco di Milano

Ritratto di tomari

tomari

Mer, 21/03/2018 - 17:35

Dopotutto Sala dovrebbe essere contento, non era in prima fila alla marcia PRO diversamente colorati? Assieme a quell'altro bel tomo di Majorino!

routier

Mer, 21/03/2018 - 18:02

In un fiume, rimandare il problema delle acque inquinate alla città che sta a valle, è facile ma non risolve nulla.

Una-mattina-mi-...

Mer, 21/03/2018 - 18:34

E RIMANDARLI AL PAESELLO, NO?

Divoll

Mer, 21/03/2018 - 18:35

Come finisce? Finisce a guerra civile. E se Sala & company non lo hanno ancora capito, spero lo capiranno alle prossime comunali.

Lapecheronza

Mer, 21/03/2018 - 19:02

Se hanno inoltrato la domanda d’asilo che sia accettata o che stata respinta, ora non hanno più diritto di avere vitto e alloggio e si trovano in mezzo ad una strada. Se vogliono andare a Milano e qualcuno paga loro il biglietto per Milano di tasca propria il comune di Milano cosa c’entra? Non li deve mantenere. Faranno quello che tutti fanno: arrivati a Milano, si trovano un lavoro per vivere. I sostenitori dell’accoglienza senza regole, cosa pensano sarebbe successo dopo la fase richiesta asilo e questa è stata accettata?

giginonapoli

Mer, 21/03/2018 - 20:03

Pierfrancesco Majorino, tra poco dovrai lasciare la cadrega a Salvini e andare a lavorare.

maurizio50

Mer, 21/03/2018 - 20:24

Di che si lamenta l'indefinibile Sindaco di Milano ??? Ha fatto le marce per dichiarare a tutti che a Milano amano tutti i migranti, i profughi, i desperados et similia. Ora che qualcuno glieli fa arrivare senza rimpianti, pure si lamenta???? Che coerenza dimostrano di avere i Compari!!!!!

mastra.20

Gio, 22/03/2018 - 01:12

mandateli in TOSCANA vicino alle ville dei ricconi di sinistra che li vogliono basta che li ospitano gli altri ,,,

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Gio, 22/03/2018 - 01:19

Ma come? Voi giunta progressista di Milano non eravate per l'accoglienza? Adesso li cacciate? Ora si scoprono le vere intenzioni dei sinistri.

Ritratto di Menono Incariola

Menono Incariola

Gio, 22/03/2018 - 01:33

BEN FATTO!! Visto che Sala approva l'accoglienza, sia lui a togliere le castagne dal fuoco.

Ritratto di Menono Incariola

Menono Incariola

Gio, 22/03/2018 - 01:37

Aspetta Sala, aspetta ancora un po', e POI vedrai che cosa terranno in mano i Milanesi al posto del Coeur!

ginobernard

Gio, 22/03/2018 - 08:37

la prova di quanto sono voluti i migranti è che dove vengono collocati gli appartamenti della zona perdono immediatamente valore di mercato. Io mi metto nei panni di questi cittadini che hanno comprato casa con tanti sacrifici e poi si vedono crollare del 30-40% il valore dell'immobile per la apertura di centri di accoglienza nelle vicinanze. Non li vuole nessuno. E se c'è qualcuno che proprio li vuole ... se li mantenga lui. Capito Vaticano ? altro che non pagare l'IMU, altro che 8 per mille ... incominciamo a far pagare anche a loro questa costosissima accoglienza che caso mai cambiano idea.

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Gio, 22/03/2018 - 08:51

tu chiedi l'asilo, ma se poi scopriamo che non hai i requisiti, mi paghi le spese del soggiorno anche lavorando senza stipendio. E cribbio. Allora io vado alle Maldive e mi dichiaro un esiliato, poi dopo una ventina di giorni mi rimandono a casa, ma il soggiorno tutto spesato almeno l'ho goduto.

piazzapulita52

Gio, 22/03/2018 - 09:05

L'ex Italia è un popolo di buffoni! L'unione fa la forza ed invece questo popolo di vigliacchi buffoni litiga mentre dovrebbe essere unito per buttare fuori questi parassiti trogloditi fuori dal nostro paese! I parassiti clandestini africani, al contrario, sono uniti e ci schiacceranno!!! Mi vergogno di essere italiano!!!

Ritratto di Menono Incariola

Menono Incariola

Gio, 22/03/2018 - 17:16

@ do-ut-des: non va bene neppure cosi`... lavorando senza stipendio svalutano ulteriormente il lavoro NORMALE. L'unico lavoro sarebbe spaccar pietre fino a cascar sfiniti per terra, cosi` non gli resta il fiato per far casini.