Immigrati affetti da scabbia. E i cittadini li cacciano via dal Paese

A Mandatoriccio come a Goro. Barricate dei residenti contro l'arrivo di 42 profughi. E il prefetto è costretto a cedere

A Goro come a Mandatoriccio. Da nord a sud si alzano le barricate per respingere gli immigrati. In Calabria, qualche settimana fa, i sindaci del basso ionio cosentino insieme a centinaia di cittadini hanno bloccato le strade per impedire l’arrivo di un pullman con a bordo 42 profughi.

"Il prefetto non può imporci l’accoglienza dall’alto. Noi non siamo in grado di ospitare gli immigrati, tra l’altro violenti e malati". Aveva dichiarato il sindaco della piccola cittadina calabrese Angelo Donnici. E così, il pullman messo a disposizione dalla prefettura di Cosenza, è stato costretto a fare marcia indietro a causa dell’imponente blocco stradale creato con pallet in legno e bidoni dell’immondizia. A bordo del pullman viaggiava un gruppo di immigrati fra cui qualcuno affetto da scabbia, altri, invece, da diverse patologie e quasi tutti implicati nei disordini creati al centro di accoglienza di Spezzano Piccolo. Proprio per questi motivi, infatti, era stato predisposto il loro trasferimento: dallo sperduto centro di accoglienza sui monti della Sila ad un hotel sulla splendida costa ionica.

In una denuncia fatta dal responsabile della casa d’accoglienza si legge testualmente: "Sono soggetti violenti che hanno manifestato aggressione fisica nei confronti dei vigilanti educatori, nonché nei confronti degli altri ospiti del centro. Non accettano le regole della casa circa gli orari da rispettare, sono indisciplinati, litigiosi ed hanno arrecato danneggiamenti alla struttura, nonché disturbo alla quiete pubblica. Alla luce dei fatti esposti si chiede l’immediata rimozione dei soggetti dal nostro centro".

E così, invece che espellere gli immigrati a causa dei reati commessi, la prefettura bruzia ha pensato bene di trasferirli. Dalla montagna al mare. A prenderli in consegna avrebbe dovuto essere un’impresa immobiliare che, secondo una visura fatta presso la camera di commercio di Cosenza, è inattiva. L’ultimo bilancio, infatti, risale al lontano 2012. E non è tutto qui. La società immobiliare risulterebbe essere debitrice nei confronti del comune di oltre 70 mila euro. Pare non abbia mai pagato i tributi.

Ma i controlli seri, su persone e cose, quando?

Mappa

Commenti

ziobeppe1951

Mer, 26/10/2016 - 14:57

Non c'è due senza tre ecc.ecc.

Rossana Rossi

Mer, 26/10/2016 - 15:31

E lo schifo continua..........votate si, votate pd e ve li ritroverete a comandare in casa vostra.......

Tuvok

Mer, 26/10/2016 - 15:57

“La società immobiliare risulterebbe essere debitrice nei confronti del comune di oltre 70 mila euro. Pare non abbia mai pagato i tributi.” Ed ecco che, magia magia, i titolari della società avranno diritto ad una ROTTAMAZIONE SPECIALE: non hai i soldi per pagare i TRIBUTI? Ti mandiamo un bel gruppo di clandestini e i tuoi tributi li PAGANO I CITTADINI.

Ritratto di riccio.lino.porco.spino

riccio.lino.por...

Mer, 26/10/2016 - 16:11

infatti il problema dell'ignoranza non e' solo un problema del nord italia.

Ritratto di 98NARE

98NARE

Mer, 26/10/2016 - 16:38

Grandi avanti cosi'....... o NOI o loro, la scelta mi sembra molto OVVIA, a parte per il Perfetto Prefetto schiavo di ROMa ! cittadini avanti cosi', non mollate 1 centimetro

Ritratto di marco piccardi

marco piccardi

Mer, 26/10/2016 - 16:39

COSI' SI FA !!!!!!!!! viva l'Italia che si ribella !

OttavioM.

Mer, 26/10/2016 - 16:45

Assurdo gente violenta va espulsa al paese di origine,invece li espellono verso altri centri di accoglienza scaricando i clandestini violenti su ignare comunità. Vergognoso! Perchè non li portano a casa dei buonisti italici della sinistra radical chic,li devono ospitare loro ste risorse.

Ritratto di giangol

giangol

Mer, 26/10/2016 - 16:58

e cosa vuoi che sia per un pò di scabbia! inviate per le cure le mogli delle zecche rosse che scrivono qui sul forum

VittorioMar

Mer, 26/10/2016 - 17:00

...finalmente qualcosa si muove!!

Cheyenne

Mer, 26/10/2016 - 17:26

bisogna ribellarsi a questi maledetti

buri

Mer, 26/10/2016 - 17:29

andrebberi espulsi e basta non meritanno altro

vince50

Mer, 26/10/2016 - 17:37

Difatti l'ignoranza è un problema molto serio sia a Nord che Sud.Nel senso che ignorare questa invasione non ostacolata anzi accolta,costerà molto caro oltre che a noi anche ai posteri grazie ai saputelli ignoranti(che ignorano).

Ritratto di riccio.lino.porco.spino

riccio.lino.por...

Mer, 26/10/2016 - 18:04

a quelli che "nei loro paesi non ci sono chiese perchè noi dovremmo costruire moschee?" provate ad andare a mandatoriccio a chiedere di aprire un negozio (a goro sarebbe inutile, entrerebbero solo zanzare...)

paperino66

Mer, 26/10/2016 - 18:16

Art.52 Costituzione Italiana : La difesa della Patria è sacro dovere del cittadino. Bravi, almeno qualcuno comincia a mettere in PRATICA la Nostra Costituzione !!!

moshe

Mer, 26/10/2016 - 18:23

RIVOLTIAMOCI TUTTI, NON POSSONO ARRESTARE TUTTA UN'ITALIA CHE SI RIBELLA !!!!!

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Mer, 26/10/2016 - 18:29

Chiedere chi ha votato a sinistra; spedirli tutti in quelle case. Rifiutassero dategli dei razzisti. Parlare sono sempre fenomeni, fatti mai. Anzi pretendono sempre che gli altri, non loro, debbano aprire casa, portafoglio e qualcos' altro. Certo, dopo che l'avete fatto voi, cioè mai.

guardiano

Mer, 26/10/2016 - 18:38

Ricciolino se non lo sai in svizzera l'eutanasia non è pribita approfittane.

Ritratto di navigatore

navigatore

Mer, 26/10/2016 - 18:50

urgente informare la Onorevola BOLDRINI del maltrattamento che stanno subendo le sue risorse da parte di violenti, arroganti, cattivi, ITALIANI, che si sono rotti le palle di questo andazzo, fanno ancora poco, troppo buoni

settemillo

Mer, 26/10/2016 - 18:51

I migranti con la scabbia devono essere immediatamente portati metà a casa di alf_Hanino e l'altra metà a casa del renzino abusivo presidente del CAISER.-+

Keplero17

Mer, 26/10/2016 - 23:14

Onore a questi cittadini che riscattano la vergogna di una Italia invasa e succube di un governo sempre più in balia di se stesso. Votiamo no al referendum.

routier

Gio, 27/10/2016 - 07:51

Rifiutare l'ospitalità serve a poco, è come rimandare il problema delle acque inquinate di un fiume alla città che si trova più a valle. Il problema è solo geograficamente spostato ma pur sempre nei confini nazionali. La soluzione dovrebbe essere ben più drastica: ESPULSIONE!

dinross

Gio, 27/10/2016 - 08:13

sbraitare, ed urlare contro questa schifezza e come i "romani" trattano i cittadini, poi tutti a votare per loro, e dopo di nuovo a sbraitare contro di loro