"Iniziare alle 9 è una tortura". La Oxford University propone: "È meglio posticipare alle 10"

Lo studio della Oxford University: "Il corpo funziona sempre in armonia con la luce del sole: ecco l'orario migliore per lavorare e studiare"

"Iniziare a lavorare alle 9 del mattino è una tortura". Secondo il dottor Paul Kelley dello Sleep and Circadian Neuroscience Institute della della Oxford University, non bisognerebbe entrare in ufficio prima delle 10. Prima dei 55 anni, il ritmo circadiano degli adulti è fuori sincrono rispetto alla normale giornata lavorativa che di solito va dalle 9 di mattina alle 5 del pomeriggio.

"È un grande problema per la nostra società - spiega Kelley durante il British Science Festival a Bradford - viviamo in un modo privato del sonno. E questo danneggia il nostro corpo, sia a livello fisico sia a livello emotivo. Tutti ne fanno le spese, quando non dovrebbero. Non possiamo cambiare i nostri ritmi. Non puoi imparare a svegliarti ad un certo orario. Perché il tuo corpo funziona sempre in armonia con la luce del sole, anche se non te ne accorgi. Nelle prigioni o negli ospedali, le persone vengono svegliate e gli viene dato qualcosa da mangiare anche quando non vogliono. Ma tu sei fuori da tutto questo. La privazione del sonno è una tortura". Il ricercatore della Oxord University avrebbe riscontrato lo stesso problema anche per i più piccoli. Tanto per fare alcuni esempi: un bambino di 10 anni non si concentra bene sui compiti prima delle 8 e mezza di mattina, mentre un adolescente di 16 anni non dovrebbe entrare in classe prima delle 10. E, persino, gli universitari non se la passano bene. Se vogliono ottenere risultati migliori, devono impostare lo studio dopo le 11. "Abbiamo la possibilità di migliorare la qualità della vita di generazioni di giovani - spiega Kelley - abbiamo l'opportunità di fare qualcosa di buono per milioni di persone sulla Terra".

Commenti
Ritratto di gzorzi

gzorzi

Mer, 09/09/2015 - 16:30

Il disoccupato se la passa alla grande.

gneo58

Mer, 09/09/2015 - 16:39

chi glielo dice ora al mio corpo che da 40 anni si alza alle 6 per andare a lavorare e che, forza dell'abitudine, continua ad alzarsi a quell'ora se non prima anche sabati, domeniche e vacanze ?

Ritratto di semovente

semovente

Mer, 09/09/2015 - 16:56

Meglio cominciare alle 12 e finire alle 13. Ma come nascono questi scienziati?

macchiapam

Mer, 09/09/2015 - 17:21

Giustissimo! E ha ragione Semovente: meglio iniziare alle 12 e finire alle 13. Anzi, meglio ancora: iniziare alle 11 e finire alle 12, per potersi ben preparare per il lunch. Poi una breve siesta, ripresa alle 15 e chiusura alle 16,30, in tempo per il five-o-clock tea. That's life!

cgf

Mer, 09/09/2015 - 17:51

meglio poter dormire la mattina soprattutto se la sera le birre... MAH! io ho sempre saputo (e sperimentato) che "quanto fai in una mattina non si fa in tre pomeriggi", anche in spagnolo c'è un proverbio 'a quien madruga Dios le ayuda' (in Italiano letteralmente sarebbe 'Chi si sveglia presto vien aiutato da Dio' ma si traduce come 'Le ore del mattino hanno l'oro in bocca'), in tedesco, francese, inglese, tutte le lingue, persino la bibbia è rimarcato l'alzarzi presto la mattina per fare cose importanti.

Ritratto di tomari

tomari

Mer, 09/09/2015 - 18:30

Ho fatto per 36 anni il macchinista nelle FS, lvorando sia di giorno che di notte, feste comprese.Ho 75 anni e, alla festa dei settantacinquenni, con tanto di foto sul quotidiano locale, chi mi quelli che mi conoscono mi hanno chiesto: ma cosa ci facevi tu con assieme ai vecchietti? Quando ho detto che anche io avevo l'età delle persone nella fotografia, si sono meravigliati. Ciò per dimostrare che certe "ricerche" lasciano il tempo che trovano. Dimenticavo, a 28 anni, sposato, vado a vedere un film vietato ai minori,al cinema Loreto di Milano, ebbene la cassiera mi ha chiesto la carta d'identità! Sia a me che a mia moglie!

marco m

Mer, 09/09/2015 - 19:36

A tutti quelli dei vari commenti su pranzi, te e compagnia bella, mi spiegate che differenza fa, dal punto di vista del lavoro, se uno lavora dalle 10 alle 18 invece che dalle 9 alle 17?

Ritratto di franco.brezzi

franco.brezzi

Mer, 09/09/2015 - 20:56

@ semovente - D'un fiato? Senza pausa caffè?