Giglio, terminate e operazioni di rotazione: la Concordia è tornata verticale

La nave da crociera è naufragata davanti all'isola del Giglio il 13 gennaio del 2012. Terminate le operazioni per riportare lo scafo in piedi: sono durate 22 ore. Al via ieri alle nove, l'operazione di "parbuckling" si è conclusa intorno alle 4

Sono terminate intorno alle 4 del mattino le operazioni iniziate ieri all'isola del Giglio per raddrizzare lo scafo della Costa Concordia. La nave da crociera, naufragata il 13 gennaio del 2012, ha subito quella che in gergo tecnico viene chiamata una "operazione di parbuckling".

In 22 ore la rotazione del relitto è stata completata. Molto più delle 12 ore inizialmente previste. "Tutto - ha spiegato Sergio Girotto, responsabile del progetto per la Titan-Micoperi - dipende dal comportamento del relitto". Ma la stima, per un'operazione di portata mai tentata in precedenza, "rimane valida". "L’obiettivo è fare bene. Non ci sentiamo in ritardo, siamo contenti di come le cose stanno andando", ha detto il responsabile del progetto per la Costa Crociere, Franco Porcellacchia. Non ci aspettiamo particolari problemi se ci sarà un peggioramento del meteo, che non influisce così tanto", ha aggiunto Girotto, "Le condizioni meteo e il buio non ci preoccupano".

La Concordia è stata imbragata da 36 cavi di acciaio, con un tiro iniziale di 60 tonnellate, che è cresciuto poi mano a mano che le operazioni procedevano. Dopo circa due ore si sono visti i primi risultati dello spostamento, con l'emergere di una parte di scafo coperta di ruggine, sommersa fino a poco prima.

Perché lo scafo tornisse in piedi i cavi dovevano essere tirati di circa 21 metri (3,5 ogni ora). La nave doveva raddrizzarsi di circa 65 gradi, poi ci ha pensato l'inerzia a rimettere in piedi lo scafo, con l'aiuto del sistema di cavi e contrappesi messo in opera. Dalle 9 alle 18, in 9 ore, si è raddrizzata di 11 gradi (circa 4 metri). il recupero è andato avanti fino all'alba. "Abbiamo avuto un problema e l’abbiamo risolto", dice Franco Gabrielli, Capo dipartimento della Protezione civile. "Andremo avanti ad oltranza per tutta la notte".

La deformazione dello scafo

A monitorare il tutto telecamere subacquee e apparecchiature. Sarà importante controllare l'emissione nell'atmosfera di gas prodotti dalla decomposizione dei materiali organici. Al momento non si sono superati i limiti consentiti. Durante i lavori, ogni ora, si verificheranno anche eventuali forme di inquinamento con prelievi d'acqua.

Durante le operazioni - ha detto Franco Gabrielli in conferenza stampa - si è notata una "significativa deformazione della fiancata di dritta". Un elemento che ha confermato che "l'operazione andava fatta il prima possibile".

I costi

La colossale operazione costerà 600 milioni di euro, una cifra - lo ha ribadito il prefetto Franco Gabrielli - che sarà coperta interamente dalla compagnia di navigazione proprietaria della nave. Da valutare anche i danni all'ambiente e i costi per ripristinare l'ecosistema dell'isola del Giglio. Ermete Realacci, presidente della Commissione Ambiente Territorio e Lavori Pubblici della Camera, ha chiesto che "siano totalmente a carico" della Costa.

GUARDA LA DIRETTA VIDEO DEI LAVORI

Commenti
Ritratto di gzorzi

gzorzi

Lun, 16/09/2013 - 10:10

Chi manovra la rotazione? Schettino!

Ritratto di lettore57

lettore57

Lun, 16/09/2013 - 10:47

Ho sempre pensato alla metafora legata al .... "Il Re è nudo". Tutti e ribadisco tutti si sono accaniti contro Schettino che ha le sue colpe ma tutti gli altri salvi: puri, innocenti e direi quasi celestiali. Vediamo un po a Schettino diamo il 51% di colpa e il resto? Beh il resto lo diamo a chi vedeva ma faceva finta (per diverse ragioni) di non vedere: Il Sindaco e gli abitanti dell'Isola (mai nessuno che si sia chiesto se l'inchino non era pericoloso?), La Capitaneria di Porto che si lodava citando le proprie apparecchiature di localizzazione con tolleranza di pochi metri ma, quella nave a ridosso dell'isola nessuno l'ha mai vista, la Costa Crocere che ovviamente sapeva ma per motivi puramente di business taceva. Quindi speriamo che tutto vada bene ma non facciamo gli struzzi ..........

Joecasti

Lun, 16/09/2013 - 11:11

gzorzi: queste battute da adolescenti se le potrebbe risparmiare. Serietá sembra non far parte della sua educazione, e poi ci lamentiamo dei politici, in germania si dice: ogni popolo si merita il suo governo. Comunque spero e sono convinto che il rotaggio vada bene. Sarebbe almeno un segnale positivo per l'Italia.

Ritratto di ...zzTop.

...zzTop.

Lun, 16/09/2013 - 11:11

a quando la rotazione della nave italia?

poitelodico

Lun, 16/09/2013 - 11:29

Strano che nessun magistrato abbia incolpato Berlusconi per quel naufragio...

Ritratto di serjoe

serjoe

Lun, 16/09/2013 - 11:41

Bastava aspettar a l'Italia di rotar e tanti schei risparmiar.

Ritratto di gzorzi

gzorzi

Lun, 16/09/2013 - 12:13

Joecasti: se in germania si dice... rimanga in germania, grazie. PS io non ho votato questo governo.

guidode.zolt

Lun, 16/09/2013 - 12:23

..e finalmente smetteranno di ruotare pure le balle degli abitanti del Giglio..

Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Lun, 16/09/2013 - 12:24

Mentre il Cicciobello Gabrielli fa ruotare la nave a noi ci ruotano le palle.

Fab73

Lun, 16/09/2013 - 12:25

@Joecasti: aspetto con ansai la reprimenda per @poitelodico...

releone13

Lun, 16/09/2013 - 12:29

speriamo solo di non fare un altra figura di palta come quella del naufragio..............................ma essendoci di mezzo la Protezione Civile nella persona del suo capo...........è quasi sicura!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

Joecasti

Lun, 16/09/2013 - 12:51

gzorzi: Sarebbe il caso che lasciasse lei l'Italia e gente seria come me ci venisse , sicuramente cambierebbe qualcosa, perché con la sua mentalitá alla berlusconi/grillo lei non sará certo in grado di aiutare a cambiare il paese. Ci vuole serietá e critica obiettiva.

Ritratto di gzorzi

gzorzi

Lun, 16/09/2013 - 13:08

Joecasti: a gente seria come lei, hahahhaha, ha fatto la battuta. Aspettiamo con ansia il salvatore.

Ritratto di Carlito Brigante

Carlito Brigante

Lun, 16/09/2013 - 13:57

Pensare che una nave di piu' di 110000 tonnellate si muova sotto un tiro di 60 tonnellate e' quantomeno fantasioso. Per favore controllate i dati che presentate al pubblico altrimenti non siete credibili.

epesce098

Lun, 16/09/2013 - 14:00

E chiamiamola "ROTAZIONE". Povera lingua Italiana che ad ogni piè sospinto deve ricorrere ad espressioni straniere anche in presenza di parole corrispondenti nel vocabolario italiano. Dante si rivolta nella tomba. E' diventata una moda, fa chic infilare nel discorso una parola inglese, tanto la maggior parte delle persone non capiscono ma fra sè diranno ugualmente: che persona istruita!

Ritratto di Carlo_Rovelli

Carlo_Rovelli

Lun, 16/09/2013 - 14:30

Io metterei Schettino capo delle operazioni ... oppure a spingere la nave mentre viene ribaltata.

Ritratto di Alberto43

Alberto43

Lun, 16/09/2013 - 14:31

Anche agli italiani stanno rotando i c.......!

Ritratto di Eurogianlu

Eurogianlu

Lun, 16/09/2013 - 14:59

I costi delle operazioni di recupero non sono a carico della compagnia di navigazione ma a carico degli assicuratori della nave: P&I CLUB, una sorta di società mutualistica tra armatori. Quindi fortunatamente non paga pantalone... Le operazioni poi sono "direzionate" dal consorzio TITAN e MICOPERI la prima azienda è il TOP nel settore ed agisce sempre in consorzio con operatori locali a seconda di dove interviene. LA protezione civile al massimo guarda o distribuisce bottiglie d'acqua ai "ragazzi grandi"

Ritratto di PaoloDeG

PaoloDeG

Lun, 16/09/2013 - 14:59

Si dovevano costruire bacini galleggianti in diversi stabilimenti sulla costa e trainati via mare fino alla nave! Sul posto al Giglio si avrebbero potuto assemblare di maniera da imbragare la nave e portarla via in un luogo dove nello stesso bacino galleggiante assemblato si avrebbero potuto eseguire i lavori di riparazione o di smantellamento! Il tutto sarebbe costato un quarto e sarebbe potuto essere fatto in due mesi o tre! Come avevo scritto in un mio commento il 19/01/2012 alle ore 12:22 !

Ritratto di cangrande17

cangrande17

Lun, 16/09/2013 - 15:20

Incredibile! Con SOLI 600 MILIONI di Euro sembrano riuscire a raddrizzare la nave...

malinconico

Lun, 16/09/2013 - 15:23

Ricordo che e' ancora una crime scene. Ricordatevi di non distruggere prove come tracce di liquido spermatico di schettino in plancia. (Se non fosse una tragedia ci sarebbe da ridere.)

m.nanni

Lun, 16/09/2013 - 15:45

si muove anche la nave Costa Concordia; l'unico che non si smuove, che non si da una mossa è Berlusconi.

mbotawy'

Lun, 16/09/2013 - 16:04

...che porteranno al raddrizzamento della nave..., sempre e quando la parete in trazione dello scafo non ceda. Speriamo bene, il mondo osserva questa nave per la seconda volta.

socrate77

Lun, 16/09/2013 - 16:06

Ma poi Sotto la Concordia Non potevamo metterci Il cristo degli abissi E ci pensava lui?

Ritratto di dbell56

dbell56

Lun, 16/09/2013 - 16:10

malinconico, blinda la supercazzola prematurata come se fosse schettino antani diretti sulla sbrindellona della sbiliguda ispettore navale!!

Pedrino

Lun, 16/09/2013 - 16:21

PaoloDEG, non si allontani. Mica hanno finito..

liberitutti

Lun, 16/09/2013 - 16:33

cangrande17: già, e bastava far sedere Ferrara dal lato giusto

michetta

Lun, 16/09/2013 - 16:39

L'operazione in se stessa, tutti lo sanno, fa' il paio con quella che si attuo', mi sembra per la Saratoga, dopo Pearl Harbour, dagli Americani. Ora, con le tecnologie moderne, sara' sicuramente un'altra cosa e soprattutto piu' efficace. Ma, a parte il fatto che poi, in primavera, questa benedetta Concordia, andra' ad essere ridotta in pezzettini, togliendo finalmente (?) dalle coste gigliesi la possibilita' ai turisti (?) di andarla a vedere, rimarra' per noi Italiani, una macchia indelebile, che gia' ora ci segna in maniera evidente: aver forgiato simili comandanti, per una nave di quella portata, costruita per giunta nei nostri Cantieri. Noi, che eravamo sempre stati additati, come un Popolo di Navigatori, ecc.ecc., adesso, anzi da venti mesi a questa parte, siamo gli zimbelli di tutto il mondo. La nostra scuola di marina ed i nostri marinai, classificati i peggiori, la dirigenza e gli insegnamenti non consoni con la moderna tecnologia, insomma, popolo avvolto da sempre dal mare, che non conosce nemmeno l'abc dei comportamenti marittimi. Che vergogna! Ogni volta che mi capita di incontrare un amico, di altre parti del mondo, gira che ti rigira, si va' a finire sul discorso dello Schettino, "comandante della Concordia", che, oltre tutto, ha fatto morire 32 persone, sulla efficienza della Marina Mercantile e Militare in generale.....Che vergogna! Leggendo i libri di Storia Marinara, mai mi era capitato di poter leggere di comportamenti simili. Che vergogna!

Ritratto di Geppa

Geppa

Lun, 16/09/2013 - 16:52

Carlito Brigante, immagino lei abbia preso 30 e lode a scienze delle costruzioni o statica. Consideri la spinta dell'acqua e i cassoni di callegiamento. Morale? siamo tutti tecnici e politici e allenatori e santi e ognuno deve sentenziare con fare tecnico...tipo PaoloDEG che davvero pare un bimbo di 7 anni che ha visto un cartone alla tv di Mazinga. Costava la meta'....galleggianti assemblati lungo la costa? in due mesi o tre? ahahahha questa e' l'Italia peggiore! Non avere umilta' nemmeno nelle questioni tecnico scientifiche.

Ritratto di Uchianghier

Uchianghier

Lun, 16/09/2013 - 17:17

Ma non potevano venire in Italia giornalisti stranieri meno cogli la prima mela. Li hanno scelti uno per uno dal mazzo?

Ritratto di marco piccardi

marco piccardi

Lun, 16/09/2013 - 17:19

nessuno riesce a battere noi italiani in quanto a inventiva su come risolvere problemi che noi stessi abbiamo creato

Giacinto49

Lun, 16/09/2013 - 17:20

Da non dimenticare i dispersi che ancora sono sotto o tra quelle lamiere.

Gianca59

Lun, 16/09/2013 - 18:10

Spero che questa operazione sia frutto dell' ingegno di ingegneri Italiani.

Ritratto di marione1944

marione1944

Lun, 16/09/2013 - 18:41

releone13: ringrazi che c'è la Protezione Civile e non dica delle caxxate, che le magagne degli altri le risolve spesso.

Ritratto di marione1944

marione1944

Lun, 16/09/2013 - 18:48

Giacinto49: tra tante caxxate un commento giusto. Bravo.

Ritratto di centocinque

centocinque

Lun, 16/09/2013 - 19:09

La Concordia sale di 4 metri: lo spread invece di 20 punti, la fiducia nel governo scende ai minimi storici, ecc.....

Joecasti

Lun, 16/09/2013 - 19:26

zzTop: sei tu il primo gonzo forista (detto da enrico mentana)!! Ah! Povera Italia!

precisino54

Lun, 16/09/2013 - 19:59

X lettore57- 10:47; condivido le tue parole, che ho tra l’altro espresso più volte nei miei post sulla vicenda. Ho sempre trovato da ridire sull'operato della guardia costiera che, come affermi dicono di conoscere i tracciati ma non hanno mai trovato nulla da ridire per gli “inchini”, come dire che i tracciati servono per fare archivio ma non per vero controllo; ho più volte detto di essere in possesso di foto in cui si vede credo la Costa Pacifica passare radente, solo qualche centinaia di metri dalla scogliera lavica sotto Acireale, in una zona poco distante in un cui un abile sub della zona si immerge in apnea; tutti i sabati, quest’anno stranamente il passaggio avveniva all’orizzonte! La guardia costiera non sapeva! Ma anche le autorità tutte non sapevano, tranne poi sentire un “esaltato” dire a Schettino, che l’aveva fatta fuori dal vaso, quel famoso “c...o”, mostrando così la sua inadeguatezza al comando: dare degli ordini, giusti o sbagliati poco importa, in quei toni a chi era chiaramente in confusione mentale, serviva solo a mostrare i muscoli per la stampa, ben sapendo che la telefonata era registrata e sarebbe stata pubblicizzata. X gzorzi; è la presenza di soggetti come te che fanno si che questo disgraziato paese non riesca a risollevarsi! X epesce098; in effetti hai ragione, esiste la traduzione italiana e si potrebbe utilizzare quella, tra l’altro l’operazione credo sia totalmente originale e quindi non c’è necessità di rifarsi a termini inglesi, unica scusante il fatto che il team è misto, per cui ecco il termine usato.

precisino54

Lun, 16/09/2013 - 20:15

X Carlito Brigante - 13:57; in effetti quel numero è un po’ strano, per cui immagino che la cifra si riferisca ad ogni martinetto, in più c’è la questione della fase iniziale: “La Concordia è imbragata da 36 cavi di acciaio, con un tiro iniziale di 60 tonnellate, che crescerà poi mano a mano che le operazioni procederanno ...”. Considera pure che occorre rigirarla non alzarla quindi quel valore serve solo a farla ruotare intorno al fulcro dell’appoggio, hai mai provato a rialzare da terra una moto? Se ti metti dalla parte giusta, e magari approfitti della pendenza, ti assicuro che basta quasi poco, io l’ho fatto con una da quasi trecento chili senza troppe difficoltà, e garantisco non sono un armadio a quattro ante!

Amedeo Nazzari

Lun, 16/09/2013 - 20:15

se ci fosse berlusconi li la tirerebbe su in 5 secondi con la sola forza dei suoi capelli

fedele50

Lun, 16/09/2013 - 21:05

x precisino 54, lei spara sulla croce rossa, mio caro, però posso affermare che in quanto a soccorso in mare , usiamo la nostra marina militare , badi bene , militare , che ogni giorno si reca nelle acque territoriali tunisine o libiche per allietarci con migliaia di clandestini soccorrendoli , rifocillandoli di tutto punto e, sbarcando il prezioso carico nei porti siciliani pertanto la prego di non biasimare la nostra marineria.

fedele50

Lun, 16/09/2013 - 21:05

x precisino 54, lei spara sulla croce rossa, mio caro, però posso affermare che in quanto a soccorso in mare , usiamo la nostra marina militare , badi bene , militare , che ogni giorno si reca nelle acque territoriali tunisine o libiche per allietarci con migliaia di clandestini soccorrendoli , rifocillandoli di tutto punto e, sbarcando il prezioso carico nei porti siciliani pertanto la prego di non biasimare la nostra marineria.

orsograsso

Lun, 16/09/2013 - 21:27

Per fortuna che i lettori sono molto informati e competenti su tutto, anche il sesso degli angeli.. Se riescono a raddrizzare la nave hanno compiuto un'impresa epocale, ma gli intelligenti commentatori scrivono i soliti messaggi del c....

precisino54

Lun, 16/09/2013 - 21:53

X fedele50; colgo l’occasione delle tue parole per fare subito ammenda: quello che volevo sottolineare è che se qualcuno non si fosse distratto dal controllare come avrebbe dovuto, non avremmo avuto il disastro. Tra le altre competenze della Guardia Costiera c’è il monitorare lo stato degli apparati di bordo, che sembra avessero qualche problema; fare valutazioni e dare le patenti nautiche, anche per i comandanti; controllare che tutto si svolga secondo norma; certo il comandante è il responsabile primo, non c’è dubbio su questo, ma perché non controllare che le navi siano dotate dei tutto quanto serve ed in perfetto stato: sembra che in plancia non esistessero le giuste carte nautiche! Per quanto riguarda i passaggi radenti confermo quanto detto, e le foto in mio possesso sono inequivocabili, eppure nessuno aveva da ridire prima, oggi si passa la largo come mai? Si sono per casi accorti che non era proprio la rotta giusta? Finisco per dire tutto il mio plauso per quanti, come riporti stanno in mare a rischiare per “salvare” rifocillandoli i disperati migranti, se il portassero magari sulle coste di altre regioni gradirei maggiormente! A parte la battuta, ti assicuro il mio massimo rispetto per i militari tutti: esercito, aviazione e marineria in particolare: il fratello di mia madre, tenente di vascello, non tornò a casa in quanto saltò su una mina a guerra praticamente alla fine! Ma questo non vuol dire non poter fare delle critiche.

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Mar, 17/09/2013 - 00:07

# precisino54 Guardi che non basta dotarsi dello pseudonimo di "precisino" per dare a intendere si sapere le cose. PROBABILMENTE LEI NON SA COSA SIA UNA CARTA NAUTICA E COSA SIA LA NAVIGAZIONE. La informo che anche il peschereccio più sfigato del mondo non va per mare senza carte nautiche. Si informi e ciarli solo delle cose che conosce.

precisino54

Mar, 17/09/2013 - 07:45

Ad operazione rotazione conclusa, non posso che complimentarmi con chi ha eseguito l'ardita manovra, ma anche con chi l'ha posta in essere mettendo in campo professionalità, capacità e voglia di fare bene! Ai soliti disfattisti che si auguravano un "fiasco" per sghignazzare alle nostre spalle, una solenne pernacchia! Indubbiamente la vicenda non è conclusa ma di certo la parte più difficile è fatta, ora occorre sigillare lo scafo chiudendo lo squarcio e spostare il relitto nel cantiere meglio attrezzato per continuare l'opera e mettere la parola fine a questo immane disastro.

Walter68

Mar, 17/09/2013 - 08:01

Meno male che ora c'è Gabrielli alla Protezione Civile, meno proclami e più fatti a differenza di Bertolaso e dei suoi amici Anemone, Balducci & C.

guidode.zolt

Mar, 17/09/2013 - 08:25

Credo che sarebbe stato economicamente utile richiedere l'aiuto di una squadra di baldi Bergamaschi "celoduristi" ...

rickroger

Mar, 17/09/2013 - 08:43

In Italia ogni argomento finisce sempre in politica... Un evento come questo, rilevante,costoso,senz'altro eccezionale viene usato dai soliti Premi Nobel in "tuttologia", per rimarcare la bravura e maestria dell'attuale responsabile della Protezione Civile, affermando che se ci fosse stato Bertolaso non sarebbe certo andata nello stesso modo. Per certuni appunto qualsiasi argomento finisce sempre lì: La manovra sciagurata di Schettino era il simbolo dell'imperizia, leggerezza e superficialità tipica del periodo di S.B." Ecco perchè dobbiamo festeggiarne la fine.......

precisino54

Mar, 17/09/2013 - 08:44

Ad operazione rotazione conclusa, non posso che complimentarmi con chi ha eseguito l'ardita manovra, ma anche con chi l'ha posta in essere mettendo in campo professionalità, capacità e voglia di fare bene! Ai soliti disfattisti che si auguravano un "fiasco" per sghignazzare alle nostre spalle, una solenne pernacchia! Indubbiamente la vicenda non è conclusa ma di certo la parte più difficile è fatta, ora occorre sigillare lo scafo chiudendo lo squarcio e spostare il relitto nel cantiere meglio attrezzato per continuare l'opera e mettere la parola fine a questo immane disastro.

Ritratto di Carlito Brigante

Carlito Brigante

Mar, 17/09/2013 - 10:44

@Geppa: con il suo intervento lei ha dimostrato di essere un ignorante della peggior specie. Si informi meglio per favore. Chiedo cortesemente al giornale di rettificare il dato citato nell'articolo altrimenti rischiamo che gente come Geppa creda che gli asini possano volare sbattendo le orecchie

fedele50

Mar, 17/09/2013 - 14:26

x PRECISINO, grazie per al risposta in seconda battuta, era quella che cercavo,SULLA NOSTRA MARINERIA NON AVEVO DUBBI.

precisino54

Mar, 17/09/2013 - 14:46

X Runasimi- 00:07; hai perfettamente ragione: non ho mai visto una carta nautica! Ma non credo di aver mai affermato qualcosa di diverso. Nel mio post mi riferivo alle dichiarazioni di Schettino in materia che affermava che nelle sue carte nautiche lo scoglio delle “Scole” non fosse segnalato, come non era segnalato la profondità. Ad un primo controllo si verificò questa mancanza, ma contemporaneamente credo Ferrarini, disse che la nave era dotata delle carte nautiche necessarie alla rotta, quindi mancavano quelle maggiormente particolareggiate per poter fare la bravata, non a caso Schettino quella notte, nella telefonata al Comandante Palombo (?), chiede notizia sui fondali; in ogni caso era nelle competenze del comandante dotarsi delle carte necessarie. Allora si disse che con un Gps e un app disponibile su smart-phone, si poteva avere la mappa in digitale. Per quanto riguarda poi la dotazione dei pescherecci sono certo della sua affermazione che faccio mia, quello che voglio ribadire è solo che la Concordia non era dotata di quelle carte particolareggiate come testimoniato. A questo punto ritorno alle mie parole contestate da te, doveva la guardia costiera valutare se la nave fosse correttamente dotata?