Indagato il titolare della fabbrica di fuochi d'artificio esplosa nel Barese

Nove le vittime dell'incidente e due feriti. L'unico dei soci illeso iscritto nel registro

Dei tre soci della ditta Bruscella di Modugno, in provincia di Bari, soltanto uno è uscito illeso da un grave incidente che ha portato alla morte di nove persone e al ferimento di altre due. Vincenzo Bruscella è a oggi ricoverato in condizioni gravi a Napoli, il nipote Michele è morto in rianimazione al Perrino di Brindisi. Antonio, l'altro titolare, è invece finito iscritto nel registro delle indagini.

Un atto dovuto, fa sapere la magistratura, necessario per procedere con i rilievi e che permetterà a Bruscella di nominare dei consulenti perché partecipino agli accertamenti disposti dalla magistratura su quanto avvenuto nella sua ditta nel Barese, dove una serie di esplosioni hanno provocato numerose vittime nei giorni scorsi.

Molte le manifestazioni di solidarietà arrivate in questi giorni, ma intanto va avanti il lavoro degli investigatori, che devono ancora rintracciare la causa della tragica esplosione. Le audizioni di chi è informato sui fatti andranno avanti per tutta la settimana. Potrebbero aiutare a capire qualcosa in più su cosa sia andato storto venerdì e sulla tragedia che ne è seguita.