Giudice: "Lo Stato non c'è, giro armato". Il Csm avvia procedura di trasferimento

Procedura di trasferimento per il giudice di Treviso Angelo Mascolo, dopo la lettera aperta del magistrato pubblicata su alcuni quotidiani, nella quale si leggeva che "lo Stato non c’è, d’ora in poi giro armato"

Il giudice di Treviso Angelo Mascolo alcune settimane fa aveva mandato una lettera ai giornali dicendo che d'ora in poi avrebbe girato armato. A indurlo a compiere questa scelta era stato un episodio: dopo un sorpasso era stato inseguito da un'auto, con ripetuti colpi di abbagliante. Poco dopo il giudice aveva incontrato una pattuglia di carabinieri, ai quali si era rivolto per denunciare quanto accaduto. Gli inseguitori avevano raccontato agli uomini dell'Arma di aver tallonato Mascolo solo "per esprimere critiche sul suo modo di guidare". Il giudice, però, non credendo a quella versione aveva scritto la lettera-sfogo ai giornali, ponendo un problema: "Se fossi stato armato, come è mio diritto e come sarò d'ora in poi, che sarebbe successo se, senza l'intervento dei Carabinieri, le due facce proibite a bordo della Bmw mi avessero fermato e aggredito, come chiaramente volevano fare?". Quello sfogo ovviamente aveva fatto discutere, scatenando un gran polverone.

Mascolo aveva lanciata la sua sfida: "Creiamo un'assicurazione pagata dallo Stato che risarcisca i commercianti dalle rapine. Lo Stato non c'è, d'ora in poi giro armato". Parole stigmatizzate dall’Anm del Veneto, che in una nota aveva sottolineato che "i magistrati veneti credono profondamente nello Stato", che "esiste e controlla saldamente il territorio". Una scelta, questa, che aveva portato Mascolo a querelare la giunta veneta del sindacato delle toghe, iniziativa che è stata definita dal neo presidente dell’Anm Eugenio Albamonte "grave e senza precedenti". Il Csm a quel punto ha autorizzato l'apertura di una pratica per verificare se sussistessero o meno i presupposti per avviare una procedura di trasferimento d'ufficio.

La procedura, come si apprende, è stata avviata. L'ha fatta partire la prima commissione del Csm, per incompatibilità nei confronti del giudice. L’istruttoria della prima commissione, presieduta dal consigliere laico Giuseppe Fanfani (vicepresidente è il togato Luca Palamara), prenderà il via la prossima settimana con l’audizione del presidente del tribunale di Trevis.

Subito dopo, come prevede il regolamento, Mascolo verrà convocato a Palazzo dei Marescialli, assistito da un difensore, per spiegare le sue ragioni.

Commenti

MOSTARDELLIS

Gio, 06/04/2017 - 15:56

Per una volta che abbiamo un giudice per bene e normale, gli si scatenano tutti contro. Evidentemente ha detto la verità.

forbot

Gio, 06/04/2017 - 16:07

Niente paura! Saranno tra breve a loro volta trasferiti. Ricordiamocene alle prossime elezioni.

Ritratto di DARDEGGIO

DARDEGGIO

Gio, 06/04/2017 - 16:13

La stragrande maggioranza dei cittadini concorda sul fatto che lo stato in gran parte non esiste e che quando esiste lo fa in modo del tutto pasticciato, essendo che lo stato sono i politici in comunione con gli associazionismi, i consigli e le corti di vario genere di cui lo stato stesso pullula in un coacervo di funzioni di solido sconosciute agli stessi ottemperanti. Quando un povero servo dello stato,peraltro ben pensante, osa esternare un proprio pensiero la MONARCHIA insorge all'unisono, con forza intimidatoria, come uno stormo di storni. A me questo comportamento solidale con loro stessi sa un po' di ... ingiustizia intrinseca.

Ritratto di DARDEGGIO

DARDEGGIO

Gio, 06/04/2017 - 16:19

Ho dimenticato un passaggio importante: questo giudice ha tutta la mia stima, la mia ammirazione e guarda un po', strano a dirsi, anche la mia simpatia. Lo vedo come un onesto e giusto parroco schiacciato dalle corti cardinalizie. Invece, i parrucconi imbellettati e super gratificati che infoltiscono i vari associazionismi, camere, consigli, corti e chi ne ha più ne mette mi stanno abbastanza odiosi.

glasnost

Gio, 06/04/2017 - 16:23

In questo paese la verità VERA non si può dire. In epoca di politicamente corretto bisogna dire quello che vuole il padrone di turno. E ci diciamo : un paese libero!!!!

Ritratto di settimiosevero

settimiosevero

Gio, 06/04/2017 - 16:27

si trasferitelo e magari al suo posto mettete il collega che ha scarcerato, alla mattina, quel poveretto vittima della giustizia, ed alla sera prendeva a sprangate fino ad uccidere un ragazzo. ma dove vivono sti beoti, ai parioli o similari con la scorta? provate signori magistrati a percorrere le vie anche del centro delle nostre città anche medio-piccole, sono piene di quei signori per i quali tanto vi prodigate a tenere liberi che sicuramente riconoscendovi fi faranno si sicuro la "festa". in Italia la legge si interpreta non si applica.

donald2017

Gio, 06/04/2017 - 16:45

un grande uomo un grande giudice peccato che sia l'eccezzione che conferma la regola; io lo candiderei PREMIER

beale

Gio, 06/04/2017 - 16:48

Lo Stato non c'è e il CSM apre procedimento disciplinare per il trasferimento quindi, il CSM è lo Stato

mareblu

Gio, 06/04/2017 - 17:01

LA VERITA' E'! CHE LO STATO, GLI STATALI E I POLITICI HANNO PAURA DEI CITTADINI ARMATI.!

mizzy2806

Gio, 06/04/2017 - 17:07

E' strano che un giudice, che nella normalità dovrebbe rappresentare la massima espressione della libertà in uno stato democratico, non possa esprimere liberamente le proprie opinioni. Viviamo proprio in un paese strano. Il punto è che il problema della sicurezza sta diventando ogni giorno più importante, per tutti noi, forse perché ogni giorno che passa le nostre città si riempiono di persone disperate e/o disposte a tutto pur di sopravvivere? Il fatto è che se uno stato non riesce più a garantire la sicurezza come dovrebbe fare, sempre più cittadini onesti sentiranno il bisogno di acquisirla autonomamente, con ogni mezzo possibile. Alle prossime elezioni, pensateci....meditate gente, meditate.

massmil

Gio, 06/04/2017 - 17:13

E' pazzesco da noi le verità non sono ammesse, le ipocrisie invece si sprecano. Grande giudice ti stimo.

VittorioMar

Gio, 06/04/2017 - 17:33

....SE SI "TRASFERISSE" IL CSM :SI RISPARMIEREBBE E... SAREBBE COSA BUONA..SANTA... e GIUSTA !!....PERCHE' NON IMITANO QUALCUNO CHE SI E' DATO ALL'AGRICOLTURA ???

veromario

Gio, 06/04/2017 - 17:38

DOVREBBERO COMINCIARE AD AVERE PAURA ANCHE DEI CITTADINI DISARMATI.

Ritratto di rapax

rapax

Gio, 06/04/2017 - 17:43

ma qual'è il problema, magistrati, avvocati, gioiellieri possono richiedere il VERO porto d'armi cioè quello di trasporto anche fuori casa, escluso assembramenti di persone o in manifestazioni pubbliche

Ritratto di elkid

elkid

Gio, 06/04/2017 - 17:49

----la decisione di trasferimento non è scaturita dalla libera espressione di questo magistrato---ma dal fatto che abbia querelato Anm del Veneto----quando leggete un articolo --usate il ditino---hasta

Mauro23

Gio, 06/04/2017 - 17:50

Sig. Mascolo lei è l'unico Magistrato che capisce qualcosa,nel momento in qui afferra che lo Stato ha perso il controllo del territorio o ha peso il Potere della Forza o Primato della Forza in quanto primo detentore della Forza così dovrebbe essere se fossimo in presenza di uno Stato che si Rispetti. Saluti

giovanni PERINCIOLO

Gio, 06/04/2017 - 18:19

Sapessero i sommi magistrati quanti trevisani vorrebbero trasferire il CSM all'.......

salvatore40

Gio, 06/04/2017 - 18:20

L' unico giudice non corrotto. Perciò dice la verità. Tutti gli altri difendono l' Inganno del Regime Democratico. Il primo venga processato e gettato in prigione ove sarà pianto e stridor di denti; questi ultimi vengano premiati con scatti di carriera e di stipendio per la loro fedeltà ultracanina !

lawless

Gio, 06/04/2017 - 18:34

che dire, certi magistrati non vogliono proprio rendersi conto che hanno distrutto interiormente i cittadini onesti con le loro strampalate interpretazioni delle leggi. Non c'è niente da fare, neanche se a far capire loro come stanno realmente le cose ci si mette un loro simile. Il fascismo non è morto.

Ritratto di calzolari loernzo

calzolari loernzo

Gio, 06/04/2017 - 18:41

come dimostra questo episodio, in italia esiste il reato di "opinione"

gianpiz47

Gio, 06/04/2017 - 18:55

Lo trasferiscono con o senza pistola? Mi sa che tutti quelli del csm (volutamente minuscolo) sono loro stessi dei pistola.

gianpiz47

Gio, 06/04/2017 - 18:58

Dopo aver postato il mio commento ho letto quello di elkid ed ho capito da chi è sostenuto il csm (volutamente minuscolo).

forbot

Gio, 06/04/2017 - 19:51

# mareblu # Il mare è sempre più blù- speriamo non diventi rosso - Certo siamo già in tanti a pensare quello che hai detto .

Marcello.508

Ven, 07/04/2017 - 09:19

In questo articolo a mio avviso vanno messe in evidenza due "verità": la prima è che l'affermazione del magistrato circa l'incapacità dello stato di dare concretamente sicurezza ai cittadini sussiste (con quell'obbrobrio di risarcimento in via civile, come se il ladro fosse un mestiere .. onesto), aspetto evidente alla luce della situazione odierna; la seconda è che un magistrato può legittimamente fare critiche a 360° o .. quasi. Quel quasi riguarda Csm ed Anm. Appena un qualsiasi magistrato solo sfiora questi organismi (se poi querela apriti cielo..), scatta l'ammonizione che, per un magistrato che non commetta reati veri e propri, è nei casi ritenuti più "gravi" il trasferimento. La mia sincera solidarietà al magistrato trevigiano.

Marcello.508

Ven, 07/04/2017 - 09:20

In questo articolo a mio avviso vanno messe in evidenza due "verità": la prima è che l'affermazione del magistrato circa l'incapacità dello stato di dare concretamente sicurezza ai cittadini sussiste (con quell'obbrobrio di risarcimento in via civile, come se il ladro fosse un mestiere .. onesto), cosa che non si può contestare alla luce della situazione odierna; la seconda è che un magistrato può legittimamente fare critiche a 360° o .. quasi. Quel quasi riguarda Csm ed Anm. Appena un qualsiasi magistrato solo sfiora questi organismi (se poi querela..), scatta l'ammonizione che, per un magistrato che non commetta reati veri e propri, è nei casi ritenuti più "gravi" il trasferimento. La mia sincera solidarietà al magistrato trevigiano.

gianpiz47

Ven, 07/04/2017 - 09:44

Quei pistola del csm lo trasferiscono con o senza pistola?.

Ritratto di nando49

nando49

Ven, 07/04/2017 - 09:52

Per lo Stato le dichiarazioni del giudice sono contrarie alla deontologia corrente. Si deve far ammazzare e come premio ci sarà una bella targa ricordo in qualche tribunale. Ma i comuni cittadini non stanno meglio: a loro neanche la targhetta, anzi...

Duka

Ven, 07/04/2017 - 10:02

Ha ragione il magistrato: lo stato non c'è e quel poco molto poco rimasto è inutile e dannoso.

Giorgio Colomba

Ven, 07/04/2017 - 10:11

Confucio diceva che quando il saggio indica la Luna, lo stolto guarda il dito. Per una volta che c'è un giudice non solo a Berlino, ma anche a Treviso...

Ritratto di michele lamacchia

michele lamacchia

Ven, 07/04/2017 - 10:44

In forza del regolamento al T.U.L.P.S., r.d. 35/1940, art. 73, e dell'art. 7, legge 21 febbraio 1990, n. 36 che ha ampliato la portata della citata norma del T.U.L.P.S., estendendo la facolta' di porto d'armi senza licenza, "... ai magistrati dell'ordine giudiziario, anche se temporaneamente collocati fuori dal ruolo organico... ", i magistrati hanno il porto d'armi, dunque, per legge e non certamente per bellezza, ma per difesa personale. Non è richiesta nemmeno idoneità e pratica al poligono di tiro. Dove starebbe lo scandalo nelle parole del Magistrato che ha formulato una ipotesi e si è espresso secondo l' ormai pensiero dominante? Diano a berla a qualche altro. Abbiano prima il coraggio di cambiare la legge.

giovinap

Ven, 07/04/2017 - 12:57

a quasi tutti voi , sfugge una questioncella piccola picccola , il magistrato che si lamenta dell'assenza dello stato , fa parte di un pezzo , maggioritario , dello stato che dovrebbe garantire a tutti gli italiani , bue , la sicurezza , ora starnazza per che qualcuno ha avuto l'ardire di fare lesa maestà nei suoi confronti .

Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Ven, 07/04/2017 - 13:04

Solidarietà al Giudice Angelo Mascolo.

accanove

Ven, 07/04/2017 - 15:59

come qualcuno ha fatto notare è stato trasferito per la querela al sindacato anche se posso immaginare al CSM si sia sfregati le mani per l'occasione offerta loro. L'impressione è che questo magistrato sia stato "fulminato sulla via di Damasco" ma sia in qualche modo "impacciato"..?. Come scrissi giorni addietro sull'articolo originario...... vorrei comunque vedere come guida....