Germania, maxi operazione antiterrorismo: sospetto scappa

Blitz a Chemnitz, in Sassonia. Ricercato un profugo siriano: preparava un attentato all'aeroporto. Legami con lo Stato islamico

Ci sarebbe una connessione tra l'uomo ricercato nell'operazione antiterrorismo in corso a Chemnitz, in Sassonia, e lo Stato islamico. Lo ha riferito l'agenzia di stampa tedesca Dpa, a sua volta ripresa dai media tedeschi, citando fonti vicine ai servizi di sicurezza. La polizia del Land tedesco ha diffuso l'identikit del ricercato: Jaber Albakr, nato il 10 gennaio 1994 a Damasco, indossa una felpa nera con un disegno stampato sopra. È sospettato di voler pianificare un attentato all'aeroporto.

Da questa mattina la città tedesca Chemnitz è stata blindata dalla polizia a seguito di una "grave minaccia". A riferirlo è stata la Bild, aggiungendo che, per timore della presenza di esplosivi, le strade sono state chiuse e un quartiere è stato fatto evacuare. "Si teme un attacco terroristico pianificato", hanno comunicato le autorità.

In particolare è stata messa sotto stretto controllo una zona residenziale dove gli agenti sono "armati fino ai denti", come riporta il Chemnitzer Free Press. Per il momento le ricerche si sono concentrate su un edificio, dove la polizia ha fatto irruzione facendo saltare in aria la porta d'ingresso.

L'operazione ha generato un'esplosione che ha impaurito i cittadini ma gli agenti hanno specificato che "l'esplosione sentita era una misura di accesso della polizia". All'interno dell'abitazione sono stati trovati degli esplosivi ma nessun individuo. La polizia tedesca ha chiesto più volte su Twitter di non diffondere eventuali foto o video che possano aiutare i terroristi a scappare o mettere in pericolo le forze dell'ordine.

Per ricercare il sospettato, la polizia di Chemnitz ha chiuso la stazione ferroviaria della città tedesca. Due persone sono state arrestare per sospetto coinvolgimento nell'indagine. Un altro arresto è stato effettuato nell'area intorno all'edificio in cui si trova l'appartamento del sospetto

L'estate scorsa la Germania è stata teatro di tre attacchi: il 25 luglio un attentato suicida ad Ansbach condotto da un richiedente asilo siriano nel quale restanoro ferite 15 persone, il 18 luglio un richiedente asilo afghano ferisce a colpi d'ascia cinque persone su un treno a Wurzburg, mentre il 23 luglio un 18enne tedesco di origine iraniana uccide 10 persone in un centro commerciale a Monaco di Baviera. (GUARDA IL VIDEO)

Commenti
Ritratto di OdioITedeschi

OdioITedeschi

Sab, 08/10/2016 - 16:09

Ringraziamo pure gli americani, gli israeliani e gli arabi per aver creato l'ISIS, i francesi per aver creato i nuovi terroristi (che dovevano deporre Gheddaffi) in Libia e gli inglesi per aver preso parte a tutte queste schifezze: meno male che questi ultimi (cavallo di txxxa degli israeliani) almeno hanno lasciato l'UE.

perseveranza

Sab, 08/10/2016 - 16:35

Fonti giornalistiche dicono si tratti di profugo richiedente asilo. Dunque: vengono qui o come per Italia andiamo a prenderli, chiedono asilo, li accogliamo e poi....... Bisogna farla finita.

sesterzio

Sab, 08/10/2016 - 17:02

Accogliete gente.Accogliete. Che poi ci troveremo delle serpi in seno.

dakia

Sab, 08/10/2016 - 17:14

Mah! se li tenesse, chi è colpa del suo male pianga se stesso, tanto questa segue importando faiuja e non sente da nessun orecchio.

pastello

Sab, 08/10/2016 - 17:28

Chi vota Si al referendum odia i propri figli

petra

Sab, 08/10/2016 - 18:21

Renzi ha detto che non sono i profughi che arrivano dai paesi in guerra a fare attentati ma persone "che abbiamo già in casa". E infatti ha ragione. Arrivati l'anno scorso. Ma che genio!

ziobeppe1951

Sab, 08/10/2016 - 18:47

Dai che ce la fai.....

Ritratto di ezekiel

ezekiel

Dom, 09/10/2016 - 01:23

Legami con lo stato islamico? Ma non mi dire. Pensavo fosse un frate francescano.

Ritratto di stenos

stenos

Dom, 09/10/2016 - 09:52

Un bel profugo, un povero siriano che scappa dalla guerra e dalla fame, e per ringraziarci ci piazza una bomba sotto il cul...non posso pensare che siamo governati da gente tanto idiota.