Hanno vinto gli elettori

È una vittoria che ricorda l'intuizione del Cav del '94. Tanta gente non si riconosce in Renzi e neppure in Grillo

Non è questo il giorno per pesare grammo a grammo la vittoria. Nessuno in fondo si aspettava un successo così netto e profondo del centrodestra, con le roccheforti storiche della sinistra spazzate via, con un cambio di orizzonti e di scenari così improvviso, con il Pd che non si riconosce, i grillini che si accontentano di brindare a Carrara e Guidonia e Renzi che ricorda certi personaggi tragici, e un po' infantili, che di fronte alla disfatta continuano a ripetere: ho vinto io.

Ci sta che il giorno dopo chi ha vinto si prenda un pezzo della vittoria. Per orgoglio, perché si è lavorato bene, perché non accadeva da tempo, perché era una scommessa, perché qualcosa sta cambiando, per un ritorno. Ci sta. Ci sta sbandierare il vento del Nord o il modello Genova. Ci sta riconoscere il ruolo di sindaci con le idee forti e la voce moderata. Ci sta l'entusiasmo di Salvini, il sorriso della Meloni, la soddisfazione della Gelmini, le ragioni di Toti. Ci sta pure pensare al futuro politico con un certo ottimismo. Solo una cosa chi ha vinto non deve rischiare di fare, magari per troppa foga: fare a brandelli la vittoria. Pezzo a pezzo. Come a dire che la mia vittoria è più vittoria della tua. È più colorata. Pesa di più. È più furba. Sarebbe il modo più veloce per rovinare tutto.

Il successo nelle città è la conseguenza di un centrodestra che ha scelto di riconoscersi, con tutte le sue sfumature, con le diversità, senza strafare, aprendo anche a chi come le liste civiche non porta bandiere e divise ufficiali. È una vittoria che ricorda l'intuizione del Berlusconi del '94. Il centrodestra è un prisma, dove di volta in volta sono apparsi i volti di tanti protagonisti: Bossi, lo sciagurato Fini, perfino Casini. Non sempre ha funzionato. Il prisma si è rotto quando quelle facce non hanno più voluto riconoscersi in un punto di riferimento, in una faccia più centrale, che rappresentava il minimo comune denominatore della coalizione. Qualcuno in grado di dargli un equilibrio, una misura, una mappa. La domenica della «vittoria della domenica» è passata, ci sarà tempo per farci i conti. Non sarà tutto facile. Ma i voti narrano che c'è ancora tanta gente che non si riconosce in Renzi e neppure in Grillo. Stanno lì, anche se molti li raccontavano in fuga, dispersi, disorientati. A quanto pare non è così. Domenica allora qualcuno ha vinto. Hanno vinto gli elettori.

Commenti
Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Mar, 27/06/2017 - 23:11

Hanno vinto.....una cippa! Ancora al Governo comandano loro e se non basta comanda Bruxelles ed i sindaci specialmente di dx continueranno a subire. Se vogliono non arriva nessun incentivo ed i Comuni dovranno tartassare i propri cittadini ed è quello che vogliono, spogliarci. Altri arrivi di migranti traghettati apposta, ecco dove finiscono i nostri soldi, strappati dai nostri portafogli. Vogliono abbassare il tenore di vita è tutto un complotto. Quando non si cresce si adotta questo metodo, non fai avanzare la crescita delle nostre aziende e costruttori? Allora ti distruggo popolo ignorante.

Paolo Berlinghieri

Mar, 27/06/2017 - 23:23

Ma Macioce ha letto i dati sull'astensionismo? Ridicolo.

Ritratto di elkid

elkid

Mar, 27/06/2017 - 23:25

--i giornalisti che fanno ste elegie son proprio fuori di testa---date i numeri--non nel senso che impazzite---ma dateli i numeri di chi è andato a votare--fate capire alla gente che ha votato poco più che un'assemblea condominiale--questo voto da un punto di vista politico non ci dice nulla di nulla--tranne che la gente è andata a mare e se ne frega di tutto e di tutti--swag

manfredog

Mar, 27/06/2017 - 23:37

..se hanno 'vinto' (non so..), hanno vinto solo gli elettori che sono andati a VOTARE (per qualsiasi schieramento), perché votare è innanzitutto un DOVERE, prima che un diritto; il non votare è un diritto..!?..si, certo, ma poi nessuno di coloro che non ha votato ha il DIRITTO di lamentarsi se le cose non vanno bene per lui. Votare il meno peggio, se si crede, ma VOTARE, se no si cambia nazione, punto. mg.

Ritratto di wilegio

wilegio

Mer, 28/06/2017 - 00:10

Per chiosare il titolo di questo articolo, molta gente non si riconosce nel pd o nel m5s, ma non per questo si riconosce in un Berlusconi che oggi più che mai appare indeciso su quale parte scegliere. Aspettiamo pazientemente, ma con estrema diffidenza, le sue scelte, dopodiché decideremo il da farsi. Ma il piede in due staffe no. Su questo punto non ci stiamo.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Mer, 28/06/2017 - 00:58

La gente non ne può più di questi fanfaroni.

cicocichetti

Mer, 28/06/2017 - 01:01

ha vinto la paura dell'immigrazione

Ritratto di Pesto

Pesto

Mer, 28/06/2017 - 01:06

Certo che hanno vinto gli elettori: più del 50% si è guardato bene dal andare a votare... E c'è chi canta vittoria per aver preso il 55% del 42% di votanti... Giusto esultare per carità, ma un minimo di rispetto per la realtà ci vorrebbe anche.

lupo1963

Mer, 28/06/2017 - 06:14

E' molto, molto diversa la situazione rispeto al 94.Nel 94 credevamo che Berlusconi potesse fare qualcosa. Oggi no. Lui e' stato molto svelto ad apropriarsi della vittoria , come fosse merito suo e di chissa' quali aspettative. In realta ' il nostro voto non va a premiare il suo "moderatismo" (leggi inciucio col pd per non essere piu' perseguitato), le sue folli promesse di radoppio delle pensioni (1000 euro in un paese dove i giovani se lo sognano uno stipendio di 1000 euro , e figuriamoci una pensione futura ...) e di reddito di cittadinanza, il suo animalismo in combutta con la rossa invasata , le sue continue promesse di lealta' al ppe dove e' capo incontrastato proprio quella che rideva di lui mentre capeggiava il complotto Per rovesciare il suo governo. Il nostro voto si basa su tre richieste : STOP ALL' INVASIONE , MENO TASSE e PIU' SICUREZZA Realizzate questi tre punti ed il resto ce lo sbrighiamo da soli.Come abbiamo sempre fatto ...

Alex1970

Mer, 28/06/2017 - 07:06

Ahahaha con la maggioranza assoluta di non votanti titolate "hanno vinto gli elettori".

cangurino

Mer, 28/06/2017 - 07:13

una coesione di programmi tra i partiti del cdx è indispensabile per cercare di limitare i danni fatti dalla sinistra in questi sciagurati anni. Purtroppo il recente passato deve farci riflettere. Nella coalizione non possono entrare i politici di AP, che hanno preso voti nel cdx per poi dare appoggio incondizionato e ben retribuito al PD. Ma già in FI si parla di reimbarcarli, vedi Schifani e dichiarazioni di Berlusconi e Gelmini. Dare appoggio a candidati esterni al cdx, come fatto da Berlusconi a Roma con Marchini, contro l'alleata Meloni, non fa bene alla coalizione. Berlusconi deve decidere con chi stare.

AndyFay

Mer, 28/06/2017 - 07:15

Gli elettori non hanno vinto, hanno solo assaporato l'idea che se viene data loro la possibilità di votare possono mandare a casa questo governo che sta rovinando l'Italia. C'è ancora tanto da fare. Coraggio italiani, svegliamoci!

Ritratto di Nubaoro

Nubaoro

Mer, 28/06/2017 - 07:21

continuano e continueranno a controllare con i loro tentacoli rossi magistratura, sindacati, informazione, kultura, banche, assicurazioni, coop, onlus, ecc. Ci vuole una totale restaurazione dello stato di diritto.

doctorm2

Mer, 28/06/2017 - 07:35

Hanno vinto gli elettori ? Quali ? Quelli (56% circa) che non hanno votato? che bella vittoria.... No, qui hanno solo perso tutti, in primo luogo il popolo italiano che ha dimostrato che non gliene importa un cavolo della politica anch.

edo1969

Mer, 28/06/2017 - 07:51

Adesso non cantiamocele da soli. Pure il cdx è messo male visto che è una coalizione solo sulla carta. Anzi è un'accozzaglia senza un’anima politica che probabilmente solo Berlusconi potrebbe ridare, ma la vedo impossibile. Quindi s’intravede lo scenario peggiore che si possa immaginare: sistema elettorale proporzionale classico con qualche aggiustatina, contentino per noi popolino, tipo sbarramento alla tedesca. E poi via all’ammucchiata generale con finti litigi, favori reciproci, inciuci e ingovernabilità. Chi dall’estero vuole venire a investire in questo schifo di Paese?

Beaufou

Mer, 28/06/2017 - 08:18

Già, Macioce, hanno vinto gli elettori. Ma ho l'impressione che, purtroppo, ci penseranno i capetti politici (Salvini, Meloni, Toti per far qualche nome) a trasformare un'indiscutibile vittoria nel solito inconcludente pollaio delle rivendicazioni e delle pretese, che non porterà da nessuna parte. Spero di sbagliarmi.

routier

Mer, 28/06/2017 - 08:30

I Sindaci (autentica espressione democratica in quanto eletti direttamente dai cittadini) hanno un potere molto limitato in quanto Roma ed i suoi Prefetti (emanazione periferica del potere centrale) possono tarpare le ali a qualunque iniziatica del Sindaco che non fosse in linea con il volere governativo. DEMOCRAZIA ADDIO! E' STATO BELLO CONOSCERTI ED ALTRETTANTO BRUTTO, SALUTARTI.

Ritratto di 02121940

02121940

Mer, 28/06/2017 - 08:50

M5S critica soltanto, ma non realizza nulla di concreto e paga l'incapacità generale ed in particolare quella di Raggi a Roma. La sinistra paga i guai fatti da Renzi e Boschi: l'elettorato lo ha certificato per la seconda volta, quando ne ha avuta l'occasione. Aspettiamo la prossima occasione, ormai non lontana.

buri

Mer, 28/06/2017 - 12:12

il guai è che Renzi non capisce niente e tira dritto nel creare danni al paese